Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Estate FERITA su gran parte d'Italia!

Fino a venerdì l'Italia sarà interessata da veloci correnti settentrionali che determineranno un calo delle temperature e fenomeni soprattutto lungo l'Adriatico e al sud. Nel fine settimana lieve rialzo termico, ma dal nord Europa incomberà una nuova minaccia. Sempre "fuori gioco" l'alta pressione delle Azzorre.

La sfera di cristallo - 7 Giugno 2005, ore 15.44

Un lungo corridoio di correnti fresche, a tratti anche fredde, percorrerà nei prossimi giorni buona parte dell'Europa centro-orientale finendo per interessare anche la nostra Penisola. Il centro motore di tutto l'ingranaggio sarà una depressione a carattere freddo che si posizionerà tra l'Ungheria e la Serbia. L'alta pressione delle Azzorre si proietterà verso le Isole Britanniche e il Mare del Nord, facilitando la discesa fredda sul suo bordo orientale. Sembra una classica situazione invernale, una situazione di quelle che "ingolfano" di neve l'Appennino centro-meridionale, mentre lasciano a secco il nord Italia e il Tirreno. La cosa non farebbe una piega se fossimo ad esempio in aprile. Molto spesso la primavera promuove colpi di coda dell'inverno, con il freddo che può tornare di prepotenza sulla Penisola. Il fatto però che la suddetta situazione accada quasi alla metà di giugno non può che destare qualche perplessità, anche alla luce di tutto il caldo sbandierato a destra e a manca nei giorni scorsi e che ora è completamente venuto meno. Certo, non ci sarà la neve a quote basse, non ci saranno le gelate, ci mancherebbe, tuttavia i nostri termometri accuseranno un bello scossone verso il basso, soprattutto sulle nostre regioni centro-meridionali. Andrà meglio al nord, specie sul nord-ovest, che ormai sappiamo essere riparato dalle Alpi in queste situazioni. Questo riparo, tuttavia, rischia di diventare una sorta di maledizione dato che troppe volte nel corso dell'anno questa parte della Penisola si trova a fare i conti con venti secchi e poca pioggia. Tale situazione andrà avanti fino a venerdì compreso, poi a partire da sabato la depressione sui Balcani si attenuerà e con essa le correnti fredde da nord. Sarà tutto finito? Sembra di no! L'alta pressione delle Azzorre se ne starà distesa verso le Isole Britanniche e una nuova depresione fredda scenderà dal nord Europa, con l'intento di raggiungere anche parte della nostra Penisola. Gli effetti di questa nuova figura depressionaria si faranno sentire soprattutto al nord e a partire dalla giornata di lunedì. Sul resto d'Italia invece le temperature tenderanno in parte ad aumentare stante l'orientamento delle correnti dai quadranti sud-occidentali. Insomma l'estate non si decide ad entrare franca, anzi nei prossimi tre giorni su alcune località della nostra Penisola potrebbe addirittura fare freddo! Quindi regolatevi di conseguenza. SINTESI PREVISIONALE MERCOLEDI' 8 GIUGNO: al nord tempo nel complesso buono, salvo addensamenti sul nord-est, Appennino Ligure, Alpi Cozie e Marittime, con qualche isolato rovescio possibile. Al centro nubi su Marche, Abruzzo e Umbria orientale, con qualche temporale possibile. Spruzzate di neve al di sopra dei 1800-2000 metri sull'Appennino. Altrove schiarite prevalenti anche se nel pomeriggio si formeranno addensamenti cumuliformi sparsi, ma con basso rischio di fenomeni. Al sud tempo moderatamente instabile, con nubi e qualche temporale specie su Calabria, Puglia, Basilicata e Sicilia orientale. Temperature ovunque in calo. Venti anche forti da nord lungo l'Adriatico. Mari molto mossi. GIOVEDI' 9 GIUGNO: non cambia di molto la situazione. Addensamenti sul nord-est, Alpi Marittime e Appennino Ligure. Qualche rovescio possibile nel pomeriggio. Più sole sulle pianure. Al centro ancora moderata instabilità su Marche, Abruzzo ed entroterra laziale, con qualche temporale nel pomeriggio. Più sole altrove. Al sud nubi sparse, anche intense nel pomeriggio sulla Calabria, sul Molise e sulla Puglia, con possibili isolati temporali. Temperature in ulteriore calo al centro e al sud. Venti settentrionali, forti al sud. Mari molto mossi. VENERDI' 10 GIUGNO: al nord tempo nel complesso buono, salvo addensamenti pomeridiani locali. Freddo al mattino sulle Alpi. Al centro e al sud ancora tempo incerto, con possibili temporali soprattutto su Abruzzo, Lucania, Calabria e Puglia. Altrove solo addensamenti sparsi, senza fenomeni. Temperature stazionarie, freddo sull'Appennino centro-meridionale. Venti moderati settentrionali. SABATO 11 e DOMENICA 12 GIUGNO: si attenuano le correnti settentrionali sull'Italia, ma il tempo conserverà spunti di instabilità sulle Alpi e lungo tutta la dorsale appenninica nel pomeriggio, dove saranno possibili temporali. Temperature in aumento. Venti deboli. LUNEDI' 13 e MARTEDI' 14 GIUGNO: possibile nuovo peggioramento al nord e a seguire anche al centro, con temporali sparsi e calo termico. Tempo migliore al sud. Affidabilità 35-40%.

Autore : Paolo Bonino

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum