Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Ci siamo: ecco l'ultima zampata dell'inverno!

Da giovedì aria fredda in sfondamento sul bacino centrale del Mediterraneo e limite delle nevicate in abbassamento sino a quote prossime al litorale sull'alto e medio Adriatico, collinari sulle restanti zone. Sabato miglioramento, ma domenica nuova saccatura in avvicinamento da ovest con peggioramento sulle regioni nord-occidentali e neve sino a bassa quota. Lunedì maltempo su gran parte del centro-nord, ma netto rialzo delle temperature.

La sfera di cristallo - 12 Marzo 2013, ore 15.39

Ne abbiamo seguito la traiettoria su mezza Europa e per diversi giorni. Di chi stiamo parlando? Dell'aria fredda naturalmente, che questa volta ci ha parzialmente graziato. Avremmo infatti potuto sperimentare un colpo di coda invernale di quelli crudi, severi, invece risulterà moderato, anche se inciderà non poco lungo le regioni adriatiche, riportando la neve ad un passo dal mare.

Saranno dunque Emilia-Romagna, Marche, Abruzzo e Molise le regioni più colpite, ma la neve non mancherà di far visita anche a parte dell'Umbria, del Lazio e su tutto l'Appennino meridionale; in più si ipotizza anche una comparsata a carattere temporalesco su parte della Valpadana nella giornata di giovedì.

Il raffreddamento non durerà molto: circa 48-72 ore, ma sufficienti per riportare il gelo anche a bassa quota e soprattutto per preparare il terreno ad una possibile ulteriore nevicata di addolcimento sino a quote molto basse, prevista per domenica 17 su parte del settentrione.

Poi le temperature, sotto la spinta di intense correnti meridionali, tenderanno a salire ovunque, ma il tempo non è destinato affatto a rimettersi: da ovest avanzeranno senza tregua altri fronti perturbati anche nel corso della prossima settimana, non ci sarà alcun disturbo alla loro avanzata.

L'alta pressione infatti è data per dispersa e la circolazione sull'Europa resta depressionaria, finendo per mandare in depressione anche buona parte della popolazione, quella che vorrebbe vivere qualche momento soleggiato, se non altro per trascorrere qualche ora in più all'aperto, non solo per puro piacere, ma anche per metter mano alla campagna, all'orto e per terminare tutti i lavori lasciati in sospeso da quest'autunno.

Fino alla fine del mese sarà dura che le cose possano cambiare, per farlo deve mutare questo assetto barico e non c'è ragione di pensare che questo possa avvenire in tempi brevi. Dunque prepariamoci a coprirci per alcuni giorni, tenendo sempre a portata di mano l'ombrello.

SINTESI PREVISIONALE SINO A MARTEDI 19 MARZO 2013:
mercoledì 13
: depressione in azione sull'Italia, ma con maltempo più importante sulle regioni centro-meridionali, dove più probabili risulteranno piogge e temporali. Temperature in lieve diminuzione.

giovedì 14
: entra l'aria fredda da ovest e da nord-est con temperature in calo, forti venti specie al nord-est, isole ed estremo sud, schiarite al nord-ovest, rovesci anche nevosi sino a quote molto basse o addirittura pianeggianti su est Lombardia, Alpi e Prealpi centro-orientali, pianura veneta, friulana, ma soprattutto Emilia-Romagna, dove insisteranno sino a notte. Maltempo anche al centro-sud con neve in abbassamento sino a quote collinari sul medio Adriatico, temporali e grandinate sul basso Tirreno. Ulteriore calo termico, sensibile al nord-est.

venerdì 15: al mattino neve su Romagna, medio Adriatico sin quasi al litorale, neve sino a 200-300m su zone interne orientale dell'Umbria, Casentino in Toscana, sino a 400m su Reatino e Ciociaria nel Lazio, a quote collinari sul meridione, rasserena invece al nord. Nel pomeriggio tendenza a graduale miglioramento anche sul resto del Paese. Freddo e ventoso.

sabato 16: bel tempo, ma ancora freddo ovunque pur moderato durante il giorno. Gelate notturne. Verso sera nubi in aumento al nord-ovest e prime spruzzate di neve in tarda serata su ovest Alpi.

domenica 17: maltempo al nord-ovest in estensione a tutte le Alpi con neve a quote basse, a tratti anche in pianura localmente su Piemonte ed ovest Lombardia, ma con limite in rialzo entro il primo pomeriggio oltre i 500-600m, poi anche più in alto entro sera, quando i fenomeni avranno ormai raggiunto tutto il nord e la Toscana, sul resto del centro da sereno a parzialmente nuvoloso, con rialzo termico per venti da sud, al sud da sereno a velato, anche qui nettamente più mite.

lunedì 18: maltempo al nord e al centro con limite della neve sui 1200m sulle Alpi, tempo incerto sul meridione ma con rovesci solo in Campania.

martedì 19: temporanea pausa asciutta e soleggiata quasi ovunque, ma nuovo fronte in arrivo da ovest per mercoledì, specie al centro-nord. 

 


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 19.57: A1 Firenze-Roma

controllo-velocita

Controllo velocità nel tratto compreso tra Incisa - Reggello (Km. 319,9) e Firenze Sud (Km. 300,9)..…

h 19.52: A14 Pescara-Bari

tstorm

Temporale nel tratto compreso tra Poggio Imperiale (Km. 507) e San Severo (Km. 528,6) in entrambe..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum