Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

La Valpadana ora SOGNA la NEVE, scendono invece le probabilità per il resto d'Italia

Week-end con forti venti, un po' di freddo e di neve in Appennino. Lunedì altro passaggio perturbato sul Tirreno. Tra martedì e mercoledì non si escludono nevicate di un certo rilievo su pianura lombarda, piemontese, Prealpi, Trentino, alto Veneto, alto Friuli, Emilia ed Appennino ligure, altrove Libeccio e Scirocco riporteranno alla ribalta l'autunno.

La sfera di cristallo - 20 Novembre 2008, ore 16.01

Una nevicata in pianura a novembre fa sempre un grande effetto e vale la pena di essere menzionata tra le probabilità legate all'evoluzione del tempo durante la prossima settimana. Andiamo però con ordine. Come si arriverà ad avere un "cuscino di aria fredda" in Valpadana? Tutto partirà dal foehn, niente bora signori. Molto Maestrale, molta Tramontana, ma niente venti da est. L'avvezione di aria fredda di origine artica marittima giungerà da NW, non sarà eccezionale e dovrebbe esaurire la sua spinta entro domenica; del resto non è che si possa pretendere molto da questa massa d'aria, soprattutto a novembre. In ogni caso la corrente a getto investirà in pieno la Penisola mandando letteralmente i mari in burrasca. Termicamente però al centro e su parte del sud giungerà al massimo l'isoterma dei -5°C a 1400m, al nord sulle Alpi comparirà la -8°C. Niente di eclatante insomma ma sufficiente per regalare neve in Appennino (monti marchigiani, abruzzesi, molisani, lucani, Matese, Irpinia e Sila le zone più interessate). Il vortice freddo responsabile di un freddo davvero severo, se ne starà un po' più ad est, senza infilarsi dritto nel Mediterraneo ma presto dall'Atlantico riceverà un rinforzo, portando le correnti a disporsi dapprima da ovest (lunedì) con il transito rapido di un fronte tra nord-est e regioni tirreniche, e poi da SSW, in seguito ad un ulteriore rallentamento della corrente a getto. Ecco allora la classica ciclogenesi mediterranea con maltempo dapprima al centro, poi sull'Emilia-Romagna e la Liguria, infine anche sul resto del nord con le prospettive di nevicate tra martedì e mercoledì anche su parre della Valpadana, magari miste a pioggia, ma i presupposti ci sono. Il foehn infatti secca molto l'aria e, nonostante il disturbo arrecato dal temporaneo riscaldamento atteso nella giornata di lunedì, all'arrivo dell'umidità da sud, saprà far crollare le temperature fino alla saturazione dell'aria consentendo il transito dei fiocchi di neve sin quasi al suolo, tranne le eccezioni evidenziate in sede previsionale. Tutta questa torsione delle correnti in quota non sarà uno scherzo; sarebbe sufficiente che mancasse un solo tassello per mandare in fumo il "piano neve". Quindi non prendete alla lettera quanto sopra esposto. Precisiamo che in concreto, la probabilità di neve sulla Pianura Padana è al momento stimabile intorno al 30-40%. In ogni caso plaudiamo a questa fase dinamica stagionale che sembra voglia accompagnarci almeno sino ai primi di dicembre, stante la ritrosia dell'alta pressione, sempre più parcheggiata in Atlantico. SINTESI PREVISIONALE SINO A GIOVEDI 28 NOVEMBRE 2008: venerdì 21 novembre: arriva il Libeccio e rinforza a preparare la tempesta di sabato. Nuvole sul Tirreno con qualche piovasco qua e là tra Lazio, Campania, Calabria tirrenica, altrove generalmente asciutto salvo spuzzate di neve sui crinali alpini di confine. Temperature ancora miti. sabato 22 novembre: tempesta di vento sul mar Tirreno con punte di 120 km/h, foehn freddo in Valpadana con nuvolosità irregolare e ancora qualche nevicata sui crinali di confine con possibili sconfinamenti anche un po' più a sud, nuvolosità variabile sul resto della Penisola, intensa su Marche ed Abruzzo e su gran parte del meridione dove si verificheranno rovesci anche intensi. Il limite della neve calerà in Appennino sino 600m su Marche ed Abruzzo, sino a 800-1100m sull'Appennino meridionale con ulteriore calo in serata, quando è comunque attesa una certa attenuazione dei fenomeni. domenica 23 novembre: instabile su Molise, Puglia, Abruzzo, meridione e Sicilia con rovesci sparsi nevosi a quote collinari su Abruzzo, Lucania e Molise, oltre i 600-900m sul resto dell'Appennino. Bel tempo altrove con freddo mattutino, più accettabile durante il giorno, vento ancora moderato da WNW. lunedì 24 novembre: al nord nuvolaglia al mattino in attenuazione a partire da ovest. Possibili brevi nevicate su Valle d'Aosta, Canton Ticino, Valtellina, Trentino Alto Adige, alto Friuli ma in graduale attenuazione con il passare delle ore. Moderato maltempo sulle regioni centrali tirreniche e la Sardegna con piogge e nevicate sin verso i 500-700m, sul medio Adriatico generalmente asciutto e a tratti soleggiato, piogge sulla Campania e la Calabria tirrenica con neve oltre gli 800-1000m, incerto sul resto del sud e sulla Sicilia con isolati rovesci, ancora ventoso per venti di Libeccio, temperature in lieve aumento. martedì 25 novembre: al sud piogge sulla Campania, per il resto nuvolosità irregolare e tempo asciutto. Al centro moderato maltempo con piogge e qualche temporale, quota neve in rialzo oltre i 1200-1500m a partire dal Lazio fino ad arrivare in serata a 1800m. Al nord tempo in peggioramento con precipitazioni nevose sino al piano sull'Emilia, oltre i 400-500m sulla Romagna in rialzo, oltre i 400-600m sulla Liguria. Verso sera peggiora anche sul resto della Valpadana e sulle Prealpi con neve probabilmente sino in pianura, specie su Piemonte, bassa Lombardia e fascia montana, piogge su coste venete e basso Friuli. Neve debole nelle Alpi sino ai fondovalle. Forte calo termico nei valori massimi al nord, forte rialzo invece al centro-sud. mercoledì 26 novembre: ancora qualche nevicata o neve mista a pioggia sino al piano tra Piemonte e Lombardia e fiocchi sulle Alpi ma con tendenza a graduale attenuazione dei fenomeni, rovesci sparsi al centro in un contesto incerto, parzialmente nuvoloso al sud. Temperature sempre basse al nord ma in lieve ripresa, in ulteriore lieve aumento al centro-sud. giovedì 27 novembre: tempo sempre inaffidabile ma prognosi piuttosto incerta.

Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum