Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Meteo a 7 giorni: la neve danza tra Alpi ed Appennini, martedì 3 sfonderà più decisa in pianura al nord?

In arrivo 36 ore di maltempo sull'Italia specie su tutte le regioni tirreniche, attesa neve sulle Alpi e qualche spruzzata qua e là anche in pianura. Tra sabato e domenica al nord asciutto, instabile al centro-sud con rovesci e nevicate in Appennino, sempre piuttosto freddo. Lunedì ultimi fenomeni al sud, tra martedì e mercoledì possibile nuova fase di maltempo ma ancora incerta la traiettoria del minimo depressionario in arrivo dal nord Atlantico.

La sfera di cristallo - 28 Gennaio 2015, ore 14.57

Apriamo subito con il classico dilemma, perchè in una previsione meteorologica non c'è mai nulla di facile: chi andrà a colpire il vortice depressionario in discesa tra lunedì 2 e martedì 3 dal nord Atlantico in direzione del Mediterraneo centrale?

Si discute se il ramo della corrente a getto che l'accompagnerà sarà troppo veloce per frenare all'altezza del Golfo del Leone o della Costa Azzurra; in questo caso il vortice avrebbe bisogno ancora di qualche centinaio di km prima di trovare pace, attestandosi all'altezza delle nostre regioni centrali. In caso contrario, cioè se riuscisse nell'impresa di frenare prima, il nord, specie il settore occidentale, finirebbe per essere visitato dalla neve.

Se le due emissioni di stamane e la relativa corsa di controllo sembrerebbero non avere dubbi in merito, le corse perturbatrici dell'ultima emissione propendono per una corrente ancora decisamente troppo tesa per portare fiocchi al nord e il loro scetticismo si traduce osservando la media degli scenari, che vede la depressione decisamente spostata verso il centro Italia, accompagnata oltretutto in quota da correnti da WNW.

Sembra quasi un avvicinarsi alle tesi del modello europeo, che vedeva infatti stamani il minimo planare a gran velocità verso le regioni centrali, portando ancora neve in Appennino e piogge in pianura. Capirete dunque, alla luce della comparazione delle emissioni quanto regni sovrana l'incertezza su questo punto.

Meglio allora fare un passo indietro ed occuparci di quanto sta per accadere
: un sistema frontale (prima fronte caldo, poi quello freddo) raggiungeranno tra giovedì e venerdì il nostro Paese, accompagnati da correnti dapprima occidentali, poi nord-occidentali e recando pesante maltempo sulle regioni tirreniche, un'oscillazione termica dovuta ad un temporaneo richiamo di correnti di Libeccio seguito a breve dal Maestrale, nevicate sulle Alpi, specie confinali e qualche fiocco anche in Valpadana, vista la grande quantità di umidità attesa e nonostante correnti poco favorevoli.

Molto intense in particolare le piogge attese tra Campania e Calabria tirrenica.
Per il fine settimana il lobo del vortice polare presente sul centro Europa spedirà ancora correnti fredde ed instabili verso il centro-sud, dove si formerà anche una depressione al suolo con conseguenze temporalesche e nevose in Appennino anche a quote basse 500-700m.

Da lunedì occhi puntati su quel vortice in discesa dal nord Atlantico, non mancheremo di riparlarne in tanti prossimi aggiornamenti.


SINTESI PREVISIONALE SINO A MERCOLEDI 4 FEBBRAIO:
giovedi 29: al nord nuvoloso con neve sulle Alpi, specie sull'alta Valle d'Aosta e le vallate più a nord, qualche debolissima nevicata o pioviggine mista a neve possibile anche sulla Valpadana, specie in serata e su zone pedemontane. Al centro maltempo lungo tutte le regioni tirreniche e l'Umbria con piogge e temporali, neve oltre i 700-900m in temporaneo rialzo, nuvolaglia ma tempo secco sul medio Adriatico, specie sulla costa, al sud maltempo forte su Campania e Calabria tirrenica, asciutto lungo l'Adriatico. Temperature in calo al nord, in temporaneo aumento altrove.

venerdì 30: migliora al nord-ovest, ultime preciptiazioni nevose al mattino su Triveneto, est Emilia e Romagna, nevose sin quasi in pianura, maltempo lungo le regioni tirreniche sino alla Sicilia con piogge, temporali e grandinate, molto vento. I fenomeni risulteranno più sporadici o assenti in Adriatico. Temperature in temporaneo aumento al nord, in calo altrove.

sabato 31 e domenica 1: al nord irregolarmente nuvoloso ma generalmente asciutto, al centro-sud instabile con rovesci, temporali, locali grandinate e neve tra i 500 ed i 700m di quota con temperature in diminuzione.

lunedì 2: ancora tempo instabile al sud con rovesci e neve sino in collina, variabile ma secco al centro, sereno al nord, freddo.

martedì 3 e mercoledì 4: evoluzione dipendente dal posizionamento del vortice in discesa dal nord Atlantico, al momento nulla è possibile aggiungere a riguardo.


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum