Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

L'inverno vero comincia adesso: giorni di passione, con tanta NEVE in Adriatico e in Appennino

L'affondo di una massa d'aria gelida nel cuore del Mediterraneo determinerà la svolta invernale che a lungo si era fatta attendere durante la stagione: nevicate a partire dall'Appennino centro-meridionale, specie versante adriatico, con fenomeni più copiosi e a quote basse su Marche, Abruzzo, Molise, Basilicata, Calabria. Sabato non escluso anche un interessamento della Capitale e da lunedì possibile NEVE su gran parte del centro-nord...

La sfera di cristallo - 5 Febbraio 2013, ore 15.42

L'inverno comincia adesso. Fin ad ora abbiamo scherzato, potrebbe aggiungere l'atmosfera. Il primo impulso freddo, a smuovere le acque, giungerà nella giornata di mercoledì e recherà neve sin sotto i 1000m sull'Appennino centro-meridionale e sin verso il fondovalle al mattino anche sulle Alpi e Prealpi centro-orientali.

Il secondo si attiverà nella giornata di giovedì e sarà lì che cominceranno le nevicate importanti lungo la dorsale appenninica centro-meridionale, a partire dal medio Adriatico, con neve copiosa su Marche ed Abruzzo, in estensione anche al Molise, per poi propagarsi a tutto l'Appennino meridionale. La neve cadrà inizialmente sino in collina, poi dalla notte su venerdì, potrebbe guadagnare anche il litorale del medio Adriatico.

Tra venerdì e sabato l'approfondimento di una depressione sul medio Tirreno recherà un'accentuazione della fenomenologia sul Lazio, il basso Tirreno, mentre i fenomeni continueranno in Adriatico. La neve entro sabato potrebbe imbiancare anche le zone pianeggianti del basso Lazio sino a Roma e anche parte dell'Umbria e sino a 300m il meridione.

Al nord invece seguiterà a far freddo ma non si verificheranno episodi nevosi rilevanti, se non qualche rovescio qua e là o brevi nevicate per effetto stau a ridosso dei rilievi occidentali, visto che al suolo tenderanno gradualmente ad instaurarsi correnti orientali fredde.

Ed ecco la possibile sorpresa: rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, quando si verificheranno nevicate eccezionali e fece oltrettutto un gran freddo, ma il nord vide solo le briciole, quest'anno le cose potrebbero andare diversamente.

L'anticiclone con tutta probabilità non chiuderà la porta alle correnti perturbate atlantiche e di conseguenza anche al nord, oltre che sulle regioni centrali tirreniche, la neve potrebbe arrivare copiosa tra lunedì e martedì, specie sulle seguenti regioni: Piemonte, bassa Lombardia, Liguria, Emilia, Toscana, Umbria, Sardegna e Lazio. Al nord le nevicate potranno naturalmente verificarsi sino a quote di pianura, mentre per il centro si stima una quota di 200-400m, in successivo graduale rialzo.

Tutto questo progetto però ha proprio nelle battute finali il suo punto debole, per cui proprio da domenica la previsione risulta ancora molto incerta, frutto non solo dell'ostinazione del modello americano a non volersi accodare agli altri "compagni d'avventura", ma anche dell'insicurezza circa il posizionamento dei minimi depressionari al suolo, fondamentale in questa stagione per capire chi riceverà i maggiori fenomeni.

Cosa possiamo aggiungere? Aggiornatevi!
SINTESI PREVISIONALE SINO A MARTEDI 12 FEBBRAIO 2013:
mercoledì 6 febbraio
: passaggio veloce di un fronte freddo, qualche fenomeno nevoso su Alpi e Prealpi centro-orientali, rovesci o temporali in azione al centro e poi al sud, con neve sin sotto i 1000m. Temperature in calo al centro-sud e nelle Alpi.

giovedì 7 febbraio: si attiverà il peggioramento nevoso lungo il medio Adriatico, con parziale coinvolgimento anche del Riminese e neve all'inizio sino in collina, ancora tempo instabile con piogge sul basso Tirreno e le isole, con neve sui monti della Calabria. Altrove schiarite, ventoso. Un po' più freddo, specie dalla sera.

venerdì 8 febbraio: maltempo con neve su medio Adriatico, dalla sera forse anche sul litorale, neve a 300-500m sul meridione, asciutto altrove, ma con tempo incerto e locali rovesci di neve, specie sulle zone interne di Toscana, Umbria e Lazio. Freddo.

sabato 9 febbraio: neve su medio Adriatico, Lazio, specie parte meridionale, Frusinate, ma con discrete probabilità anche su Roma, oltre i 200m sul Pontino, neve a 300-400m sul meridione, forti nevicate in Basilicata. Temperature in calo ulteriore, freddo significativo al nord e nelle zone interne del centro.

domenica 10 febbraio: ultime nevicate su medio Adriatico e sul meridione, in attenuazione, bello ma freddo altrove.

Tra lunedì 11 e martedì 12 febbraio: possibile arrivo della neve anche al nord e sul medio Tirreno, da confermare. Fenomeni più probabili su Piemonte, ovest Lombardia, Liguria, poi Emilia, Toscana, Umbria e Lazio (al centro a quote superiori ai 200m).


 


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum