Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Meteo 7 giorni: l'inverno pronto alla riscossa

Anche le ultime emissioni confermano il "terremoto" barico previsto da venerdì 16: l'anticiclone non disturberà più le azioni perturbate atlantiche e dal nord Europa si prepara anche a scendere aria fredda. Intanto forti nevicate in arrivo sulle Alpi e nel week-end maltempo anche al centro-sud.

La sfera di cristallo - 13 Gennaio 2015, ore 14.59

KRAKEN: l'anticiclone delle Azzorre, la piovra dai mille tentacoli, che abbiamo ribattezzato "kraken", dopo aver rispolverato artigli degni delle migliori performances stile anni 90, sembra in crisi e il vortice polare non è quel pattinatore su ghiaccio perfetto e compatto che abbiamo osservato per settimane. Il suo appannamento, provocato da due penetrazioni calde in sede polare troposferica, proveranno a rivoluzionare almeno in parte il tempo sullo scacchiere europeo.

RIVOLUZIONE BARICA: l'affondo della saccatura atlantica verso il Mediterraneo sarà solo l'inizio di una fase assai turbolenta del tempo in cui non solo arriverà la neve sulle Alpi, ma l'Italia potrebbe diventare la sede di depressioni anche importanti, con inserimenti di aria fredda dal nord Europa, che andrebbe ulteriormente a modificare la struttura barica sul Continente.

CERTEZZE ED IPOTESI: il peggioramento tra venerdì 16 e domenica 18 ormai appare certo (90%), mentre sull'inizio della prossima settimana l'evoluzione più probabile vede l'inserimento di nuovi vortici depressionari nel cuore del Mediterraneo con caratteristiche più spiccatamente invernali.

NEVICATE: se i vortici entrassero centralmente sfruttando un corridoio Inghilterra-Francia, Svizzera, Golfo Ligure, entro mercoledì 21 la neve farebbe la sua comparsa in pianura al nord e forse sulla Toscana, oltre che a quote basse anche sul resto del centro. Il vortice però dovrà seguire preferibilmente questo percorso o al massimo deviare solo leggermente verso levante. Un'entrata più occidentale manterrebbe il maltempo ma di stampo autunnale e senza fiocchi in pianura, mentre una sterzata ad est porterebbe la neve in Adriatico, insomma la partita è tutta da giocare, ma le opzioni sono tutte qui.

MALTEMPO: potrebbe insistere da venerdì 16 quasi senza soluzione di continuità sino al 25 gennaio, con alterne vicende e con la neve che naturalmente visiterebbe anche l'Appennino. Gli accumuli più importanti al momento si prevedono tra Toscana, Liguria, Lombardia, Triveneto, ma in caso di depressione saranno poche le regioni a salvarsi da piogge rilevanti.

SINTESI PREVISIONALE SINO A MARTEDI 20 GENNAIO: 
mercoledì 14 gennaio
: nuvoloso ed uggioso al nord e sul versante centrale tirrenico ma con fenomeni sporadici e con tendenza a parziali schiarite, tempo discreto o buono sulle rimanenti regioni, temperature in aumento nei valori minimi.

giovedì 15 gennaio: tempo in peggioramento al nord e sulla Toscana con molta nuvolosità e a tratti piovaschi o pioviggini, in serata prime spruzzate di neve sulle Alpi oltre i 1000m. Da poco a parzialmente nuvoloso sulle altre regioni, lieve calo dei valori massimi di temperature, rinforzo dei venti di Libeccio.

venerdì 16 gennaio: maltempo al nord, specie dalla tarda mattinata con precipitazioni diffuse e neve oltre gli 800-900m su ovest Alpi, oltre i 900-1200m su centro-est Alpi, al centro peggiora con rovesci in Toscana, nuvolaglia altrove ma secco, poi peggiora in serata su Umbria e Lazio con piogge, parzialmente nuvoloso sulla Campania, poco nuvoloso altrove. Temperature massime in lieve calo al nord.

sabato 17 e domenica 18 gennaio: estensione del maltempo a tutto il Paese con piogge, rovesci, anche qualche temporale al sud, neve sulle Alpi oltre i 700-900m, con limite più basso sulle vallate alpine più settentrionali. Nevicate in Appennino oltre i 1000-1300m, con limite in calo da domenica sull'Appennino centrale. Domenica pomeriggio temporaneo miglioramento al nord-ovest, attenuazione dei fenomeni anche sul resto del nord.

lunedì 19 e martedì 20 gennaio: probabile nuovo inserimento depressionario con maltempo e neve a quote collinari al nord e al centro, ma con previsione chiaramente tutta da affinare.


 



 


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum