Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

FREDDO in agguato, l'autunno ora non scherzerà più

Tutto depone nuovamente per una fase dell'autunno decisamente movimentata e piuttosto fredda: primi BRIVIDI domenica in Adriatico. Le temperature infatti potrebbero portarsi sovente al di sotto delle medie. Sarà il preludio di una gelida stagione invernale?

La sfera di cristallo - 11 Ottobre 2007, ore 14.59

Ve l'abbiamo anticipato già stamane con l'analisi di tutti gli indici più accreditati per la valutazione del tempo a medio-lungo termine. Sembra profilarsi all'orizzonte una seconda fase dell'autunno e una prima fase d'inverno decisamente gelida, a tratti anche perturbata, stante lo sbilanciamento dell'anticiclone europeo verso nord e il suo congiungimento con un collega che ormai credevamo morto e sepolto, stiamo parlando dell'anticiclone russo. La tendenza della NAO a mostrarsi negativa fa pensare alla ulteriore migrazione dell'anticiclone verso nord e dunque a creare il famoso patto d'acciaio RUSSO-SCANDINAVO, garanzia per noi sempre di qualche sorpresa, anche perchè quest'anno l'AFRICANO sembra finalmente essere tornato in sede (risultato della migrazione verso sud anche marcata della linea di convergenza intetropicale). In questo contesto il Mediterraneo diverrà sempre più terra di conquista sia per l'aria fredda in arrivo da nord-est (che potrebbe addirittura arrivare anche in modo spettacolare con il trascorrere delle settimane) sia per l'instaurazione di una sorta di atlantico basso, in cui le depressioni, impedite nel loro moto verso levante alle alte latitudini, visitano quelle più basse fino a rimanere "incagliate" tra gli scogli (le nostre isole maggiori o lo Jonio). Insomma come vedete la stagione sta per diventare elettrizzante e anche sotto il profilo precipitativo già a partire dalla prossima settimana potremmo vederne delle belle. Cominciamo però dalla prima zampata invernale sui Balcani attesa per domenica marginalmente anche lungo le nostre regioni adriatiche con riflessi termici notevoli (anche 7°C in meno rispetto ai valori attuali) e con qualche isolata precipitazione nevosa in Appennino non esclusa. Da lunedì questa avvezione fredda tenderà ad esaurirsi ma il colosso anticiclonico, piazzato sul centro Europa, tenderà ad usurarsi per l'azione di una saccatura da ovest che finirà per penetrare nel Mediterraneo centrale isolandoci un minimo tra mercoledì e giovedì. L'avanzata della saccatura coinciderà con un richiamo di correnti da sud-ovest in grado di dispensare molti rovesci e temporali intensi su isole, regioni tirreniche e qualche fenomeno anche sul resto del Paese. Dunque l'autunno ora non scherzerà più. SINTESI PREVISIONALE SINO A GIOVEDI 18 OTTOBRE Venerdì 12 ottobre: ancora tempo instabile al sud e sulla Sicilia con rovesci e temporali sparsi, alternati a momenti più soleggiati e tranquilli. Fenomeni in temporanea attenuazione a fine giornata. Altrove poco nuvoloso con residui addensamenti sulle regioni centrali. In serata aumento della nuvolosità alta e sottile sulle Alpi. Temperature in aumento al nord e al centro, stazionarie al sud. Sabato 13 ottobre: passaggi nuvolosi in trasferimento dal nord verso il centro Italia ma senza fenomeni, al sud invece ancora instabilità con possibili rovesci, in particolare su Molise, Puglia, Basilicata, dove nella notte su domenica potrà esserci anche qualche sporadica nevicata sulle cime più alte. Temperature in calo ovunque dalla sera per insorgenza di forti venti nord-orientali sull'Adriatico, con mareggiate sulle coste pugliesi. I venti, pur attenuati, si faranno sentire anche altrove. Domenica 14 ottobre: l'aria fredda si farà sentire ulteriormente, specie nel pomeriggio e in serata quando la corrente nord-orientale raggiungerà il massimo della sua efficacia producendo anche qualche annuvolamento al nord ma senza fenomeni, sereno su centrali tirreniche e Sardegna, parzialmente nuvoloso sul resto della Penisola con isolati residui rovesci, segnatamente sulla Puglia e la Basilicata con qualche spolverata di neve oltre i 1600m. Lunedì 15 ottobre: mattinata frizzante con minime anche sotto i 10°C localmente. Giornata comunque abbastanza soleggiata dopo una mattinata ancora un po' nuvolosa sul basso Adriatico e, per effetto stau, su Piemonte ed ovest Lombardia. Martedì 16 ottobre: mattinata tranquilla e soleggiata, nel pomeriggio peggioramento sulla Sardegna con rovesci, in serata generale aumento della nuvolosità anche sul Tirreno, altrove ancora cielo sereno o velato; venti che si orienteranno da sud-ovest e lieve rialzo termico. Mercoledì 17 e giovedì 18: nell'arco di queste 48 ore andrà delineandosi meglio il cambiamento del tempo previsto. Si avranno piogge e temporali a partire dalle regioni tirreniche in estensione alle rimanenti zone, possibile arrivo della neve sulle Alpi a quote medio-alte da giovedì, temperature in calo. (da precisare meglio nei prossimi giorni).

Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 04.15: A1 Roma-Napoli

fog

Nebbia a banchi nel tratto compreso tra Colleferro (Km. 592,5) e Ceprano (Km. 643,3) in entrambe..…

h 04.07: A14 Pescara-Bari

rain

Pioggia nel tratto compreso tra Vasto Sud (Km. 454,6) e Termoli-Molise (Km. 477) in entrambe le d..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum