Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

L'inverno prepara UN COLPACCIO in extremis al NORD

Si prepara un'altra settimana interessante dal punto di vista meteo per la nostra Penisola. Freddo e neve a bassa quota potrebbero fare la loro comparsa al nord nel corso dei prossimi giorni. Ecco tutti i dettagli.

La sfera di cristallo - 18 Febbraio 2013, ore 14.17

La primavera freme e ci manda i primi messaggi: il sole nell'arco della giornata è più caldo e le ore di luce sono aumentate rispetto solo ad un mese fa.

...ma l'inverno non ci sta! Non ci sta a farsi soffiare il trono in un baleno; non ci sta a finire subito nel dimenticatoio, come troppe volte è successo a sèguito di annate fredde anonime.

L'inverno è ancora vivo! Lo dimostrano le basse temperature che si registrano al mattino e soprattutto lo dimostreranno le nevicate, che sul finire della settimana potrebbero strizzare l'occhiolino nuovamente alle pianure del nord, oltrechè ai rilievi dell'Italia centrale.

Cosa ci riserverà il tempo nei prossimi giorni? L'ennesimo "scontro" tra masse d'aria, ma questa volta non si tratterà di un braccio di ferro. Ci sarà spazio sia per le correnti gelide orientali, sia per l'aria mite e umida di provenienza atlantica. Queste due entità atmosferiche di così diversa origine, si daranno poi la mano nel Mediterraneo, accentuando i contrasti e ponendo le basi per un'ondata di maltempo abbastanza severa per lo Stivale.

Ci sono ancora incertezze? Naturalmente sì...e non potrebbe essere altrimenti. Andrà valutata attentamente la quantità di freddo che entrerà sul nord Italia tra giovedì e venerdì ( al fine di stabilire con un margine di errore minimo la quota neve) e soprattutto la posizione del minimo "da contrasto" che si formerà sul Mare Nostrum al seguito dello scontro tra le masse d'aria sopra citate.

Per rendere più chiara la dinamica che intercorrerà tra giovedì e venerdì ( la cartina si riferisce alle ore centrali della giornata di giovedì 21 febbraio), abbiamo preparato questa cartina.

Ecco le due "ganasce" che (simbolicamente) "stritoleranno" la nostra Penisola. Da ovest arriverà l'aria mite e umida ( in poche parole, la pioggia), mentre da est aria gelida e più secca ( in poche parole, la neve).

Il terreno di scontro sarà tra il Mediterraneo occidentale, il sud della Francia e le nostre regioni settentrionali. L'aria calda tenderà a sovrascorrere sulla massa fredda e da ciò scaturiranno le nevicate a bassa quota ( forse anche in pianura) al nord.

Nevicherà solo al nord? Assolutamente no. Anche le zone montuose dell'Italia centrale avranno la loro dose di bianco, mentre la quota neve tenderà ad alzarsi progressivamente andando verso sud.

Dove non nevicherà, sarà la pioggia a dettare legge, anche a carattere di rovescio o temporale. Stiamo parlando soprattutto della Sardegna e del settore tirrenico centrale e meridionale.

Insomma, a 10 giorni dall'avvio della primavera meteorologica, sembra che l'inverno abbia ancora diverse cartucce da sparare...e per il momento non ci sembra una sparata a salve.

Ecco le previsioni per i prossimi sette giorni in Italia.

Martedì 19 febbraio: parziale tregua in Italia, con tempo abbastanza buono al centro-nord e le ultime incertezze al sud e sulla Sardegna, in via di attenuazione. Lieve e temporaneo aumento delle temperature massime.

Mercoledì 20 febbraio: nubi in aumento al nord con le prime precipitazioni nell'arco della giornata tra la Liguria, la bassa pianura e il nord-est, nevose sopra i 500-600 metri. Qualche precipitazione anche sulla Toscana in serata, per il resto tempo abbastanza buono.

Giovedì 21 febbraio: ulteriore peggioramento al nord, con precipitazioni sparse, nevose sopra i 300-400 metri, ma localmente anche a quote piu basse in caso di rovesci intensi. Qualche precipitazione anche tra la Toscana, l'Umbria e le Marche, nevosa sopra i 600-700 metri. Altrove tempo asciutto, se si eccettua qualche precipitazione piovosa sulle zone estreme. Freddo al centro-nord, meno freddo al sud.

Venerdì 22 e sabato 23 febbraio: tempo perturbato al centro-nord ed in tendenza anche al sud, specie nella seconda parte di sabato. Neve a quote molto basse al nord, localmente anche in pianura. Neve anche sopra i 500-800 metri sui rilievi del centro, oltre i 1000 metri altrove. Temporali forti su Sardegna e Tirreno, freddo al centro-nord. Ventoso su tutti i mari.

Domenica 24 febbraio: tregua parziale dei fenomeni sull'Italia, ma con qualche precipitazione più probabile al centro. Nuovo peggioramento sulla Sardegna in serata, con piogge e temporali. Leggermente meno freddo.

Lunedì 25 febbraio: nuovo peggioramento su tutta la Penisola. Neve a quote collinari al nord, più alta la quota neve altrove. Temporali sul Tirreno e venti forti.

 


Autore : Paolo Bonino

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum