Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Da domenica situazione spesso depressionaria sull'Italia

Una parvenza di anticiclone russo potrebbe anche regalare NEVE fino a quote basse al nord nella serata di mercoledì 1° dicembre.

La sfera di cristallo - 24 Novembre 2004, ore 16.32

L'alta pressione non rimarrà ancora molto a lungo padrona del Mediterraneo. La situazione sta infatti gradualmente per subire una svolta: una prima perturbazione raggiungerà l'Italia alla fine di domenica, coadiuvata da un minimo depressionario che porterà precipitazioni soprattutto sul Triveneto, l'Emilia-Romagna e le regioni centro-meridionali. Al suo seguito affluirà aria piuttosto fredda su tutto il centro-nord. L'aria fredda arriva dal nord Europa, dove tenderà a formarsi un anticiclone di carattere termico all'altezza della Scandinavia, supportato da una analoga figura tra la Siberia, gli Urali e le Repubbliche Baltiche. Questa cintura anticiclonica non si limiterà a questo settore del Continente. Osservando meglio la cartina che vi abbiamo preparato, noterete una sorta di continuità con una figura sempre anticiclonica, ma di natura dinamica, presente a latitudini più basse tra il Mar Nero e il Mar Caspio. Questo blocco ad est e a nord, farà rallentare la corrente a getto, costringendola ad effettuare un tornante pur di proseguire la sua corsa verso est; essa allora spingerà finalmente una depressione, la seconda della serie, a scegliere come sede quella del Mediterraneo occidentale. Il nord e poi il resto della Penisola si troveranno così lungo il bordo ascendente della saccatura; la conseguenza sarà una sola: PEGGIORAMENTO. Saremo dunque investiti da venti meridionali, che al nord però si avvertiranno solo a partire dalla superficie isobarica degli 850 hPa, al di sotto vi saranno correnti da E o da ESE (925 hPa fino al suolo). Cosa vuol dire? Che l'aria fredda affluita potrebbe creare le condizioni per alcune nevicate fino a bassa quota nella serata di mercoledì, segnatamente sul Piemonte e nella notte su giovedì anche sull'alta Lombardia e le vallate alpine. E da giovedì? Leggete il fantameteo per scoprire cosa potrebbe succedere... Intanto vi diciamo subito che una previsione del genere va presa con il beneficio d'inventario, altrimenti, se volesse dispensare certezze, questa rubrica non si chiamerebbe "la sfera di cristallo". SINTESI PREVISIONALE sino a mercoledì 1° dicembre: giovedì 25 novembre: nuvolaglia su Sardegna, Sicilia orientale, Lazio, Salento, Calabria jonica, Piemonte, ovest Lombardia ma con basso rischio di precipitazioni, altrove abbastanza soleggiato, piuttosto freddo. venerdì 26 novembre: arriva una debole perturbazione che attiva correnti umide sul Tirreno; esse causeranno deboli piogge su Liguria, Toscana, Lazio, e in serata Campania e Calabria tirrenica, qualche annuvolamento anche sulle Alpi con deboli nevicate sui versanti esteri, altrove velature o solo addensamenti passeggeri. Temperature in nuovo aumento. Sabato 27 novembre: nuvoloso al centro-sud con qualche debole pioggia sparsa, più frequente sulle regioni tirreniche, al nord in prevalenza soleggiato, lungo le Alpi a tratti nuvoloso ma tempo asciutto. Temperature in lieve aumento. Domenica 28 novembre: mattinata almeno in parte soleggiata, dal pomeriggio aumento della nuvolosità su tutte le regioni, in serata deboli piogge sui settori tirrenici, l'Emilia e sporadiche nevicate lungo le Alpi oltre i 1500m. Temperature in lieve calo, venti da WSW. Lunedì 29 dicembre: depressione sull'alto Adriatico con tempo piovoso al nord-est, nevoso sulle Alpi centro-orientali oltre i 1200-1400m, instabile con piogge sparse e rovesci al centro-sud, parzialmente nuvoloso ma asciutto sul nord-ovest salvo nevicate sull'alta Valle d'Aosta, in serata generale miglioramento con inserimento del vento da nord. Martedì 30 dicembre: ultimi annuvolamenti al sud, altrove soleggiato ma piuttosto freddo al centro-nord, specie nelle Alpi. Mercoledì 1° dicembre: notte fredda al nord e nelle valli del centro con estese gelate, mattinata con nubi in aumento al nord e sulle centrali tirreniche, in serata prime precipitazioni con neve fino a bassa quota 400-500m su Appennino ligure e Piemonte, sui 700m sull'Appennino toscano; nella notte estensione dei fenomeni, ulteriore calo del limite delle nevicate su Piemonte e comparsa di neve anche su Comasco e Varesotto. Temperature in calo al centro-nord, in rialzo al meridione per venti di Scirocco o Ostro.

Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum