Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Nel fine settimana nuova fase perturbata

Coinvolte un po' tutte le regioni ma soprattutto il nord, dove la neve tornerà a cadere a quote piuttosto basse sulle Alpi. Da lunedì grande variabilità ma pochi fenomeni.

La sfera di cristallo - 11 Novembre 2003, ore 16.32

L'anticiclone europeo si salderà temporaneamente con quello delle Azzorre rendendo inoffensiva la perturbazione atlantica in arrivo da ovest. L'Italia è però interessata da correnti piuttosto fredde orientali che scorrono nei bassi strati lungo il bordo meridionale dell'anticiclone. Per ritrovare aria fredda anche alle quote superiori bisogna trasferirsi nell'est europeo: tra il Mar Nero e i Carpazi. Si tratta di una goccia fredda analoga a quella che ci ha interessato nello scorso week-end ma che difficilmente potrà raggiungere le nostre regioni, si limiterà pertanto a sfiorarle, prima di colmarsi, nell'arco delle prossime 48 ore. Tra giovedì e venerdì l'anticiclone europeo si abbasserà di latitudine e contemporaneamente andrà in crisi il legame con l'anticiclone delle Azzorre; in questo modo sulla Francia avrà buon gioco l'inserimento di una perturbazione atlantica cbe nel fine settimana interesserà un po' tutto il Paese, riportando nuovamente la neve sulle Alpi. Sintesi previsionale sino a martedì 18 novembre: Mercoledì 12 novembre: cielo nuvoloso per venti da est sull'Emilia-Romagna, le Prealpi e la Valpadana con qualche sporadica precipitazione, nevosa oltre i 700 m circa. Sul Veneto orientale, il Friuli-Venezia Giulia e le zone alpine maggiori schiarite. Anche al centro molte nubi su Marche, Abruzzo, Umbria, Serdegna orientale, basso Lazio con qualche isolato fenomeno e brevi nevicate oltre i 900-1000 m sull'Appennino, sul resto del Lazio e sulla Toscana maggiori schiarite. Al sud tempo incerto con qualche locale rovescio, specie su Molise, Puglia, Sicilia meridionale. Temperatura in ulteriore lieve calo. Giovedì 13 novembre: nuvolosità in progressivo diradamento ovunque, salvo residui annuvolamenti sul versante adriatico ma con basso rischio di fenomeni. Temperature in lieve aumento o stazionarie. Venerdì 14 novembre: abbastanza soleggiato con mattinata fredda al nord e al centro, specie nelle zone interne, dove con l'attenuazione del vento saranno possibili gelate. Temperature massime in lieve aumento. Sabato 15 e domenica 16 novembre: generale peggioramento su tutto il Paese con piogge sparse, più persistenti al nord e qualche temporale al centro-sud. Neve sulle Alpi e le Prealpi oltre i 600-700 m ma con limite delle nevicate in rialzo oltre i 1000 m. Temperatura in lieve aumento al centro-sud, in calo nei valori massimi al nord. Lunedì 17 novembre: ancora instabilità al centro-sud con rovesci, brevi temporali e nevicate sull'Appennino oltre i 1400-1500 m. Al nord tempo in miglioramento con venti settentrionali. Temperature in calo al centro-sud, in aumento al nord. Martedì 18 novembre: correnti mediamente occidentali, tempo variabile e mite con annuvolamenti passeggeri e qualche modesta pioggia sulle zone tirreniche e sulle Alpi orientali. Temperatura in aumento.

Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum