Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Freddo fino a Santo Stefano, poi peggioramento ma aria più mite

Dopo una pausa anticiclonica fra il 25 ed il 26 dicembre, il tempo cambierà nuovamente a partire dal nord.

La sfera di cristallo - 23 Dicembre 2003, ore 16.13

Fa piuttosto freddo su gran parte dello Stivale; addirittura in alcune zone, specialmente in collina o in montagna, i valori termici sono scesi leggermente al di sotto delle medie del periodo. I forti e freddi venti da nord stanno portando la neve sull’Appennino, ed a tratti anche in prossimità delle coste adriatiche, mentre al settentrione e sulla Toscana splende un bel sole. Questa è la situazione attuale; rimarrà tale ancora per molto? Probabilmente no; infatti già nella giornata di Natale l’alta pressione adesso presente su Spagna, Francia e settentrione italiano, tenderà a guadagnare terreno verso sud, riuscendo però a proteggere le nostre regioni solo per 24-36 ore. Nella giornata del 27 dicembre infatti si faranno avanti intense correnti oceaniche relativamente miti ed umide, che rapidamente faranno aumentare la copertura nuvolosa sulle nostre regioni centro-settentrionali, portando precipitazioni sparse; date le basse temperature raggiunte nei giorni precedenti, sulla Pianura Padana e nelle vallate interne del centro si saranno consolidati robusti cuscinetti di aria fredda, che potrebbero garantire nevicate a quote piuttosto basse per uno o due giorni. Ma entriamo nel dettaglio della previsione, e vediamo cosa succederà fino al 30 dicembre: Mercoledì 24 dicembre: Bel tempo al nord, su Toscana, fascia costiera laziale e Sardegna occidentale, con qualche nube solo sul Casentino. Altrove banchi nuvolosi minacciosi, con possibili moderate precipitazioni intermittenti da Macerata verso sud. Neve fino al piano su Appennino Laziale, Marche, Abruzzo, Molise e Puglia Garganica, oltre i 400-700 metri sulle altre regioni peninsulari, 500-800 metri sulla Sicilia. Brevi ed isolati rovesci nevosi anche sulla Sardegna orientale. Freddo intenso, con gelate diffuse al centro-nord. Vento ancora teso su molte regioni. Giovedì 25 dicembre, NATALE: Lento miglioramento sulle regioni centrali, con gli ultimi deboli rovesci di neve al mattino su Appennino Laziale ed Abruzzo; ancora qualche rovescio al sud, con quota neve in rialzo di 200-300 metri rispetto al giorno precedente. Soleggiato al nord, ad eccezione dei crinali di confine, dove transiteranno dense velature. Temperatura in lieve aumento nei valori massimi. Vento in attenuazione. Venerdì 26 dicembre: Tempo discreto su gran parte d’Italia, con le ultime nubi al mattino su Sicilia e Calabria; fra il pomeriggio e la serata banchi nuvolosi densi in arrivo su Liguria, basso Piemonte ed alta Toscana. Temperatura in aumento nei valori massimi. Sabato 27 dicembre: Graduale peggioramento al centro-nord, con pioviggini già al mattino; fra il tardo pomeriggio e la serata precipitazioni sparse ovunque (ad eccezione di Romagna, Marche ed Abruzzo), con possibili deboli nevicate fin quasi in pianura su Piemonte, Piacentino ed alta Lombardia; fiocchi di neve fino al fondovalle su Valle d’Aosta ed Alto Adige, oltre i 400-600 metri nelle vallate più strette appenniniche, al di sopra dei 700-1000 metri altrove. Al sud sereno, ma con velature in arrivo dal pomeriggio. Temperatura in ulteriore lieve aumento in montagna; in decisa risalita su Marche ed Abruzzo. Domenica 28 dicembre: Ancora precipitazioni sparse al nord, su Toscana e Lazio, specialmente nelle zone interne, sulla Lombardia ed il Trentino, con nevicate a bassa quota al nord-ovest, oltre i 1000-1200 metri sull’Appennino ed il Triveneto. In serata tendenza a miglioramento al nord-ovest, mentre sul Triveneto la neve scenderà a tratti fino ai fondovalle. Sulle regioni meridionali cielo velato, a tratti nuvoloso. Temperatura stazionaria, in brusco calo verso sera sui rilievi alpini di confine. Vento teso o forte di Libeccio. Lunedì 29 dicembre: Poche nubi al nord, ad eccezione della Romagna, dove il cielo rimarrà coperto per gran parte della giornata. Peggioramento su Marche ed Abruzzo, con piogge sparse e brevi nevicate oltre i 700-800 metri; nessuna variazione significativa altrove. Temperatura in calo al centro-nord. Martedì 30 dicembre: Nuovo aumento delle nubi da est sulla Pianura Padana, ma con basso rischio di precipitazioni; tendenza a miglioramento su Toscana e Lazio. Ancora piogge e qualche temporale al sud. Per il resto nessuna novità. Bora in rinforzo sull’alto Adriatico.

Autore : Lorenzo Catania

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum