Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

NEVE più vicina per mezza Italia da martedì 24

Affondi perturbati più importanti stimati per la prossima settimana con doppia possibilità di neve a quote molto basse su nord e centro Italia. Le probabilità sembrano crescere ma serpeggia ancora molta incertezza.

La sfera di cristallo - 19 Gennaio 2012, ore 13.10

Mentre il vortice polare dà segni di un ulteriore cedimento, a causa di un nuovo riscaldamento in sede stratosferica, i modelli rimescolano nuovamente le carte e offrono al momento quella frenata zonale che stavamo aspettando, con ondulazioni sempre più marcate e affondi meridiani sempre più importanti con trasporto di masse d'aria gradualmente più fredde.

Se il fine settimana vedrà i fiocchi segnatamente confinati alle zone confinali alpine e qualche sporadico episodio nevoso in Appennino, dall'inizio della prossima, un affondo più netto verso sud del'aria fredda scaverà con buona probabilità una depressione padana con tanto di neve a bassa quota sull'Emilia-Romagna e qua e là come fugace apparizione anche tra Lombardia e Veneto.

Subito dopo la depressione dovrebbe portarsi sul medio Adriatico portando neve a bassa quota anche tra Umbria, Toscana interna, Marche ed Abruzzo sino alla mattinata di mercoledì. Poi pausa con aria piuttosto fredda, specie al nord, ma comunque secca e poi l'affondo che potrebbe piacere molto al turismo alpino con una perturbazione che dovrebbe essere in grado di portare finalmente una bella imbiancata su tutto il versante sud alpino anche a quote molto basse, con qualche episodio bianco non escluso nemmeno sui fondovalle e in pianura al nord.

E non sarebbe finita qui, perchè, con un po' di fortuna, è proprio il caso di dirlo, dal nord Europa tra fine mese e primi di febbraio potrebbe arrivare la botta fredda indotta dallo strat-warming.

Obiettivo? Cominciamo a vedere se sarà confermata e soprattutto se, nel gioco delle correnti, ne risulteremo più o meno favoriti. Tutto quanto vi abbiamo raccontato è comunque ancora frutto di ipotesi, che non vanno oltre un'attendibilità del 55-60% e, di questi tempi, è già tanto. Seguite comunque tutti gli aggiornamenti.

SINTESI PREVISIONALE sino a GIOVEDI 26 GENNAIO 2012: 
venerdì 20 gennaio: neve sui crinali alpini di confine, specie su alta Valle d'Aosta ed Alto Adige settentrionale, nuvolaglia sul resto del nord ma tempo secco e un po' di sole, piovaschi solo in Liguria, al centro da nuvoloso a molto nuvoloso con piogge sparse, specie sui versanti tirrenici, qualche fiocco in Appennino, specie verso sera oltre i 900-1000m, al sud nuvoloso con piogge sparse dal pomeriggio sui versanti tirrenici, in serata rovesci possibili ovunque. Temperature in calo nelle Alpi, in ulteriore aumento altrove. Ventoso ovunque dalla sera per venti da WNW.

sabato 21 gennaio: ultimi rovesci all'estremo sud al mattino in esaurimento e schiarite, altrove dapprima bello e un po' freddo, poi nubi in aumento al nord, specie sui settori alpini di confine dove riprenderanno le nevicate, nuvolaglia in arrivo anche su Liguria e regioni tirreniche, con pioviggini, poco nuvoloso o velato altrove. Nel pomeriggio temperature complessivamente non fredde.

domenica 22 gennaio: ancora neve sui crinali alpini di confine ma in attenuazione dal pomeriggio, passaggi nuvolosi altrove, con schiarite, cielo più chiuso tra Liguria e versanti tirrenici con locali piovaschi, clima relativamente mite per la stagione.
 
lunedì 23 gennaio: variabilità ma con prevalenza di sole e pochi fenomeni, relegati a regioni tirreniche e zone alpine confinali. Temperature in lieve calo.

martedì 24 gennaio: formazione di una depressione al nord con venti freddi e progressivo calo della quota neve sin quasi in pianura tra Lombardia orientale, Veneto e soprattutto Emilia-Romagna, pochi fenomeni sul resto del nord, migliora dal pomeriggio, tranne sull'Emilia-Romagna, dove nevicherà sino a notte. Maltempo in movimento verso il centro-sud, specie in Adriatico con neve sino a 300-400m nella notte su mercoledì e mercoledì mattina, specie su Umbria, Marche ed Abruzzo.
Al sud tempo d'attesa.

mercoledì 25 gennaio: al mattino bello al nord, ma più freddo, ancora neve sino a bassa quota su Marche, Abruzzo, Umbria orientale, Molise, Reatino, poi schiarite, moderato maltempo al sud con rovesci e neve oltre i 600-700m. Temperature in generale calo.

giovedì 26 gennaio: sereno e freddo al mattino ma con nubi già presenti in Liguria, dal pomeriggio peggiora su Toscana e nord-ovest con piogge e nevicate a quote basse. Da confermare.... 


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 20.55: A1 Firenze-Roma

coda rallentamento

Code a tratti causa traffico intenso nel tratto compreso tra Firenze Certosa (Km. 295,5) e Incisa -..…

h 20.55: A50 Via Sandro Pertini incrocio Tangenziale Ovest Di Milano

coda

Code per 2 km causa recupero mezzi incidentati nel tratto compreso tra Svincolo Settimo Milanese-S..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum