Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

L'estate non fa più paura...

...La siccità si! Per sconfiggerla la depressione "germanico-polacca" proverà a dare il meglio di sè martedì 11 settembre, alta permettendo.

La sfera di cristallo - 6 Settembre 2001, ore 16.32

Non si vedono ancora le precipitazioni, ma si vede il guasto in quota, si vede l'aria fredda che vuole prepotentemente aggirare le Alpi, si vede una bella figura depressionaria aperta che vuole nutrirsi di linfa vitale, conquistare spazio verso ovest e collocare sull'Italia la stagione autunnale. Un solo ostacolo si frappone tra questo schema previsionale e la sua realizzazione, la struttura dell'anticiclone atlantico in quota; al suolo c'è ma è come se non ci fosse, e in fondo la sua presenza passerebbe anche inosservata, ma una parte di quel bestione ha messo radici anche alla quota di 5500 m e da lì non è facile passare. Stasera però vogliamo provare ad osare maggiormente e vi tracciamo un quadro per i prossimi giorni che potrebbe anche variare sensibilmente nelle prossime 24 ore: perciò prendete tutto con il beneficio d'inventario senza però soffocare la vostra fantasia. Fino a domenica transiteranno quesi modesti corpi nuvolosi che vediamo in bella mostra sull'Atlantico. Proprio quello che ora si scorge a nord delle Isole Britanniche dovrebbe essere seguito da aria molto più fredda che andrà ad alimentare la depressione sulla Polonia; questa si muoverà rapidamente verso la Repubblica Ceca, l'Austria e il sud della Germania: un minimo aldilà delle Alpi non può portare Favonio, non in quella posizione. Allora ecco che passa all'attacco la corrente a getto, saliamo a 300 mb; ora sappiamo che molti di voi non ci leggeranno più. No! Fermi, aspettate! La facciamo più semplice: l'aria fredda lunedì sfonda dalla Valle del Rodano e instabilizza il sud delle Alpi, soprattutto la Liguria e l'alta Toscana, ma una carta ci segnala vorticità positiva sulla Lombardia e con correnti di Libeccio in quota e aria fredda che sbuca anche dalla porta della Bora al suolo, il tempo potrebbe scivolare verso un grosso peggioramento già nelle prime ore di martedì dalla Lombardia al Triveneto, incerta la sorte dell'Emilia-Romagna. Un ramo della corrente fredda però sarà ancora troppo orientato al nord-ovest su Piemonte e Valle d'Aosta e dubitiamo che su queste zone possano verificarsi precipitazioni. Mercoledì 12 tutto il blocco perturbato principale si trasferirà sull'Adriatico interessando le regioni centrali, ancora il nord-est, per sfondare attenuato sul meridione in serata. Al momento si ritiene che Campania e Molise possano assistere a dei temporali che nella notte potrebbero estendersi a Lucania e Puglia. Attendiamo gli eventi e domani non perdetevi l'Informasette! Da notare infine come questa configurazione barica sia la medesima di quella degli ultimi giorni dello scorso febbraio che portò, dopo giorni di Favonio al nord-ovest, ad estese nevicate su quasi tutto il settentrione.

Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum