Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Dicembre inizia con tempo incerto ma non freddo

Fino a lunedì il nostro Paese sarà interessato da una conca di bassa pressione. In seguito un doppio blocco anticiclonico sull'est europeo potrebbe favorire ad intervalli il passaggio sull'Italia di diverse perturbazioni precedute da correnti miti e seguite da aria più fresca.

La sfera di cristallo - 1 Dicembre 2004, ore 15.42

Le Alpi sorridono, l'Appennino un po' meno. Le prospettive infatti non mostrano nessuna corrente fredda in grado di traghettarci direttamente nell'inverno più autentico. Bisogna accontentarsi di ciò che passa il convento. E cosa passa? Intanto una depressione dura a morire che invierà i suoi tentacoli (leggasi fronti nuvolosi) ad interessare ancora il nostro Paese sino a lunedì richiamando anche un piccolo sbuffo di aria fredda sul settentrione. Nel frattempo ecco l'anticiclone delle Azzorre espandersi temporaneamente verso l'Europa centrale e contemporaneamente rafforzarsi sulla Russia uno di quegli anticicloni che potremmo definire ibridi, nati dalla fusione tra le caratteristiche termiche e quelle dinamiche. Risultato per i profani? Una brusca frenata della corrente a getto che impatterà contro questo muro proprio all'altezza dell'Italia deviando verso nord e riuscendo a trovare una parziale via di fuga solo in un tunnel tra due anticicloni. Risultato pratico per tutti? Avremo delle perturbazioni in serie che ci raggiungeranno da ovest con relativa velocità precedute da correnti meridionali miti e seguiti da aria più fresca. E' appena il caso di aggiungere che in un contesto del genere si avranno delle piogge passeggere con nevicate di una certa importanza relegate solo alle Alpi e al massimo su alcuni settori del nord Appennino a quote mediamente superiori ai 1000m con le opportune eccezioni. (già questo in fondo è un buon risultato per evitare il solito anticiclone dispensa-veleni e una vera manna per chi vive di turismo nelle Alpi) In ogni caso la situazione sembra particolarmente incline a scossoni repentini, dunque è utile non prendere troppo alla lettera quanto vi abbiamo raccontato. SINTESI PREVISIONALE sino a mercoledì 8 dicembre: giovedì 2 dicembre: deboli piogge al nord, neve sui 600-700m ma in rialzo sino a 1200m su ovest Alpi ed Appennino ligure, sui 1000 ma in rialzo fino a 1500m sui restanti settori alpini. Al centro-sud tempo incerto con isolati rovesci ma anche alcune belle schiarite. venerdì 3 dicembre: piogge moderate al settentrione, specie su Liguria, Emilia-Romagna e Friuli Venezia Giulia, qualche rovescio sull'alta Toscana, nuvolosità stratiforme ma tempo asciutto sul resto del Paese con un po' di sole a tratti, temperature miti. sabato 4 dicembre: instabile su tutto il Paese con piogge sparse e locali rovesci, più probabili sulle regioni centrali. domenica 5 dicembre: ancora tempo incerto al centro-sud con qualche pioggia, al nord schiarite sempre più ampie e lieve calo termico, specie in montagna. lunedì 6 dicembre: ancora nubi irregolare sul meridione e sul medio Adriatico con locali rovesci, tempo migliore sul resto d'Italia. martedì 7 dicembre: sereno al nord e al centro, sul meridione ultimi addensamenti in attenuazione, temperature in temporaneo calo ovunque. mercoledì 8 dicembre: sulla Liguria e sul nord-ovest primi annuvolamenti, in attesa di un peggioramento serale, altrove da sereno a velato con il passare delle ore, insorgenza del Libeccio, temperature stazionarie.

Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum