Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

L'aria calda sarà ricacciata verso l'Africa a Capodanno

A tratti maltempo sull'Italia sino alla fine dell'anno, con anche qualche episodio nevoso a bassa quota su Alpi ed Appennino, subito vanificato da nuove piogge ed aria mite. Da Capodanno però le temperature sembrano destinate nuovamente a virare verso il freddo.

La sfera di cristallo - 24 Dicembre 2009, ore 14.41

Il nocciolo gelido che ci ha interessato nei giorni scorsi aveva davvero nel DNA caratteristiche eccezionali, ma non ha avuto il tempo di estendersi e sostare più a lungo alle medio-basse latitudini, spazzato via da un'altra massa d'aria dalle caratteristiche totalmente opposte e, in questo caso, di eccezionale mitezza. Si spiega così il passaggio a valori più che primaverili in sole 48 ore al centro-sud, si spiega così un'escursione termica di quasi 40 gradi per lo stesso intervallo di tempo sui Balcani. Potremmo dire che questo è davvero un tempo all'americana, simpaticamente folle, ma anche maledettamente insidioso e pericoloso, oltre che fortemente penalizzante per il turismo (neve che arriva, illude, se ne va anche alle alte quote) e per i budget familiari; pensate solo alle spese di elettricità per l'utilizzo di stufette, orari di riscaldamento prolungati con indubbio danno ambientale, tubature saltate, etc. Stupirsene serve a poco, il tempo non è un cagnolino ammaestrato. Questo sussulto però è servito a farci capire ancora una volta quanto l'italiano, inurbato fino al midollo, abbia con la natura un rapporto tutt'altro che idilliaco, anzi conflittuale. Troppo facile dire: "che bella la natura", quando c'è il sole e gli uccellini cinguettano felici sui rami degli alberi in fiore, molto diverso saper accettare qualche inconveniente per una nevicata o per un freddo più intenso del solito. Viene da chidersi perchè gli ecologisti si affannino tanto: la maggioranza degli italiani, ma potremmo anche estendere il discorso ad altri popoli latini, mal tollera il freddo, il gelo e la neve. Se la temperatura media crollasse di colpo in media di 2-3°C, questa gente abuserebbe ancor più delle risorse, aumentando del triplo l'inquinamento dell'aria. Quindi fa davvero sorridere sentir dire ai VIP: "facciamo qualcosa per l'ambiente" quando sono proprio loro i primi viziatissimi inquinatori. Chiusa la doverosa parentesi si quanto avvenuto, concentriamoci ora sul tempo che verrà: ancora perturbazioni sino a San Silvestro, perchè continuerà questo flusso sud-occidentale mite, intervallato giusto tra Santo Stefano e le prime ore del 28 dall'ingresso in quota di aria un po' più fredda. La mitezza però sembra destinata ad essere sconfitta, almeno per alcuni giorni a partire dal Capodanno, grazie ad un nuovo affondo delle correnti fredde dal nord Europa verso il Mediterraneo, con anche una possibile entrata stretta dalla valle del Rodano e nuovo episodio nevoso a bassa quota al nord e al centro entro il 2-3 gennaio. Il progetto per il momento rimane però sulla carta, ed è oltretutto solo una "bozza". Quel che pare sicuro è comunque un raffreddamento durante la prima decade del nuovo anno. Niente di eccezionale intendiamoci, non è nulla di lontanamente paragonabile a quel nocciolo gelido che abbiamo seguito con passione per giorni e che è stato ai patti solo parzialmente. Si tratterebbe in sostanza di un ritorno alla normalità invernale, pur se perturbata. Non aspettiamoci nuovi sfracelli bianchi. A tutti i lettori va il nostro più sentito augurio di Felice Natale. SINTESI PREVISIONALE SINO A GIOVEDI 31 DICEMBRE 2009: Natale: sotto la pioggia al mattino su nord-est e centro-sud, ma con fenomeni sparsi, migliora al nord-ovest, ed entro il pomeriggio anche altrove. Calo delle temperature in quota al nord in giornata. Santo Stefano: nuova perturbazione con formazione di una depressione al centro-sud con piogge e temporali, neve sull'Appennino centrale oltre i 700-800m, in serata qualche fenomeno anche sull'Emilia-Romagna, sul resto del nord solo un po' di nuvolaglia e qualche nebbia poco densa. Domenica 27: migliora ovunque nel corso della giornata. Al nord e nelle valli del centro probabili nebbie. lunedì 28: nuovo trenino perturbato in arrivo da ovest, neve a bassa quota verso sera su ovest Alpi, ma con limite in rapidissimo rialzo, piogge in avanzamento da ovest verso est. martedì 29: ancora nuvolaglia e piogge su tutta la Penisola in un contesto davvero mite e poco invernale, specie al centro-sud. mercoledì 30 dicembre: giornata simile a quella precedente ma con qualche schiarita passeggera. giovedì 31 dicembre: pronto a consumarsi l'ultimo passaggio perturbato del 2009, dietro ad esso parrebbe destinata ad inserirsi l'aria fredda.

Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum