Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Prevista un'ondata di gelo memorabile, ma forse solo per gli States

Esame dei modelli a lunghissima scadenza: previsioni e indicazioni sommarie per il mese di Dicembre.

La sfera di cristallo - 4 Dicembre 2000, ore 05.04

Sono usciti, nel loro nuovo "run", le previsioni per il prossimo mese dei modelli previsionali a lungo termine. Non resta che esaminare le varie "possibilità" che vengono prospettate dai vari modelli, anche se si tratta pur sempre di modelli atmosferici "sperimentali", e quindi bisognosi di molti aggiustamenti. Precisiamo infatti che si tratta di tendenze generali che vanno utilizzate con prudenza. Modello EPCP-NCEP: si tratta di un modello parecchio "pessimista", per le nostre aspettative. Nel periodo 02-30 dicembre si prevede una temperatura, sulla nostra Penisola, superiore alla media di 2° circa, con "punte" di +4° sulle Nord-Orientali, mentre sarà di poco superiore alla media sulle Isole Maggiori. Periodo molto caldo dal 2 al 16 dicembre, un po' su tutta la nostra Penisola. Dal 16 al 23 una circolazione Depressionaria Fredda sulla Grecia potrebbe far calare la temperatura sulla Puglia e regioni Ioniche; resta, invece, il caldo al Nord. Migliore, in prospettiva, la settimana dal 23 al 30 dicembre: questo per aria fredda sulla Penisola Iberica, in grado di estendersi anche al versante Occidentale dell'Italia. Permane un notevole caldo sull'Est Europeo, per l'intero periodo, solo nella settimana di Natale comincia ad apparire aria più fredda sulla Scandinavia. In definitiva, sembra essere proprio la settimana di Natale la più fredda del prossimo mese, sembra di "intravedere" questa prospettiva! Piovosa la settimana dal 02 al 09 dicembre, uniformemente su tutta l'Italia, ma in maniera moderata. Dal 09 al 16 dicembre la pioggia si trasferisce soprattutto sulle zone adriatiche e sud-orientali; dal 16 al 23 è ancora il Sud a benficiare di precipitazioni, mentre il Nord ed il Centro Italia restano all'asciutto. Infine, nella settimana di Natale, solo la Puglia resterà sotto le piogge, mentre le perturbazioni scorreranno sull'Europa Centrale. Quindi una settimana di Natale più fredda ma asciutta. Da notare, e in questo tutti i modelli sono concordi, la previsione di una grossa ondata di freddo negli Stati Uniti, di proporzioni gigantesche. Si prevedono, a Dicembre, dagli 8 ai 10° sotto la norma un po' su tutti gli Stati Uniti e gran parte del Canada (Orientale)! modello MRF a 16 giorni: qui il modello ricalca in parte il precedente. fin verso il 10-11 dicembre il tempo sarà prevalentemente umido e piovoso un po' su tutta l'Italia. Successivamente, rimonta anticiclonica con aria abbastanza mite su l'Italia; solo le zone Sud-Orientali saranno interessate da piogge deboli ma peristenti per più giorni. La differenza sta in una profonda circolazione depressionaria gelida che interesserebbe la Russia Europea e la Scandinavia tra il 14 ed il 18 dicembre, non prevista dal precedente modello, anche se il suo tentativo di "invadere" l'Europa sembrerebbe vanificato da successive correnti atlantiche che interesserebbero anche l'Italia tra il 18 e 20 dicembre. Da notare che, secondo le previsioni "spaghetti" (ovverosia MRF "runnate" con 12 valori iniziali differenti, per "testare" i possibili errori nella rilevazione iniziale), ci sarebbe una probabilità del 25% (che è notevole!), che sopra la città di Verona la temperatura ad 850 hPa sia attorno ai -13° il giorno 19 dicembre prossimo, e del 58% che sia compresa tra i -3° ed i -14°! Le MRF confermano, inoltre, la possibilità elevata di una violentissima ondata di freddo su tutti gli Stati Uniti, come risposta ad un fenomeno stratosferico, il cosiddetto "Strat-warming" ("Riscaldamento stratosferico"). Esso è un improvviso ritorno estivo in pieno inverno della Stratosfera (zona atmosferica posta al di sopra della Tropopausa), in direzione del Polo, che si riscalda e si espande "schiacciando" la sottostante Troposfera Polare, e facendo "sgusciare" verso Sud un'immensa quantità di aria fredda. (Questo è il meccanismo col quale si verificò l'ondata di aria fredda del 1985 sull'Italia). Le attuali MRF indicherebbero l'America come direzione preferenziale della discesa fredda Artica; tuttavia vedremo se anche l'Europa potrà essere interessata da un simile fenomeno. Giovan Battista Mazzoni (giobama@ciaoweb.it)

Autore : Giovan Battista Mazzoni (giobama@ciaoweb.it)

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum