Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Il freddo non vuole fare la "comparsa"

Ecco il tempo che ci attende fino a sabato 10 febbraio: dopo la breve ondata di freddo in arrivo, pausa anticiclonica, in seguito ritorno del freddo.

La sfera di cristallo - 31 Gennaio 2001, ore 15.52

Un errore madornale dell'alta pressione delle Azzorre potrebbe essere all'origine di una seconda ondata di freddo sull'Italia, dopo quella che ci apprestiamo a vivere nelle prossime 48 ore. Sabato 3 febbraio una debole perturbazione interesserà l'arco alpino senza provocare grossi fenomeni. Dopo una domenica non particolarmente significativa, passata con la brutta copia di quello che fino all'anno scorso poteva definirsi il baldo anticiclone delle Azzorre, lunedì 4 ecco svanire la sua modesta affermazione lungo i paralleli del Mediterraneo; ritroveremo allora il beniamino del bel tempo in una posizione verticale, con l'intento di puntare macchinosamente verso nord fino a lambire l'Inghilterra e il Mare del Nord, e lasciando ancora una volta scoperto il bacino del Mediterraneo. Le correnti da NE riprenderebbero così vigore da martedì 6 fino a venerdì 9 andando a scavare una piccola ma attiva depressione dalle isobare molto fitte, (segno di venti forti)sullo Jonio, e generando nevicate anche a quote basse e temporali. Il freddo lo garantirà una volta ancora la Scandinavia che in questi giorni è destinata a raffreddarsi moltissimo, mentre la Russia resterà assolutamente immobile. Ovviamente con questo tipo di circolazione nord e Tirreno rimarrebbero sotto vento con cielo sereno, pur accusando il disagio del freddo. Ma non è finita: dopo questa seconda fase perturbata e fredda per il meridione, l'anticiclone non riprenderà il suo posto al centro del Mediterraneo ma sarà costretto a ritirarsi in buon ordine per il sopraggiungere di una saccatura atlantica che convoglierebbe venti umidi da SW sull'Italia, rendendo possibili nevicate su gran parte delle pianure settentrionali e sul versante tirrenco dell'Appennino centro-settentrionale. Vi ricordiamo di prendere queste previsioni come una linea di tendenza non come certezza assoluta, si eviteranno così facili entusiasmi o amare delusioni. Molte sono oggi infatti le divergenze tra i modelli e segnalare una tendenza come definitiva si tradurrebbe in una mancanza di rispetto verso i lettori.

Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum