Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Ormai la breccia è aperta! La pioggia non ci lascerà in tempi brevi

La ferita inferta dalla depressione atlantica sul Mediterraneo occidentale non si rimarginerà tanto facilmente. Essa potrebbe attirare altre perturbazioni anche nel corso della settimana prossima. Il punto della situazione.

La sfera di cristallo - 2 Novembre 2011, ore 14.21

L'intenso peggioramento, inseguito per giorni su carte e modelli, ormai è quasi realtà. Sappiamo che porterà piogge intense su gran parte della nostra Penisola, segnatamente al centro ed al nord.

In questa sede, ci occuperemo però di ciò che accadrà dopo, cercando di valutare come potrebbe reagire la natura ad un simile sussulto perturbato.

Spesso, per far mutare scenari meteorologici consolidati, serve un evento sbloccante, che scombussoli le carte in tavola ed imponga alla natura la ricerca di altri equilibri.

La cartina sopra riportata è molto eloquente. Risulta incentrata per la giornata di martedì 8 novembre. Come potete vedere, la depressione del fine settimana prossimo lascerà in eredità un "buco barico", una "ferita aperta" sul Mediterraneo occidentale, che sarà terreno invitante per altre perturbazioni provenienti dall'Oceano.

Osservate anche l'alta pressione: questa resterà defilata verso nord-est e non potendo contare sul contributo azzorriano (davvero ridotto ai minimi termini) si limiterà a bloccare l'avanzata ad est dei corpi nuvolosi, facendo stazionare gli stessi proprio sulla nostra Penisola.

Situazioni come quelle del prossimo fine settimana potrebbero quindi ripetersi? Sicuramente non avremo un tale assetto barico ed una simile "pericolosità" dei fenomeni. Tuttavia, pare ormai scontato che la porta atlantica sia ormai aperta e ciò potrebbe essere garanzia di nuove piogge sullo Stivale.

Ed il freddo? Trattandosi di correnti atlantiche, per il momento non se ne parla. Teniamo però presente la posizione settentrionale dell'alta pressione. Qualora l'alta delle Azzorre riuscisse a chiudere la porta atlantica, si potrebbe aprire quella dell'est. Sarà possibile ciò? Lasciamo volutamente la parola al Fantameteo, qui di seguito riportato.

Per il momento, ecco le previsioni per i prossimi sette giorni in Italia.

Giovedì 3 novembre: peggiora al nord-ovest nel corso della giornata, con le prime piogge. Nubi in aumento anche al nord est ed in Sardegna, senza piogge. Per il resto bel tempo. Scirocco in rinforzo sul Tirreno e clima mite.

Venerdì 4 novembre: perturbato al nord-ovest con piogge forti. Precipitazioni in estensione anche al nord-est, al Tirreno ed alla Sardegna in giornata. Per il resto nubi sparse senza esiti. Forte scirocco ovunque e clima mite al centro ed al sud.

Sabato 5 novembre: perturbato al nord, centrali tirreniche e Sardegna con piogge forti e rovesci. Nubi sparse e tempo asciutto altrove. Scirocco molto forte.

Domenica 6 novembre: non cambia la situazione, con i fenomeni che raggiungeranno anche la Campania e la Sicilia occidentale. La situazione al nord potrebbe farsi pesante. Sempre scirocco sostenuto.

Lunedì 7 novembre: precipitazioni piu irregolari e sporadiche sulla Penisola. Ad eccezione forse dell'estremo sud. Attenuazione del vento e lieve calo delle temperature.

Martedì 8 e mercoledì 9 novembre: probabile ripresa delle precipitazioni sul settori occidentali italiani ed al nord-ovest, ma questa previsione ha bisogno di conferme. Nuovamente scirocco in rinforzo e temperature sempre miti.


Autore : Paolo Bonino

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum