Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

L'autunno prende una piega fradicia, ma nel week-end tregua temporanea

Venerdì di maltempo, sabato e domenica parziale tregua ma ancora locali fenomeni, da lunedì sera a mercoledì forte depressione e intense precipitazioni al nord e sul Tirreno. In seguito più freddo, segnatamente al nord, e nuova perturbazione venerdì 22 con tanta neve sulle Alpi.

La sfera di cristallo - 14 Novembre 2013, ore 15.23

L'autunno spinge e sta per imboccare la strada che gradualmente, sia pure tra qualche semaforo rosso e qualche stop, lo condurrà a casa dell'inverno.

Sarà che le stagioni sono tutte mediamente più calde del passato, ma l'autunno e l'inverno ogni anno che passa continuano a stupire con improvvise accelerazioni perturbate, che per l'autunno potrebbero anche essere la norma, ma per l'inverno proprio no, specie per come eravamo stati abituati a cavallo tra gli anni 80 e 90.

Ora ci aspetta un periodo di quelli in cui tener chiuso l'ombrello per più di 48 ore filate non sarà facile, specie al nord e lungo il versante tirrenico, che risulteranno i settori più colpiti dall'ondata di maltempo che si prospetta per gran parte della prossima settimana.

Andiamo però con ordine: si partirà con il vortice freddo di venerdì, che colpirà segnatamente il nord ma di cui risentirà tutto il Paese per la formazione di un serpentone nuvoloso destinato ad inserirsi nella circolazione ciclonica interessando un po' tutto il Paese.

Poi ecco la goccia fredda isolarsi a ridosso dell'Iberia e concedere un fine settimana perlomeno discreto almeno sul 50% del territorio, con gli annuvolamenti irregolari che comunque non mancheranno e anche qualche acquazzone sui settori jonici, perchè l'alta pressione non sarà in grado di tornare a proteggerci adeguatamente.

Da lunedì la goccia tornerà però sui suoi passi, agganciato dalla poderosa discesa di una nuova saccatura atlantica che tenderà a portarsi sull'ovest del Continente per poi raggiungere in modo più netto e diretto anche il nostro Paese, costruendo minimi depressionari in serie che ci importuneranno almeno sino a sabato 23 ed introducendo tra mercoledì 20 e giovedì 21 anche un po' di aria fredda da ovest.

I momenti peggiori della settimana si vivranno però tra la serata di lunedì 18 e la serata di martedì 19 e poi venerdì 22 quando sono previsti due forti passaggi perturbati che scaricheranno anche dai 30 ai 150mm di pioggia su molte zone in sole 24 ore ad essere ottimisti, oltre ad un considerevole apporto nevoso sulle Alpi oltre i 1500-2000m.

In seguito si apre un ventaglio di scenari talmente variegato e complesso da dipanare che preferiamo rinviare la soluzione del rompicampo ai prossimi aggiornamenti. L'impressione è che comunque il Mediterraneo possa restare terreno di conquista per altre saccature e dunque continuare ad interpretare la parte del "pozzo depressionario".

SINTESI PREVISIONALE SINO A GIOVEDI 21 NOVEMBRE:
venerdì 15: maltempo al nord con forti piogge, temporali, nevicate sulle Alpi oltre gli 800-1000m, anche sin verso i 400-500m sul settore piemontese, sulla Valle d'Aosta e sull'Appennino Ligure di Ponente. Tendenza ad attenuazione dei fenomeni nel corso della giornata a partire da est. Maltempo nelle prime ore anche al centro-sud con piogge e rovesci sparsi, anche temporaleschi ma successiva tendenza ad attenuazione dei fenomeni, tranne sulle regioni joniche. Temperature in calo al centro-sud, quasi invariate al sud.

sabato 16: nuvolosità irregolare su tutto il territorio con qualche schiarita, ma anche locali piovaschi o rovesci, possibili soprattutto lungo la dorsale appenninica e all'estremo sud, segnatamente sul versante jonico. Temperature in aumento.

domenica 17: ancora condizioni di cielo irregolarmente nuvoloso con locali piovaschi o rovesci alternati a schiarite, tendenza ad aumento della nuvolosità sulla Sardegna, clima non freddo.

lunedì 18: si ripresenterà il maltempo sulla Sardegna, poi sul Tirreno centro-settentrionale sino alla costa toscana, all'Elba e al nord-ovest con limite della neve attorno a 1500m. Con il passare delle ore nubi in arrivo anche sul resto del Paese. Temperature in calo al nord-ovest e sulla Sardegna.

martedì 19: maltempo su quasi tutto il Paese, tranne le coste del medio Adriatico e la Sicilia. Fenomeni intensi al nord e lungo l'alto e medio Tirreno, qui con nubifragi e disagi. Nevicate sulle Alpi a quote comprese tra 1500 e 2000m ma in calo a partire da ovest nel corso della giornata.

mercoledì 20: ancora tempo instabile su gran parte del Paese con rovesci sparsi anche temporaleschi al centro-sud, tendenza a miglioramento sul nord-ovest nel corso della giornata, limite della neve in calo sino a 1000m sulle Alpi. Temperature in diminuzione.

giovedì 21: giornata di transizione ma ancora molto instabile sul nord-est e il resto del Paese, specie le regioni tirreniche con spunti temporaleschi sparsi, alternati a schiarite e ancora qualche nevicata di breve durata lungo le Alpi oltre gli 800m. Fresco, freddo nelle Alpi.

venerdì 22: nuova intensa perturbazione e maltempo diffuso, al nord molta neve in montagna oltre gli 800-1000m.



 


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum