Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Maltempo conclamato sino a martedì

Colpiti soprattutto nord e centro Italia, sul finire anche il sud. Attesi accumuli localmente alluvionali su Piemonte occidentale e Liguria di Ponente. Dalla metà della settimana prossima tregua anticiclonica, ma in seguito la macchina depressionaria si rimetterà in moto.

La sfera di cristallo - 3 Novembre 2011, ore 14.54

BLOCCATA! La depressione nella posizione che dovrebbe occupare all'alba di domenica. E' l'indizio di una forte fase perturbata al nord e al centro, specie sui versanti occidentali.

La ferita sarà di quelle laceranti per le zone più penalizzate dalle correnti da sud-est. Ne deriverà infatti una fase perturbata molto critica dalle prime ore di venerdì al pomeriggio di domenica e ancora moderatamente critica nelle successiva 48 ore.

La depressione andrà a posizionare il suo centro a ridosso della Sardegna, divenendo solo gradualmente barotropica (sovrapponibilità dei due minimi, suolo e quota). In quel momento la figura perturbata comincerà ad indebolirsi, ma sarà ancora in grado di propinare altri due giorni di moderato maltempo: lunedì e martedì.

I fenomeni più intensi, come ripetuto ormai più volte, coinvolgeranno le vallate occidentali e settentrionali piemontesi, quelle del Ponente ligure, la fascia pedemontana veneta, friulana ed in parte anche lombarda. Gli accumuli potrebbero risultare alluvionali, ma nelle zone che subiranno i maggiori apporti, per fortuna si parte da una situazione piuttosto secca. In più nella prima fase i fenomeni potranno risultare nevosi anche appena sotto i 2000m, quindi questo impedirà un rilascio immediato d'acqua verso il fondovalle.

La depressione finirà dunque per esarirsi sul posto entro mercoledì, giacchè non più supportata da aria fredda; sarà insomma il classico isolamento da taglio (cut-off tecnicamente) e in seguito ci ritroveremo a fare i conti con un parziale riscatto anticiclonico, che lascerà comunque sempre i suoi massimi decentrati sull'est europeo.

Una situazione che non consente dunque la penetrazione di masse oceaniche miti, e che determinerà gradualmente un raffreddamento di tutta la Russia europea. A seguire si aprono dunque un paio di scenari: nel primo (attendibilità medio-bassa) l'alta pressione potrebbe posizionare i suoi massimi un po' più a nord, favorendo l'inserimento da est di masse fredde per la metà del mese, con conseguenze in parte anche perturbate, nel secondo si ipotizza l'indebolimento dell'anticiclone e l'affondo di una saccatura molto incisiva dal nord Europa direttamente verso il Mediterraneo, con conseguenze fortemente perturbate, con la prima neve importante in montagna.

Una terza via c'è sempre peraltro: essa vedrebbe un'interazione lungo il bordo meridionale dell'anticiclone tra correnti miti ed umide occidentali con quelle più fredde di rientro dall'est europeo.

Da scartare invece l'ipotesi (almeno per il momento) la possibilità di un duraturo ritorno dell'anticiclone anche in sede mediterranea.

Intanto concentriamoci sul maltempo in arrivo.

SINTESI PREVISIONALE SINO A GIOVEDI 10 NOVEMBRE 2011:
 venerdì 4 novembre 2011: maltempo moderato su nord-ovest sino a Bergamo e Toscana con piogge e rovesci temporaleschi, anche forti su Lombardia occidentale ed est Piemonte, oltre che sulla Liguria. Neve oltre i 1700-1800m sulle Alpi occidentali. In serata i fenomeni tenderanno a concentrarsi sull'ovest del Piemonte e nel Ponente ligure, intensificandosi. Nubi e rovesci sparsi anche sul resto del nord, ma con lunghe pause asciutte. Incerto sul resto del centro, con qualche locale rovescio tra Umbria, Elba e Lazio. Bel tempo al sud, salvo addensamenti irregolari e parziali.

sabato 5 novembre 2011: al nord molto nuvoloso con precipitazioni, più intense e persistenti a ridosso della fascia alpina occidentale, prealpina centro-orientale e Liguria, a tratti asciutto in Valpadana per forte scirocco, instabile anche su Toscana, Umbria, Lazio con qualche rovescio o focolaio temporalesco, velato o parzialmente nuvoloso altrove con schiarite. In serata peggiora sulla Sardegna con rovesci. Al sud irregolarmente nuvoloso con possibili piogge sulla Calabria jonica e l'est della Sicilia. Temperature miti. Quota neve in rialzo su tutto il settore alpino oltre i 2000m.

domenica 6 novembre 2011: maltempo su tutto il centro-nord, più intenso al mattino sui versanti occidentali, dal pomeriggio-sera su quelli centro-orientali, schiarite dal pomeriggio in Sardegna, ma temporanee, nubi anche sulla Campania con rovesci possibili, tempo migliore all'estremo sud, ma ancora possibili piogge sulle regioni joniche. Ventoso ovunque per scirocco teso.

lunedì 7 novembre 2011: nuovo passaggio perturbato al nord e al centro con piogge a tratti battenti in movimento da ovest verso est, anche temporali a ridosso delle coste. Al sud nuvolosità irregolare con isolati rovesci.

martedì 8 novembre 2011: ultimo passaggio perturbato al nord e al centro, con maggiore coinvolgimento dei versanti tirrenici ed occidentali. Al sud variabilità con qualche rovescio o temporale in Campania.

mercoledì 9 novembre 2011: migliora al nord, instabile altrove, ma con fenomeni più probabili al sud, anche a carattere di rovescio o temporale. Sempre mite. Nebbie in agguato al nord.

giovedì 10 novembre 2011: tempo discreto ma nebbioso al nord e al centro, instabilità residua al sud, ma in miglioramento. Temperature in calo sotto la nebbia.


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum