Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Lunedì le correnti artiche ci proveranno nuovamente, ma...

...probabilmente non riusciranno a portare una diminuzione delle temperature così estesa e marcata, come avevano fatto pochi giorni fa.

La sfera di cristallo - 12 Dicembre 2003, ore 16.24

Quella di oggi su buona parte del centro-nord è apparsa come una giornata solare, limpida, calma, tutt’altro che invernale, anzi … quasi primaverile. Sembrano già lontane quelle 48-72 ore in cui attendevamo la neve a quote basse, o addirittura in Pianura Padana, dopo la decisa diminuzione delle temperature seguita all’ingresso dei venti di Bora da est; eppure stiamo parlando di tre giorni fa. Non abituatevi però all’idea di passare molte altre giornate con il tepore primaverile a disposizione; le grandi perturbazioni oceaniche stanno infatti preparando un nuovo attacco verso l’Europa, nel tentativo di invadere i Balcani, ed in parte anche la nostra Penisola. Sulla Groenlandia infatti sta per svilupparsi una nuova discesa di aria artica, che spingerà i corpi nuvolosi atlantici verso sud-est, in direzione delle Isole Britanniche, che verranno raggiunte già nella serata di domani, sabato 13 dicembre; successivamente, nel corso della giornata di domenica, le correnti fredde piegheranno più decisamente verso sud, andando ad impattare contro le Alpi, e deviando verso i Balcani. Tuttavia nel frattempo la spinta dei forti venti da nord avrà portato alla formazione di un piccolo centro di bassa pressione al suolo sul Golfo di Genova; questo modesto ciclone fra lunedì e martedì si porterà verso l’Adriatico, e poi sul Mediterraneo orientale, permettendo alle correnti fredde che ormai avranno invaso i Balcani, di sfociare in parte anche sull’Italia, con venti di Bora o Grecale, comunque non molto forti. A differenza della discesa fredda dell’8-9 dicembre, la depressione sfuggirà piuttosto rapidamente verso la Turchia, portando ad un indebolimento piuttosto rapido dei venti freddi fra mercoledì e giovedì prossimo, e permettendo ad una cellula di alta pressione di distendersi nuovamente su parte del centro-nord per almeno 24 ore, in attesa di una perturbazione da ovest. Ma entriamo nel dettaglio della previsione per i prossimi 7 giorni: Sabato 13 dicembre: Ancora possibili acquazzoni al mattino al sud, specialmente sul versante ionico di Sicilia, Calabria, Basilicata e Puglia; seguirà un graduale miglioramento. Altrove tempo discreto, con nubi in aumento sui rilievi alpini di confine. Temperatura stazionaria. Domenica 14 dicembre: L’aria fredda si addosserà sul versante estero delle Alpi, pertanto sui crinali di confine il cielo si farà nuvoloso, con possibili deboli ed intermittenti nevicate fin nei fondovalle; vento forte. Sul resto d’Italia passaggio di velature, ma con basso rischio di pioggia. Solamente su Campania, Calabria tirrenica e Sicilia in serata saranno possibili brevi rovesci. Lunedì 15 dicembre: Ancora deboli nevicate sui rilievi alpini di confine. Sulle altre regioni tempo discreto al mattino, con banchi nuvolosi di passaggio nel meridione; dal pomeriggio nubi cumuliformi qua e là su Triveneto, Marche ed Abruzzo, ma con basso rischio di pioggia. Temperatura in calo. Martedì 16 dicembre: Nuvoloso sui rilievi confinali delle Alpi, con nevicate in esaurimento. Possibili rovesci di neve fino a quote basse anche su Molise e Puglia; banchi nuvolosi di passaggio sul resto del centro-nord; ancora prevalenza di sole altrove. Ulteriore lieve calo della temperatura. Mercoledì 17 dicembre: Graduale miglioramento su tutte le zone interessate dalle nubi. Piuttosto freddo al mattino ed in serata, specialmente nelle vallate appenniniche ed in Pianura Padana. Giovedì 18 – venerdì 19 dicembre: Lento aumento della copertura nuvolosa sul nord-ovest, la Sardegna e la Sicilia, con possibili precipitazioni dalla mattinata di venerdì, in estensione alle regioni centrali nel corso della stessa giornata. Temperatura in aumento per venti di Scirocco in intensificazione.

Autore : Lorenzo Catania

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum