Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Febbraio: una certezza (l'anticiclone) e tante varianti fredde sul tema, segnatamente al centro-sud

Febbraio si aprirà con l'anticiclone, ma con l'aria fredda pronta, di tanto in tanto, a proporsi in Adriatico e sul meridione, con annessa anche qualche nevicata a bassa quota. Al nord generalmente asciutto.

La sfera di cristallo - 25 Gennaio 2011, ore 14.56


Se inizialmente questa sarà quasi una certezza (per i primissimi giorni di febbraio), subito dopo la sua permanenza in questa posizione diverrà un'ipotesi poco credibile. Ci saranno in realtà parecchi disturbi al suo dominio.

Puntualmente, appena l'anticiclone torna a mostra invadente, il nord fa i conti con l'assenza di ventilazione e la mancanza di neve. Si fanno così i conti con l'inquinamento, che alla lunga uccide e laddove non uccide peggiora le patologie respiratorie e sulle Alpi ai turisti vengono mostrati paesaggi non certamente tra i i più innevati degli ultimi anni.

Va un po' meglio in Appennino, dopo le recenti precipitazioni nevose, ma per ora non è che sia un inverno da urlo, tranne situazioni locali. Febbraio partirà sulla falsariga di gennaio: corrente a getto accelerata da un vortice polare in discreta forma, che spinge verso di noi l'anticiclone europeo e chiude la porta almeno in parte alle scorribande dell'aria artica.

Si tratterà di chiusure non propriamente ermetiche ed anzi, il sud e le centrali adriatiche rimarranno sovente a rischio di inserimenti gelidi orientali, forieri di ulteriori episodi nevosi.

Più difficile che le sortite delle masse fredde erodano tutta la struttura anticiclonica e si propongano anche sul settentrione. In ogni caso noi abbiamo fatto alcune ipotesi, scegliendo tra le configurazioni bariche che al momento riteniamo più probabili.

Già detto delle incursioni fredde attese in Adriatico: almeno una potente entro la metà del mese e una seconda da verificare, restano altre possibilità, che andiamo ad elencare mostrandovi tutta questa serie di mappe:

La botta fredda da est per il centro-sud, con depressione sullo Jonio sarà per noi sufficientemente probabile entro la prima decade del mese: 55%


Che la depressione possa diventare così profonda da determinare maltempo e neve a bassa quota su tutto il centro-sud entro la prima decade di febbraio appare invece un'ipotesi meno probabile: 35%


Lo spostamento dei massimi pressori sul vicino Atlantico e un calo dell'indice AO farebbe intervenire in modo più netto un ramo del vortice polare sul centro Europa entro la metà del mese con vaga possibilità di un inserimento dal Rodano, come avvenne a metà dicembre 2010. L'ipotesi risulta al momento poco attendibile, il getto è troppo teso e la Nao non ha voglia di scendere. 20%

 
Questa per noi è invece la più probabile, perchè statisticamente gode di maggiori opportunità di realizzazione: neve su nord delle Alpi e poi su medio-basso Adriatico e in genere al sud, foehn al nord-ovest, in caso di Nina, questo è quanto avviene solitamente sul nostro Paese in alcuni frangenti invernali. 60%

Sintesi previsionale sino ai primi di febbraio:
mercoledì 26 gennaio: aumento parziale della nuvolosità su tutto il Paese con piovaschi sparsi sulla Liguria e sulle regioni tirreniche, in serata fiocchi di neve su Piemonte e Lombardia occidentale, probabilmente misti a pioggia in pianura. Temperature in lieve aumento nei valori minimi, massime in diminuzione.

giovedì 27 gennaio: al nord-ovest nuvoloso con qualche nevicata nelle prime ore, in graduale attenuazione. Al nord-est irregolarmente nuvoloso, forse qualche pioggia in Romagna. Al centro nuvoloso e soprattutto sulla fascia tirrenica piovaschi sparsi, qualche pioviggine possibile anche in Adriatico, al sud peggiora sulla Sicilia con piovaschi, nuvole altrove con piovaschi sulle regioni tirreniche. Temperature in generale aumento per un flusso di correnti sciroccali.

venerdì 28 gennaio: al nord parzialmente nuvoloso ma secco, forse qualche pioggia solo su basso Veneto e Romagna, maltempo sulla Sardegna, nubi e piogge sparse anche sulla fascia costiera tirrenica, richiamo umido anche in Adriatico con piovaschi sul mare. Temperature in ulteriore lieve aumento.

sabato 29 gennaio: moderato maltempo al centro-sud con fenomeni in movimento da ovest verso est, anche al nord-ovest nelle prime ore nuvoloso con deboli nevicate sul basso Piemonte e l'Appennino ligure sino a quote collinari, tendenza a miglioramento.

domenica 30 gennaio: ancora nubi al sud con possibili rovesci sparsi, migliora al centro, sereno con nebbie sparse al nord in sollevamento dovuto all'inserimento di una corrente orientale. Lieve calo termico dalla sera a partire da nord-est.

lunedì 31 gennaio: un po' di freddo sulle regioni adriatiche con formazione di nuvolosità irregolare, fenomeni scarsi o nulli anche in Adriatico.

martedì 1 febbraio: alta pressione e bel tempo quasi ovunque, un po' di nuvolaglia solo sulla Puglia ed il Molise, ma senza fenomeni. Temperature in aumento, tranne sul basso Adriatico.


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 01.15: TG-BO Tangenziale Di Bologna

rallentamento

Veicoli lenti nel tratto compreso tra Svincolo 11 Ss253 S.Vitale-Ravenna (Km. 19) e Svincolo 10 Zon..…

h 01.07: A56 Tangenziale Di Napoli

incidente

Incidente a Zona Ospedaliera (Km. 15,7) in uscita in entrambe le direzioni dalle 00:21 del 27 mag..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum