Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Dopo l'Immacolata nuova offensiva del maltempo

La neve potrebbe tornare a cadere a quote basse su Alpi e parte dell'Appennino a metà della prossima settimana e dopo la metà del mese non si esclude una irruzione fredda ancora più spettacolare.

La sfera di cristallo - 4 Dicembre 2008, ore 15.31

Nelle battute finali di questo autunno 2008 e nei primi giorni dell'inverno meteorologico è accaduto un po' di tutto: neve, nubifragi, tempeste di vento, grandinate. L'Italia è stata messa a soqquadro da fenomeni davvero intensi: dalle alluvioni in Sardegna alle super-nevicate sulle Alpi e ai fiocchi comparsi in anticipo anche sulle pianure del nord. Ora il Ponte dell'Immacolata ci riserverà una pausa più tranquilla grazie alla parziale estensione verso levante di un cuneo anticiclonico, di quell'anticiclone che qualcuno aveva persino dato per disperso nel cuore dell'Atlantico e che invece è sempre pronto a scattare verso di noi. A rispedirlo verso lo Stivale ci sta pensando la corrente a getto grazie ad una contemporanea accelerazione del vortice polare. Come già illustrato stamane in un altro articolo, la cavalcata del getto durerà poco: brusca anche se temporanea la frenata attesa per martedì 9 dicembre, quando un nucleo di aria fredda punterà verso le latitudini mediterranee dando probabilmente vita tra mercoledì 10 e giovedì 11 ad un'altra fase di maltempo un po' su tutte le regioni con la neve pronta a fare nuovamente la sua comparsa su Alpi, Appennino centro-settentrionale e sulla Valpadana centro-occidentale. La depressione che ne scaturirà dovrebbe isolarsi ed insistere sull'Italia almeno sino a venerdì 12, contemporaneamente il getto riprenderà la sua cavalcata ma ancora una volta avrà una voglia matta di fermarsi e di scaricare una bella "camionata" di gelo verso le basse latitutini europee intorno o subito dopo la metà del mese. Ancora non è dato di sapere chi verrà colpito in pieno. Intanto la nostra sfera "scorge" lontano lontano farsi largo un fantasma del passato, uno spettro: l'anticiclone russo. Rimarrà un miraggio? Interagirà con le depressioni nord-europee? Ci invierà aria polare continentale, cioè gelidissima sin sotto casa? Basta, abbiamo già parlato troppo facendo forse intirizzire qualche nostro lettore prematuramente. SINTESI PREVISIONALE SINO A GIOVEDI 11 DICEMBRE: venerdì 5 dicembre: maltempo moderato al mattino con pioggia al piano e neve sui 700m in montagna sul nord-est, piogge sull'Emilia-Romagna, secco al nord-ovest, forte maltempo su centrali tirreniche con temporali su Toscana e Lazio, generalmente asciutto su Marche ed Abruzzo, rovesci in arrivo sulla Campania, sul resto del meridione incerto ma con pochi fenomeni ed alcune schiarite. Temperature in calo nei valori massimi al nord, in aumento altrove per ventilazione mite occidentale. sabato 6 dicembre: migliora al nord, residua nuvolosità al centro, tempo instabile al sud con piogge sparse. Calo delle temperature sulle Alpi, altrove temporaneo ulteriore aumento, specie sulle pianure del nord. domenica 7 dicembre: bel tempo al nord e su gran parte del centro ma piuttosto freddo al mattino, più gradevole al pomeriggio, attenzione alla possibile comparsa di nebbia in Valpadana. Al sud e sull'Abruzzo incerto con qualche rovescio non escluso, specie sul versante adriatico, nevoso oltre i 1000m, temperature mediamente in calo sui monti e al sud. lunedì 8 dicembre: la giornata migliore della settimana con tempo abbastanza buono ovunque salvo residui addensamenti in Adriatico e nebbie in Valpadana e nelle valli del centro. Temperature senza grandi variazioni. martedì 9 dicembre: mattinata serena ma con molte nebbie sparse su pianure del nord e nelle valli del centro. Dal pomeriggio aumento della nuvolosità su Liguria, Sardegna e Toscana ma ancora tempo secco. In serata nubi in generale aumento anche sul resto d'Italia. Rinforzo dei venti meridionali, temperature in lieve aumento al centro-sud. mercoledì 10 dicembre e giovedì 11 dicembre: depressione sull'Italia con maltempo diffuso: piogge e temporali al centro-sud, neve sull'Appennino toscano oltre i 600m, oltre i 1000m sul restante Appennino centrale ma con limite in rialzo giovedì, oltre i 500m al nord-est e sull'Emulia-Romagna, a tratti sino al piano su nord-ovest, specie su Piemonte, ovest Lombardia e fondovalle aostano, pioggia mista a neve nel Savonese e Genovesato, pioggia sui restanti tratti di costa liguri. Anche al nord limite in rialzo ovunque giovedì. Temperature in calo al nord e sulla Toscana mercoledì, stazionaria sul resto del centro, in aumento al sud. Giovedì in generale rialzo. (Previsione da confermare!!!)

Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum