Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Il timone della stagione senza timoniere

La prima decade d’agosto si chiuderà con nuovo nucleo instabile in visita dal nord Europa; attivo al nord-ovest già nel fine settimana. A seguire l’instabilità guadagna punti sul resto della penisola, ma il futuro è quanto mai incerto; tutto dipenderà dalla tenuta e dai movimenti dell’alta pressione in rinvigorimento sul vicino Atlantico.

La sfera di cristallo - 5 Agosto 2009, ore 15.15

Mentre molti si godono il sole sulle spiagge o i freschi e bucolici sentieri di montagna, i meteorologi e gli appassionati vivono momenti di fremente attesa. Da qualche giorno vi abbiamo parlato di un possibile cambio di circolazione, intorno alla fine della prima decade di agosto; qualcosa si sta muovendo. Abbiamo interpellato gli indici, controllato e confrontato i vari modelli, preso in considerazione altri aspetti, non ultima la statistica; ma ancora oggi non si capisce che piega prenderanno gli eventi, proprio nella settimana di Ferragosto, ossia quella più rappresentativa delle vacanze. Un assaggio di cambiamento si avrà proprio in coincidenza del prossimo fine settimana quando, il già poco convinto anticiclone africano, si farà infilare mestamente da un nucleo fresco e instabile in discesa dal Mare del Nord. Carica temporalesca di nuovo innescata al nord-ovest, già per la seconda parte di sabato; domenica estensione dei fenomeni al resto delle Alpi, centro-nord Appennino e qualcosa sulle pianure adiacenti. Il seguito appare nebuloso, quanto inquietante. Appare abbastanza certa una distribuzione dell’instabilità al resto del paese, con progressiva attenuazione; ma non è detto che questo progetto vada a buon fine. Tutto dipenderà dalle manovre dell’anticiclone delle Azzorre che, dopo aver provato a gestire le operazioni sul vicino Atlantico, potrebbe ripiegare verso il continente alla ricerca di quel caldo che, l’oceano di quest’anno proprio non riesce a dare. Una prima ipotesi, decisamente più favorevole, lo vede adagiarsi sui paralleli e chiudere molte porte al fastidioso nord. Ne deriverebbe una settimana abbastanza buona e nemmeno tanto calda, grazie anche a infiltrazioni di aria fresca da nord-est. Attendibilità 50%. Un secondo scenario vedrebbe lo scivolamento del nucleo fresco e instabile verso la Penisola Iberica, con nuova linfa per le ambizioni dell’anticiclone africano, quindi nuovamente caldo sull’Italia. Attendibilità 30%. Una terza ipotesi, molto remota ma non da escludere, vedrebbe l’azzorriano sbilanciarsi verso l’Inghilterra; non ce la sentiamo di commentare gli effetti. Seguite gli aggiornamenti, anche via fantameteo. Ecco intanto la previsione per i prossimi sette giorni in Italia. Giovedì 6 agosto: bel tempo quasi ovunque, la giornata forse nel complesso migliore della settimana; solo occasionali addensamenti potranno aversi sui rilievi del centro-sud e lungo l’arco alpino, ma con fenomeni scarsi e isolati. Temperature in aumento; ma caldo moderato. Venti da deboli a moderati nord-orientali al centro-sud; mari generalmente poco mossi. Venerdì 7 agosto: clima estivo quasi ovunque, con caldo moderato e un po’ di afa nei centri urbani; soliti addensamenti pomeridiani sui rilievi, specie nelle Alpi e Appennino Calabro-Lucano; non si escludono isolati acquazzoni. Venti e moto ondoso dei mari in attenuazione. Sabato 8 agosto: si accentua l’instabilità sui rilievi alpini, specie quelli centro-occidentali, e nord Appennino, con rovesci qualche temporale nel pomeriggio-sera. Possibili sconfinamenti sulle zone di pianura adiacenti. Altrove bel tempo, eccetto addensamenti pomeridiani sui rilievi, ma senza fenomeni. Clima caldo e più afoso, specie nelle valli del centro e sulla Pianura Padana. Domenica 9 agosto: un nucleo fresco e instabile apporterà un certo peggioramento al centro-nord; instabilità con rovesci e temporali lungo l’arco alpino, e localmente anche sul centro-nord Appennino, specie nelle ore pomeridiane e serali. Parziale coinvolgimento delle zone di pianura. Passaggi nuvolosi altrove, con qualche addensamento in Appennino, ma con basso rischio di fenomeni. Caldo in attenuazione al nord; moderato e un po’ afoso altrove. Lunedì 10 e martedì 11 agosto: residua e diffusa instabilità, con rovesci sparsi e qualche temporale a spasso sulla Penisola, più probabile a ridosso dei rilievi e nelle ore pomeridiane. Moderata rinfrescata, soprattutto sui versanti orientali. Attendibilità medio-alta. Martedì 12 agosto: migliora quasi ovunque, con prevalenza di sole e caldo moderato, più intenso sui settori tirrenici. Residui fenomeni pomeridiani solo sul versante adriatico dell’Appennino e occasionalmente sul nordest. Attendibilità media.

Autore : Giuseppe Tito

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum