Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Dalla neve alla pioggia in poche ore ma l'inverno avrà ancora molto da dire

Terminata la parentesi fredda di venerdì 18, il week-end esordirà con l'arrivo di copiose precipitazioni su diversi settori d'Italia. Al settentrione la presenza di un cuscino d'aria fredda garantirà la caduta di neve sino a quote prossime al suolo. Entro domenica sera sarà pioggia quasi ovunque. L'inverno ed un nuovo calo delle temperature farà capolino sull'Italia già da martedì 22.

La sfera di cristallo - 17 Gennaio 2013, ore 15.45

Un periodo decisamente perturbato e poco anticiclonico quello che si prevede sullo stivale entro i prossimi 7-10 giorni. Definitivamente accantonata la possibilità di un ritorno in grande stile dell'anticiclone sul Mediterraneo. Il periodo che ci apprestiamo a vivere potrebbe a tutti gli effetti risultare uno dei più inquieti di tutta la stagione invernale. Gli effetti dello Stratwarming nonostante sinora non siano riusciti ad innescare l'arrivo della ondata di gelo che molti si aspettavano, determineranno comunque un Vortice Polare molto disturbato.

Una situazione di questo tipo generalmente tende a favorire la formazione di ciclogenesi alle medie latitudini con un tipo di tempo che su Mediterraneo ed Europa centrale continuerà a presentarsi inquieto e tormentato ancora per diverso tempo. In queste ore una massa d'aria piuttosto fredda alle quote superiori sta investendo il nostro Paese determinando l'arrivo di qualche nevicata sui settori del nord e lungo i versanti del medio ed alto Adriatico.

L'evento più rilevante dei prossimi giorni sarà senza dubbio l'intensa depressione che coinvolgerà il Paese nel week-end. L'arrivo dell'aria fredda sull'Europa favorirà l'intrusione da nord-ovest di una insidiosa ondulazione del getto a 500hpa. Entro sabato questa modesta ondulazione formerà una intensa depressione con perno sulla penisola Iberica, foriera di tempo perturbato su diverse altre regioni italiane.

Il sovrascorrimento dell'aria calda al di sopra del cuscino freddo determinerà sabato la caduta di nevicate su vaste zone di val Padana con precipitazioni maggiori soprattutto sull'Oltrepò e sul cuneese dove gli accumuli a fine evento risulteranno piuttosto rilevanti. Domenica lo Scirocco in ingresso sull'alto Adriatico chiuderà a tenaglia quel che rimarrà del cuscino freddo determinando una trasformazione della neve in pioggia su quasi tutte le pianure ad eccezione forse del cuneese.

L'inverno tuttavia potrebbe ben presto tornare a far sentire la sua voce sull'Italia. Un secondo minimo di bassa pressione attraverserà il continente tra martedì 22 e mercoledì 23 lasciando in eredità un continente europeo sempre più raffreddato. A quel punto saranno da monitorare con attenzione le manovre dell'anticiclone atlantico addossato all'Europa occidentale. Il suo comportamento subordinato all'attività del ramo canadese del Vortice Polare deciderà le sorti dell'inverno 2012-2013 sull'Italia.

Previsione valida da venerdì 18 a giovedì 24 gennaio:

Venerdì 18: profondo minimo di bassa pressione con perno al centro-sud governa il tempo sull'Italia. Attese precipitazioni da Stau con neve sino a bassa quota su Emilia Romagna, Marche, Abruzzo, Umbria e Molise. Precipitazioni anche su bassa Campania e Calabria, nevose oltre gli 800 metri. Piuttosto freddino ovunque ma più avvertibile al centro ed al nord. Venti forti da est nord-est in mattinata lungo le coste liguri ed alto tirreniche con attenuazione veloce in giornata. Dal pomeriggio cessazione dei fenomeni ovunque con temporaneo miglioramento del tempo.

Sabato 19: intenso minimo di bassa pressione sul Mediterraneo occidentale determina rapido aumento della copertura nuvolosa lungo tutte le regioni tirreniche con arrivo delle prime precipitazioni sul nord già dalla mattinata. Neve su Piemonte e Lombardia con fiocchi particolarmente generosi nelle aree di bassa pianura. Pioggia in arrivo lungo tutte le coste tirreniche. Temperature invariate su valori freddi nelle pianure del nord. Aumento moderato sulle regioni centrali, impennata della temperatura associata a Scirocco teso sulle due isole maggiori ed il meridione. Venti tesi meridionali al centro ed al sud, Tramontana sul mar Ligure, calmi su val Padana.

Domenica 20: la depressione avanza abbastanza velocemente verso l'Italia determinando ancora una giornata di tempo fortemente compromesso. Precipitazioni abbondanti al nord con neve che in pianura tenderà ad essere sostituita dalla pioggia. Nubi e precipitazioni più intermittenti anche sul medio e basso Tirreno. Temperature su valori miti al centro ed al sud con Scirocco moderato. Ancora freddino nelle pianure del nord ma con tendenza a lento aumento col passare delle ore. Impennata termica in quota su Alpi ed Appennini. Venti di Scirocco al centro ed al sud, Tramontana su mar Ligure.

Lunedì 21 la circolazione ciclonica isola un minimo di 995hpa sull'Italia centro-settentrionale. Ancora tempo molto instabile su diverse regioni. In mattinata precipitazioni su basso Lazio, Campania, Calabria, nel pomeriggio arrivo di precipitazioni sul Friuli Venezia Giulia. Con l'arrivo della sera la rotazione dei venti dai quadranti nord-orientali provocherà precipitazioni da Stau su Emilia Romagna. Temperature in ulteriore leggero aumento al nord, leggera flessione al centro ed al sud con Scirocco che andrà attenuandosi.

Martedì 22: ampia circolazione di aria fredda tende a scavarsi sul continente europeo entrando nel Mediterraneo attraverso la valle del Rodano. Nuovo minimo di bassa pressione sull'alto Tirreno determina ancora instabilità su parecchie regioni italiane associata a nuova moderata flessione termica. Rovesci sparsi sulle regioni del medio e basso Tirreno, precipitazioni occasionali anche su regioni di nord-est. Relativamente più secco nell'angolo nord-occidentale e sulla Liguria. (previsione da confermare)

Mercoledì 23 - giovedì 24: persiste modesta circolazione di bassa pressione con perno sull'Italia centrale. Precipitazioni concentrate soprattutto su versanti medio ed alto adriatici. Qualche precipitazione anche sul mezzogiorno. Venti tendenti a divenire orientali sulle regioni del nord, variabili al centro, meridionali sulle due isole maggiori. Flessione termica soprattutto sulle regioni centrali e settentrionali. (previsione da confermare)

Approfondimenti su: http://meteolive.leonardo.it/news/In-primo-piano/2/Grosso--Alpi-e-nord-ovest-sotto-la-neve-nel-week-end-netto-rialzo-termico-al-centro-sud-poi-tanta-pioggia-per-tutti-/40158/ di Alessio Grosso.


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 16.03: TG-CT Tangenziale Di Catania

blocco coda

Code, chiusura corsia nel tratto compreso tra 1,7 km dopo Svincolo Passo Martino-Zona Industriale S..…

h 16.03: SS106 Jonica

incendio rallentamento

Traffico rallentato, incendio a 4,921 km prima di Incrocio Bianco (Km. 78,5) in entrambe le direz..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum