Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Il freddo abbraccia l'Adriatico

L'aria fredda richiamata dalla depressione "Piovra" determinerà forti correnti settentrionali sulla Penisola, tempo più freddo ed episodi nevosi su Marche e Abruzzo; poi dovremmo finire nel calderone dell'anticiclone.

La sfera di cristallo - 29 Gennaio 2001, ore 14.20

La "sfera" non si smentisce e a lungo termine vede nell'anticiclone delle Azzorre il vero sovrano europeo. Fa sempre notizia: quando c'è, perchè domina la scena, quando si assenta, perchè lascia campo aperto all'Atlantico e alle sue correnti umide e miti. Ancor più decisivo diventa quanda attacca con i suoi estesi e prodigiosi promontori l'Europa centrale e se lo "stiracchiamento" avviene lungo i meridiani, apriti cielo, arriva l'aria fredda, se l'invasione avviene invece lungo i paralleli, addio sogni o timori (de gustibus) di freddo e neve. In questa ennesima puntata della saga anticiclonica, ecco il nostro gigante buono cercare di fare amicizia con un figlio illegittimo dell'anticiclone russo-siberiano: il parente povero scandinavo. Sembrerebbe un amore a prima vista ma l'Atlantico non starà a guardare e farà di tutto per mandare a monte l'inciucio. Il nostro eroe delle Azzorre allora, non potendo raggiungere il suo scopo, si vendicherà sadicamente, estendendosi beatamente con un bel cupolone su Spagna, Francia, Svizzera, Germania e Italia, chiudendo la porta a tutti: sia al freddo che ancora scendeva dalla Finlandia, sia al mite respiro perturbato islandese, regalandoci la stabilità da tempo perduta. Cosa comporterà allora tutto questo? Una piccola "tragedia" in termini di inquinamento ambientale. Se fino ad ora l'aria era stata più pulita persino nelle nostre città più inquinate, negando la scocciatura o la gioia (de gustibus) delle domeniche a piedi, potrebbe esserci tutto il tempo di rifarsi. Inversione termica, smog e banchi di nebbia potrebbero tornare di preopotenza alla ribalta, anche se sicurezze assolute in tal senso i modelli non le hanno ancora espresse. Resterà dunque isolata e passeggera la frustata nordica del gelo sull'Adriatica? Pare di si, ma il tempo per correggere la rotta c'è ancora.

Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum