Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Il "Polo" tenta di involarsi nuovamente verso il Mediterraneo

L'apertura della prossima settimana avrà caratteristiche decisamente invernali, poi potrebbe intervenire l'Atlantico a far sentire i primi tepori primaverili ma ci vorrà tempo. Intanto avremo ancora bisogno di guanti e cappello!

La sfera di cristallo - 22 Febbraio 2006, ore 16.35

Allora, qualche considerazione: molti aspettano la primavera ma questa parola non significa necessariamente bel tempo o stabilità, piuttosto variabilità con sbalzi termici e qualche bella giornata mite e soleggiata. La neve a fine inverno può sorprendere quando a mettersi in moto è il vortice polare come è facile che accada da lunedì 27 sino ai primi giorni di marzo. Al contrario in questi giorni, anche con temperature relativamente basse in quota, la neve al suolo non arriva, sia perchè la circolazione non è stata molto vivace, i geopotenziali non erano granchè, nei bassi strati è mancato l'apporto di correnti più fredde orientali e perchè (parliamo della Valpadana) non sono ancora attive quelle belle nubi torreggianti in grado di scaricare al suolo l'aria fredda. Ora ci attendiamo una forte depressione sul meridione, anche questa non è rarità, anzi, potremmo proprio dire che si tratta di una delle tante tempeste di fine inverno (o equinoziali come si usa dire). La primavera in meteorologia per convenzione inizia il primo marzo e termina il 31 maggio, anticipando il calendario astronomico. Così come l'anno scorso e nel 2001 la fine del febbraio e l'inizio di marzo potrà risultare traumatico ed indigesto a molti, con un ramo del vortice polare pronto a protendersi verso sud per dare l'ultimo saluto stagionale al Mediterraneo con una bella razione di freddo e neve. Dopo un mese tutto sommato nella media e senza grandi scossoni, ecco allora il gran finale. Lunedì sembra possibile la neve in Valpadana, martedì anche su parte delle regioni centrali, specie la Toscana, contemporaneamente sulle Alpi e a nord di esse si avrebbero delle punte notevoli di freddo, forse tra le più severe di tutto l'inverno. Come mai è cosi freddo se le correnti vengono da nord, non ci avete sempre detto, potreste chiedere, che il superfreddo arriva da est? Vero, ma a fine stagione l'Oceano risulta freddo e un'invasione di aria artica marittima arriva ad avere quasi le stesse potenzialità di una irruzione da est anche se per i bassi strati, cioè le zone nelle quali abitano il maggior numero di persone, il freddo più pungente rimane sempre quello di matrice polare continentale, cioè quello che arriva appunto da est. Le carte mostrano una situazione simile a quella già vissuta il 28 dicembre scorso, ma con tante varianti in più che sicuramente entreranno a "devastare" la linea di tendenza tracciata qui sotto. Apprestiamoci comunque a vivere giorni di passione. SINTESI PREVISIONALE sino a mercoledì 1° marzo GIOVEDI 23 febbraio Tempo molto perturbato al sud con piogge intense e temporali, specie sulla Calabria jonica e la Puglia, vento forte, al nord e al centro tempo incerto con rovesci solo isolati, temperature in aumento al sud. VENERDI 23 febbraio al nord molto nuvoloso con piogge sparse, neve dapprima oltre gli 800m, in serata limite in calo a 400m specie sull'Emilia-Romagna, al centro nuvoloso con piogge soprattutto concentrate su versante adriatico ed Umbria, neve oltre gli 800m, schiarite al sud e a tratti anche su costa toscana e sulla Sardegna. Bora su alto Adriatico. SABATO 24 febbraio Al nord al mattino ancora nuvoloso e ultime precipitazioni con neve oltre i 500m e localmente più in basso, altrove nuvolosità irregolare con ampie schiarite. Temperature stazionarie. DOMENICA 26 febbraio Giornata di tregua al nord e al centro, al sud ancora cielo nuvoloso con rovesci sparsi, specie sul versante tirrenico. Temperature stazionarie. LUNEDI 27 febbraio NORD-OVEST Peggioramento su Lombardia, basso Piemonte orientale e Liguria con NEVICATE sparse, possibili anche in pianura, temperature in diminuzione. NORD-EST Tendenza a peggioramento con rovesci sparsi, nevosi anche in pianura, specie su Emilia, est Lombardia, basso Trentino. Flessione delle temperature. CENTRO Peggioramento sulla Toscana con temporali e rovesci, neve oltre i 600m, altrove incerto ma con nubi in aumento. SUD Giornata variabile ma con ampie schiarite e tempo asciutto. MARTEDI, 28 febbraio 2006 NORD-OVEST In mattinata ancora neve sulla Lombardia e la Liguria, più sporadica sul resto del nord-ovest con tendenza a miglioramento ma con inserimento del vento e freddo. NORD-EST Perturbato con nevicate a quote molto basse, spesso anche in pianura, tendenza a miglioramento in serata a partire da est Lombardia ed alto Adige. Temperature in ulteriore calo, gelido nelle Alpi. CENTRO Maltempo con neve anche a quote molto basse, probabilmente fino in pianura in Toscana e attorno a 400-500m altrove. Ventoso e freddo. SUD Instabilità in accentuazione con rovesci a partire dalla Campania e dal pomeriggio con neve sino a 700m, Libeccio, temperature in moderato calo. MERCOLEDI, 1 marzo 2006 NORD-OVEST Giornata fredda e ventosa, ma sempre più soleggiata. Temperature sotto la media. NORD-EST Freddo e ventoso ovunque, bora forte sul Golfo di Trieste. CENTRO Ancora neve sull'Appennino laziale, marchigiano ed abruzzese a quote basse, per il resto tendenza a miglioramento con vento teso da nord e freddo. SUD Consistente peggioramento, con piogge e neve in Appennino già a partire dai 400-600m. Temperature in calo.

Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 10.03: A1 Roma-Napoli

coda

Code per 2 km causa viabilità esterna non riceve nel tratto compreso tra Allacciamento Asse Media..…

h 10.03: SS106 Jonica

rallentamento

Traffico in aumento, traffico intenso causa traffico vacanziero nel tratto compreso tra 7,337 km do..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum