Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

L'inverno ALZA LA VOCE sullo Stivale

Ci attende una settimana complessivamente invernale sull'Italia, prima al centro-nord, poi anche al sud. La neve potrebbe scendere fino in pianura al nord e a quote di collina al centro.

La sfera di cristallo - 14 Gennaio 2013, ore 14.20

Si imbiancano le montagne e le colline del nord Italia. Il vento e i rovesci ( a tratti anche temporaleschi) si fanno notare al centro, sulla Sardegna e sulla Campania, portando molta instabilità soprattutto lungo il Tirreno. E' solo il primo atto di una settimana che, meteorologicamente, farà sicuramente parlare di sè.

L'alta pressione non c'è più. Ora resta defilata in Atlantico e guarda quasi impotente la discesa dei nuclei freddi che dalla Francia di gettano nel Mediterraneo centro-occidentale, creando depressioni e maltempo sulla nostra Penisola.

La cartina che avete sotto gli occhi inquadra bene una di queste depressioni, che nelle prime ore di mercoledì 16 sarà a ridosso dell'Italia centrale. 

A dare un ulteriore tono invernale, ecco il classico colore blu, a ricordarci che la massa d'aria in questione è di matrice artica.

L'aria artica non è mai freddissima al suolo, ma lo è invece in quota. Nel suo incedere verso sud acquista, inoltre, carattere di notevole instabilità, derivata dal contrasto con le temperature a terra, mai particolarmente basse. Ecco allora la prontezza dei sistemi nuvolosi a svilupparsi verticalmente, con precipitazioni a prevalente carattere di rovescio ( piovoso al suolo e nevoso in quota o dove la temperatura lo consente).

Fatte queste opportune premesse, cosa ci dobbiamo aspettare per i prossimi giorni in Italia? Un tempo complessivamente instabile e più freddo. In un primo tempo, la neve frequenterà parte delle regioni settentrionali, per poi spostarsi a quote collinari sull'Adriatico e sull'Appennino meridionale verso la fine di questa settimana.

Le temperature tenderanno ovviamente a scendere, soprattutto laddove il rovesciamento freddo indotto dalle precipitazioni sarà più accentuato. Entro venerdì, comunque, il calo termico dovrebbe aver raggiunto anche le nostre regioni meridionali.

E dopo cosa potrebbe succedere sui nostri lidi? C'è incertezza ( questa non è di certo una novità con una situazione siffatta); tuttavia, dai modelli emerge la volontà di spinta da parte delle correnti miti atlantiche, che a partire dalla settimana prossima proveranno a ricacciare il freddo verso levante, introducendo un tipo di tempo più umido, ma anche pù mite sulla Penisola. Questo punto verrà comunque approfondito nella rubrica "Fantameteo" qui di seguito riportata.

Intanto, ecco la possibile linea di tendenza del tempo per i prossimi sette giorni in Italia.

Martedì 15 gennaio: nuovo peggioramento del tempo al nord, ad iniziare da ovest. Tra pomeriggio e sera quota neve in calo fino sulle pianure del Piemonte e Lombardia. Neve sui 300-400 metri in Liguria. Estensione dei fenomeni poi al nord-est e al centro. Brutto tempo al sud con piogge intense sullo Ionio, in attenuazione. Ventoso e freddo specie al centro-nord.

Mercoledì 16 gennaio: tempo perturbato al nord-est e al centro-sud. Neve abbondante in Emilia Romagna, più sporadica sulle restanti pianure del nord-est. Al centro piogge e rovesci, neve sui 300-400 metri sull'Appennino settentrionale, 500-700 metri altrove. Più asciutto su Sardegna orientale e Adriatico. Instabile anche al sud, con rovesci intensi sulla Campania e quota neve sui 700-800 metri. Ventoso e freddo ovunque, specie al nord.

Giovedì 17 gennaio: tempo perturbato su Marche, Umbria orientale e al sud, con neve in Appennino sopra i 300 metri e piogge abbondanti sulle zone estreme. Migliora al nord e sull'alto Tirreno, fatta eccezione per qualche nevicata in Emilia Romagna, in attenuazione. Ventoso e freddo.

Venerdì 18 gennaio: instabile e freddo lungo il versante adriatico e al sud, con precipitazioni anche nevose sui 400-500 metri. Altrove situazione in miglioramento, ma clima molto freddo al nord specie al mattino.

Sabato 19 gennaio: probabile tregua sulla Penisola, con le ultime precipitazioni al sud, in via di attenuazione. Molto freddo al mattino, con gelate al nord, lieve aumento termico di giorno.

Domenica 20 e lunedì 21 gennaio: situazione molto incerta, con forse un peggioramento al nord, ma in un contesto più mite.

 


Autore : Paolo Bonino

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 17.53: A14 Pescara-Bari

rain

Pioggia nel tratto compreso tra Roseto Degli Abruzzi (Km. 344) e Poggio Imperiale (Km. 507) in en..…

h 17.53: A25 Torano-Pescara

tstorm

Temporale nel tratto compreso tra Pescina (Km. 110,4) e Cocullo (Km. 121,8) in entrambe le direzi..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum