Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Continua il via vai di perturbazioni, ingresso libero del maltempo sull'Italia

Anche la prossima settimana sarà caratterizzata da frequenti fasi di maltempo alternate da qualche pausa di variabilità. Al sud l'aria si farà mite, al centro insisterà l'autunno, al nord sarà pre-inverno.

La sfera di cristallo - 28 Novembre 2008, ore 15.12

Il tempo si è impuntato. Come un asinello che, apparentemente senza motivo, si ferma e non c'è verso di farlo ripartire. Questo blocco, in termini atmosferici, è da ricondurre ad una persistente onda lunga depressionaria proiettata dal vortice polare verso il Vecchio Continente. A supporto della sede centrale della grande saccatura provvederanno un buon numero di succursali decentrate che scorazzeranno con i loro minimi e le relative perturbazioni tra il vicino Atlantico e il Mediterraneo. L'Italia si troverà lungo il crocevia di queste masse d'aria, proprio laddove queste ultime verranno in contatto con i calienti spiriti nord-africani in risalita fisiologica verso il Mare Nostrum. L'invorticamento multiplo dovuto a questi stridenti constrasti sarà una fonte quasi inesaurubile di nubi e di fenomeni lungo la nostra Penisola per tutta la prossima settimana. Le perturbazioni che si susseguiranno sul nostro terrirorio andrebbero numerate progressivamente come facevano l'indimenticato Maestro Bernacca e il suo illustre collega Generale Baroni ai tempi d'oro della dinamicità atmosferica in sede italica. Per semplicità possiamo citarvi le fasi salienti di quello che ci attenderà nel corso del prossimi giorni: una prima (si fa per dire) perturbazione attesa tra la sera di sabato e la mattina di domenica. Impegnato in particolare nord, Sardegna e versanti tirrenici. A ruota un altro fronte scoderà subito dopo dal vicino Atlantico infilandosi nell'imbuto mediterraneo e sventagliando i suoi fenomeni sull'Italia lunedì. Ancora una volta nord e Tirreniche le favorite. Poi breve pausa con tante nubi e poco sole. Da Mercoledì ecco il turno di sud e Adriatiche: un nuovo minimo depressionario in risalita dal deserto tunisino si allaccerà alle ingerenze atlantiche e impegnerà stavolta queste regioni. In seguito la rotazione antioraria di tutto il sistema andrà a coinvolgere parzialmente anche il settentrione, soprattutto il nord-est. Mentre al sud i termometri sussulteranno su valori piuttosto miti, al centro l'autunno sarà quello classico e al nord addirittura l'inverno potrebbe far valere la sua entrata meteorologica, soprattutto nella prima parte della settimana, con qualche ulteriore nevicata a quote basse ma anche grazie ai successivi rasserenamenti notturni. Qui ci fermiamo invitandovi a divertirvi nel conoscere le manovre sucessive del maltempo e il proseguimento di questa avventura inverno-autunnale sulle righe della nostra rubrica dedicata al lungo termine: il Fantameteo. Riassunto previsionale fino a VENERDI 5 DICEMBRE. SABATO, 29 NOVEMBRE 2008 Si attenuano i fenomeni ma permane molta nuvolosità al nord, qualche schiarita in più ma sempre in un contesto alquanto inaffidabile al centro e al sud, meglio su Puglia e Sicilia con sole più deciso. Dalla sera nuovo peggioramento al nord, Toscana e Sardegna con precipitazioni diffuse, anche forti su Liguria e fascia prealpina e nevose a quote basse al nord-ovest, con qualche fiocco fino in pianura in nottata su Piemonte e ovest Lombardia. Rinforza il Libeccio su tutti i mari dalla sera. DOMENICA, 30 NOVEMBRE 2008 Molto nuvoloso e fenomeni frequenti al centro-nord. Accumuli maggiori al nord-est, qualche temporale tra Toscana e Lazio. Neve sulle Alpi tra 800 e 1200m, in Appennino tra 1200 e 1400m, salvo fiocchi più in basso nelle precipitazioni più intense. Libeccio teso e mari molto mossi. Ampi rasserenamenti e temperature in aumento al sud. LUNEDI, 1 DICEMBRE 2008 Ancora una perturbazione sull'Italia. Tempo perturbato al nord, soprattutto in mattinata, con limite delle nevicate tra 600 e 800m ma in calo fino a circa 300m al nord-ovest. Attenuazione dei fenomeni e qualche schiarita nel pomeriggio a partire da ovest. Ancora compromesso il tempo al centro e sul basso Tirreno, con rovesci e qualche temporale, specie sul versante tirrenico. Neve in Appennino oltre i 1000-1200m ma con qualche episodio a quote più basse sui rilievi della Toscana. Schiarite in Adriatico e al sud, con nubi in aumento su queste ultimo settore in serata. Freddo al nord, e sull'alto Tirreno, mite al sud e lungo il medio-basso Adriatico. MARTEDI, 2 DICEMBRE 2008 Schiarite al nord-ovest, nubi e qualche fenomeno residuo al nord-est. Rovesci al centro, nubi ma pochi fenomeni al sud. Freddino al centro-nord, mite al meridione. MERCOLEDI, 3 DICEMBRE 2008 Perturbato al centro e al sud, con rovesci e temporali, più asciutto sulla Sardegna. Ampie schiarite al nord. Fresco e ventoso al sud e al centro, massime in aumento al settentrione. GIOVEDI, 4 DICEMBRE 2008 Ancora perturbato al sud e su buona parte del centro con precipitazioni frequenti ma con tendenza ad attenuazione dei fenomeni e a sviluppo di schiarite a partire dalla Sicilia. Parzialmente soleggiato e freddo al mattino al nord, più mite al centro-sud. VENERDI, 5 DICEMBRE 2008 Nuovo peggioramento al centro-sud con tendenza a precipitazioni. Nuvolosità irregolare al nord con qualche nevicata sulle Alpi. Freddo al nord, più mite ma ventoso al centro e al sud.

Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum