Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Il tempo ha cambiato pagina: prepariamoci ad una grande variabilità

La prima parte della primavera risulterà particolarmente dinamica e per gli anticicloni non sarà facile aver ragione delle aree depressionarie ma la vera notizia del giorno è il possibile ritorno della pioggia su Cuneese e Torinese nel corso di domenica.

La sfera di cristallo - 22 Marzo 2007, ore 17.13

Questa sciabolata fredda lascerà una bella cicatrice sullo STIVALE e più in generale sul bacino centrale del Mediterraneo. Ha infatti rimosso una configurazione barica che non consentiva scambi meridiani di calore e ci teneva prigionieri di un'anomalia termica che durava ormai da troppo tempo e che, pur consentendoci di risparmiare soldi in riscaldamento per tutto l'inverno, ha finito per produrre danni ingenti alle colture appena l'aria fredda si è riaffacciata alle nostre latitudini. Del resto non poteva essere che così, il risveglio vegetativo era in anticipo di quasi un mese. Diverso il discorso delle piogge ma finalmente c'è qualche buona notizia anche per il Piemonte. Tutti gli anelli del puzzle questa volta sembrano andare ad incastro e finalmente da domenica ci sarà possibilità di precipitazioni su gran parte del nord-ovest e forse anche sul Ponente ligure con Tramontana scura. Tutto dipenderà dall'esatto posizionamento di un minimo depressionario al suolo sempre inserito in questa grande giostrina depressionaria che graverà sulle nostre teste almeno sino a lunedì 26. Nessun anticiclone dunque ha voglia di andarsi a prendere il bacino centrale del Mediterraneo. L'anticiclone scandinavo non può estendersi così tanto da inglobarci stabilmente, quello delle Azzorre punterà a legarsi proprio con lo scandinavo e quello africano finalmente è dato per disperso. In questo contesto l'Italia sarà sempre vulnerabile e diventerà una sorta di calamita per un altro spettacolare inserimento da nord di una profonda saccatura tra fine marzo e inizio aprile con conseguenze però tutte da verificare. Insomma, in sintesi: -niente primi caldi all'orizzonte -il freddo moderato continuerà ancora per qualche giorno -si avranno nuove occasioni per piogge su molte zone del Paese -almeno sino a Pasqua e forse anche oltre non ritroveremo la stabilità. ECCO TUTTE LE PREVISIONI SINO A GIOVEDI 30 MARZO: Venerdì, 23 marzo 2007 Lungo le Alpi nuvoloso e sui crinali di confine qualche sporadica nevicata, specie in Alto Adige, per il resto asciutto e al piano cielo velato con qualche schiarita. Al centro nuvolosità variabile, più intensa sul versante adriatico e sul basso Lazio con qualche rovescio sparso, nevoso oltre i 900m, al sud tempo instabile con qualche rovescio, soprattutto sul basso Tirreno e le regioni adriatiche, nevoso oltre i 1000m. Isolati temporali. Temperature in lieve aumento nei valori minimi al nord, massime in contenuto aumento al centro-sud, stazionarie al settentrione. Sabato, 24 marzo 2007 Molto nuvoloso sul nord-est con qualche nevicata sulle Alpi anche a quote molto basse (300-500m), piogge sulla pianura veneto-friulana, nubi in estensione al resto del nord ma fino a sera asciutto. Al centro-sud giornata incerta e soprattutto su Marche, Abruzzo, basso Lazio e meridione qualche rovescio sparso, nevoso oltre i 1000-1200m. Temperature in calo nei valori massimi al nord-est. Domenica, 25 marzo 2007 Molto nuvoloso su Lombardia, basso Veneto, Emilia-Romagna, Piemonte, Valle d'Aosta con piogge sparse, neve sulle Alpi centro-occidentali sino a 500-600m, sul resto del Triveneto nuvoloso ma deboli residue piogge o nevicate sui monti ma in attenuazione. Sulla Liguria nuvoloso ma asciutto, peggiora però in serata con rovesci e temporali e neve in Appennino oltre i 700-800m e Tramontana scura. Forte Bora sul Golfo di Venezia, temperature in calo sul nord-ovest. Al centro giornata instabile con rovesci possibili ovunque tranne sull'alta Toscana. Temporali locali in Sardegna. Neve in Appennino oltre i 1200-1300m. Anche al sud instabile con possibili rovesci sparsi alternati a schiarite. Sulla Sicilia meridionale asciutto. Temperature in lieve aumento su tutto il centro-sud. Lunedì, 26 marzo 2007 NORD-OVEST Su Piemonte e Bassa Valle d'Aosta tempo perturbato con piogge moderate e neve oltre i 500-600m metri. Altrove molte nubi ma con tempo prevalentemente asciutto. Freddo al mattino e in montagna. Temperature sotto la norma. NORD-EST Tempo perturbato sull'Emilia Romagna con piogge moderate, neve in Appennino oltre i 1000-1200 metri. Altrove irregolarmente nuvoloso in montagna e ampie schiarite in pianura, comunque asciutto. Freddo in montagna e al primo mattino in pianura. CENTRO Cielo nuvoloso con piogge sparse sul versante adriatico e neve in montagna oltre i 1200-1300 metri. Sulle regioni tirreniche generale variabilità ma con tendenza ad instabilità pomeridiana. Più sole sulle coste sarde. Clima per lo più umido e decisamente fresco, freddo in montagna. SUD Nuvolosità irregolare con qualche rovescio, specie su basso Tirreno, Molise e Puglia, deboli ed isolate nevicate in Appennino ma solo oltre i 1500m. Ancora moderatamente freddo in Appennino. Martedì, 27 marzo 2007 NORD-OVEST Nuvoloso sul Piemonte con piogge sparse e neve oltre i 900m, parzialmente nuvoloso altrove con rovesci a macchia di leopardo. Asciutto sulla Liguria. Temperature in lieve aumento. NORD-EST Nuvolosità irregolari con locali piogge al piano, asciutto sui rilievi, sereno in Alto Adige. Temperature in lieve aumento. CENTRO Tempo instabile su tutti i settori con rovesci soprattutto in Appennino. Neve oltre i 1300 metri. Temperature in lieve aumento. SUD Tempo instabile su tutti i settori con rovesci soprattutto in Appennino. Neve oltre i 1700 metri. Temperature in lieve aumento. Mercoledì, 28 marzo 2007 NORD-OVEST Lieve instabilità pomeridiana con rovesci concentrati sul settore padano; generalmente asciutto altrove. Temperature stazionarie. NORD-EST Lieve instabilità pomeridiana con rovesci concentrati sul settore padano-veneto; generalmente asciutto altrove. Temperature stazionarie. CENTRO Tempo incerto con instabilità diffusa. Temporali e rovesci di neve in Appennino oltre i 1500 metri, occasionalmente più in basso. Più sole sulla Sardegna meridionale. Temperature stazionarie. SUD Sole sulla Sicilia; per il resto variabilità a tratti instabile, con rovesci concentrati su Puglia, Basilicata e Campania. Neve a quote medio-alte in Appennino. Temperature stazionarie. Giovedì, 29 marzo 2007 NORD-OVEST Addensamenti residui sul settore alpino occidentale, ma senza conseguenze. Altrove in prevalenza soleggiato. Temperature diurne in lieve aumento. NORD-EST Poche nubi ovunque, clima asciutto. Temperature diurne in lieve aumento. CENTRO Lieve instabilità pomeridiana sul settore appenninico centrale, con rovesci di neve oltre i 1400-1500 metri, occasionalmente anche più in basso. Altrove poco nuvoloso e asciutto con temperature diurne in lieve aumento. SUD Debole instabilità al pomeriggio sul settore appenninico, con neve sulle cime ma nei rovesci più forti anche fin sotto i 1300 metri. Per il resto ampi spazi soleggiati e poche nubi, con temperature in aumento.

Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 10.33: A4 Milano-Brescia

rallentamento

Traffico rallentato causa traffico intenso nel tratto compreso tra Svincolo Sesto San Giovanni-Vial..…

h 10.31: A24 Tratto Urbano

coda

Code causa traffico congestionato nel tratto compreso tra Portonaccio - Galla Placidia (Km. 6,1) e..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum