Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Per Natale sgomita l'anticiclone, ma non al sud, attenti a fine anno!

Dopo il modesto passaggio frontale tra la Vigilia e Natale, torna l'anticiclone, ma non al sud, dove insisterà l'instabilità. Possibile sorpresa gelida per San Silvestro, specie per le regioni adriatiche. Dai primi di gennaio comunque situazione complessivamente più dinamica con variabilità invernale e, ad intervalli, possibili nevicate su molte regioni.

La sfera di cristallo - 22 Dicembre 2011, ore 13.01

Lo dicevamo stamane, in apertura di giornale. Ci sono spiragli importanti dalla fine dell'anno in poi. In stratosfera hanno acceso il camino e il vortice polare sta per andare in sofferenza. Sarà probabile una sua elliticizzazione, prima ancora di un parziale smembramento. Tutto questo si tradurrà in una generale vivacizzazione del tempo. Si dovrebbe cominciare con un bel botto proprio tra San Silvestro e Capodanno, quasi a festeggiare il 2012.

C'è ancora molta incertezza, ma l'innesco di questo parziale cambiamento barico si dovrebbe concretizzare proprio con un colpo di fucile gelido, in movimento dal nord Europa verso i Balcani, ma con possibili parziali deviazioni mediterranee. Il tutto si tradurrebbe non solo in una brusca diminuzione di temperatura, ma anche in alcuni momenti perturbati sul medio Adriatico e sul meridione, nevosi anche alle basse quote.
 
La possibilità che si formi una depressione sullo Jonio è inoltre assai probabile in questi casi: sarebbe ancora festa della neve per le montagne del nostro meridione. Oltretutto l'anticiclone ne uscirebbe visibilmente ridimensionato, incapace di riproporsi in modo convincente nel Mediterraneo, e pronto ad essere limato dalla forza del getto occidentale sul centro Europa e poi anche sull'Italia; anche questo sarà un segnale di cambiamento, perchè dal 3-4 gennaio potrebbero arrivare fronti in rapida successione, prima dall'influenza modesta, poi, con il rallentamento del getto e con affondi più meridiani, decisamente perturbativi con neve su molte regioni e finalmente anche sul meridione delle Alpi.

Per arrivare ad una conclusione positiva di questo progetto dovrà passare ancora molta acqua sotto i ponti e noi addetti ai lavori dovremo seguire passo passo le vicende stratosferiche, ma siamo ormai quasi certi che il dado sia tratto, per un mese di gennaio molto più dinamico del solito.

Nostro dovere è comunque sempre quello di ragionare razionalmente, ammorbidendo certi eccessi modellistici.

Da qui la possibilità che l'irruzione fredda di San Silvestro risulti meno incisiva e si limiti soprattutto ai Balcani, questo non cambierà di nulla la sostanza però che vede entro il 4-6 gennaio la situazione sbloccarsi da ovest, con le vicende descritte che hanno una discreta possibilità di trovare riscontri nella realtà, nonostante la distanza temporale resti notevole.

L'inverno deve fare l'inverno. Un gennaio come quello descritto rincuorerebbe non poco.

SINTESI PREVISIONALE sino a giovedì 29 dicembre 2011:
venerdì 23 dicembre 2012: bel tempo ovunque, salvo residui addensamenti lungo le Alpi e all'estremo sud. Tendenza ad aumento della nuvolosità sulla Liguria. Temperature senza grandi variazioni, con inversioni termiche e freddo nei bassi strati.

sabato 24 dicembre 2012: al nord nubi in ulteriore aumento tra Liguria, basso Piemonte e bassa Lombardia con qualche piovasco possibile, parzialmente nuvoloso altrove, peggiora in Emilia-Romagna con qualche pioggia, neve in arrivo sui crinali alpini di confine oltre i 1000m, nubi in aumento anche sulla Toscana, cielo poco nuvoloso altrove, ma con tendenza a generale aumento della nuvolosità. In serata piogge sulle regioni centrali, specie versante adriatico con neve oltre i 600m su Marche ed Abruzzo, peggiora nella notte anche al sud, migliora nel contempo al nord con vento da nord-est e temperature in calo.

domenica 25 dicembre 2012: al nord bel tempo, al centro tende a migliorare, al sud ancora nuvoloso con piogge sparse e qualche rovescio, anche temporalesco, nevoso oltre i 600m in Appennino, localmente più in basso lungo il versante adriatico. Temperature in diminuzione.

lunedì 26 dicembre 2012: bel tempo al nord e al centro con temperature in rialzo in montagna, ancora tempo instabile al sud, specie su Puglia, Calabria e Sicilia con rovesci sparsi, anche temporaleschi, nevosi in Appennino oltre i 600-700m e temperature ancora piuttosto basse, con freddo acuito dal vento.

martedì 27 dicembre 2012: bel tempo ovunque, salvo residui addensamenti al sud, con rovesci ancora possibili su Sicilia, Calabria jonica e Isole Pelagie. Possibile comparsa di nebbia sulle pianure del nord.

mercoledì 28 e giovedì 29 dicembre 2012: bel tempo ovunque, un po' di nebbia possibile in Valpadana e residui addensamenti al sud.
 


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum