Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Le alte pressioni reginette d'Italia ancora per una settimana

Per il momento sole e caldo, in seguito potrebbe arrivare un clamoroso colpo di scena. Approfondimenti nella rubrica del "fantameteo".

La sfera di cristallo - 19 Giugno 2003, ore 15.54

La tregua è già finita. L’anticiclone delle Azzorre, supportato dal ben più “focoso” anticiclone africano, sta per invadere nuovamente la nostra Penisola con la ferma intenzione di riproporre condizioni di caldo piuttosto intenso e persistente. Le perturbazioni atlantiche non avranno la forza di scalfire questa bolla di calore, limitandosi a disturbare, peraltro con molta discrezione, il tempo della regione alpina con qualche temporale di breve durata nelle ore più calde. Supereremo i valori eccezionali misurati la scorsa settimana? Probabilmente no, ma ci andremo molto vicini. In queste situazioni di ristagno atmosferico e di forte insolazione si riscontra anche una proliferazione di ozono nocivo, quale risultato della reazione chimica dell’ossido d’azoto. La situazione che stiamo vivendo, ricordiamo ai lettori e ai tanti media che fanno riferimento a MeteoLive, è molto grave e preoccupante perché giunge dopo due stagioni assolutamente siccitose: quella invernale e quella primaverile. E’ vero che al sud il mese di giugno è spesso stato avaro di pioggia e che al centro piove solo a sprazzi, ma al nord le precipitazioni si sono sempre verificate con una certa regolarità. E’ appena il caso di ricordare la stagione del 97 con oltre 300 mm accumulati a Bergamo, 267 a Milano e 150 a Torino, oppure i 225 mm di Udine nel 1995. Per scacciare la calura l’unico rimedio è il temporale che ha però il “brutto vizio” di concentrarsi quasi sempre nelle solite zone, quelle montuose, distribuendo oltretutto gli acquazzoni in modo irregolare e offrendo un refrigerio solo temporaneo e locale. Ad un giugno tanto caldo e secco, potranno seguire un luglio ed un agosto instabili e freschi come avvenne lo scorso anno? Non vi è alcuna certezza in proposito: il tempo non si ripete mai esattamente, però in effetti qualche segnale in questo senso stasera è arrivato. (leggere il "Fantameteo" per saperne di più) Ci si chiede come mai questi anticicloni siano diventati così potenti da monopolizzare il tempo sul Mediterraneo per periodi tanto lunghi: per la verità è abbastanza normale che un anticiclone permanga su una certa zona per 3-4 settimane, quello che stupisce è la frequenza con la quale queste situazioni tendano a ripresentarsi. Si chiama allora in causa la teoria dei “vasi comunicanti”: Terra più calda, maggiore energia nell’atmosfera, vortici depressionari più profondi nel nord Atlantico, alte pressioni proporzionalmente più forti. Abbiamo poi speso molte parole nel parlare delle oscillazioni pressorie alle varie latitudini detta NAO(Nao positiva: da noi non piove; Nao negativa: da noi piove parecchio) Inutile dire che stiamo attraversando una fase di prolungata Nao positiva che però potrebbe presto terminare. (Leggi il "fantameteo") ECCO UNA SINTESI DEL TEMPO SINO A GIOVEDI 26 Tra venerdì 20 e domenica 22: tempo stabile e progressivamente più caldo, sulle Alpi orientali e in generale sul Triveneto qualche isolato temporale possibile. Lunedì 23, martedì 24 la pressione tende a livellarsi sul Mediterraneo e compare qualche precipitazione temporalesca pomeridiana in più su Alpi ed Appennino, poche novità o nessuna in pianura. Punte di 35°C. Mercoledì 25 si va rafforzando un anticiclone groenlandese che cercherà un dialogo con l'alta delle Azzorre, primi segni di indebolimento dell'anticiclone africano ma tempo ancora in gran parte soleggiato ovunque con qualche spunto temporalesco in montagna nelle ore pomeridiane. Giovedi 26: ancora abbastanza soleggiato e caldo ma prime infiltrazioni di aria fresca da est raggiungono la regione alpina, rimonta ulteriormente la pressione sul settore nord-occidentale dell'Europa...

Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 01.55: SS640 Di Porto Empedocle

problema rallentamento sdrucciolevole

Traffico rallentato, fondo stradale scivoloso a 1,032 km prima di Incrocio Favara Nord (Km. 16,7)..…

h 01.53: SS626 Della Valle Del Salso

problema sdrucciolevole

Fondo stradale scivoloso nel tratto compreso tra 5,577 km dopo Incrocio Ponte Besaro/Incrocio SS191..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum