Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Ci risiamo: Po in sofferenza, al nord è piovuto poco! Aria fredda ed instabilità in arrivo in Adriatico e in genere al centro-sud

Fase più fredda tra giovedì e sabato sull'Italia con fenomeni prevalentemente concentrati al centro-sud. Ancora sereno al nord-ovest. Da lunedì forse si cambia musica: temperature in rialzo al centro-sud e un po' di pioggia al settentrione ma è tutto da dimostrare.

La sfera di cristallo - 1 Aprile 2008, ore 16.11

Quando in primavera il vortice polare va "in crisi" in modo più o meno spettacolare, (indice AO nettamente negativo) spesso succede che il tempo giochi un po' a mescolare le carte, a rompere gli schemi, a comportarsi in modo disordinato, senza un apparente filo conduttore coerente, che aiuti i meteorologi a formulare una previsione attendibile. E' un momento quasi di stasi prima della grande tempesta "ormonale" che attraversa la fase centrale della primavera, che va generalmente da metà aprile alla fine di maggio, quando cominciano a prendere corpo dal satellite quei bei macchioni temporaleschi estesi che esaltano la forza dei sistemi perturbati. Questa è invece una fase quasi di stanca in cui per fortuna emerge però qualche punto fermo: prendendo spunto da una fase di NAO tendenzialmente negativa, che vede le alte pressioni sganciarsi un po' verso nord e le basse pressioni puntare verso latitudini più meridionali, ecco allora giungere su di noi una massa d'aria fredda che finirà per dar vita ad una circolazione depressionaria sulle nostre regioni centro-meridionali tra giovedì e sabato. Una massa d'aria ancora più fredda punterà poi da domenica verso il settore centro-occidentale del Continente finendo per dialogare e dunque congiungersi con una depressione posizionata al largo dell'Iberia: potrebbe trattarsi dell'inizio di una fase nuova per l'Italia, molto mite per non dire CALDA e asciutta al sud e su parte del centro, dove si avrà una risposta di correnti di OSTRO o SCIROCCO, nuvolosa e a tratti PIOVOSA per il nord, proprio su quel nord, dove da più parti ci si comincia a preoccupare per la (ormai consueta) mancanza di precipitazioni di un certo rilievo. Infatti il Po sta calando e, nonostante i rilasci programmati dagli invasi di alta quota previsti per l'agricoltura in primavera e lo scioglimento delle nevi, si teme che le cose possano peggiorare ulteriormente. Chi sta peggio è indubbiamente il Piemonte occidentale, ma ci giungono segnalazioni anche dall'Emilia e da alcune zone dell'Alto Adige. La disposizione barica della prossima settimana dunque diventa quanto mai importante; in assenza di un treno di onde perturbate in arrivo dall'Atlantico, tutto deve andare ad incastro e se una depressione non ti finisce sopra la testa, finisce che ti becchi l'alta pressione, così magari si potrà essere felici per il caldo anticipato ma certamente di pioggia non se ne vedrà neanche l'ombra. SINTESI PREVISIONALE SINO A MARTEDI 8 APRILE 2008: Mercoledì 2 aprile: tempo inaffidabile su Triveneto, Romagna e medio Adriatico; proprio su Marche ed Abruzzo risulteranno più probabili rovesci di pioggia durante le ore pomeridiane, qualche precipitazione nevosa ad alta quota sui crinali alpini di confine altoatesini, per il resto abbastanza soleggiato. Temperature in lieve calo in Adriatico. Giovedì 3 aprile: al centro-sud, su Triveneto e Romagna tempo incerto con rovesci sparsi e spunti temporaleschi pomeridiani, specie su medio e basso Adriatico, maggiori schiarite sulla Toscana, bel tempo al nord-ovest con vento da nord. Poco nuvoloso sull'Emilia, salvo isolati focolai temporaleschi pomeridiani. Temperature in calo in montagna. Venerdì 4 aprile: giornata molto instabile al centro-sud, sulle isole e sulla Romagna con precipitazioni sparse, anche temporalesche, nevose in Appennino oltre i 1000-1200m. Su tutte le altre regioni da poco nuvoloso a irregolarmente nuvoloso con qualche sporadico rovescio sul Triveneto, specie lungo i settori alpini confinali. Asciutto al nord-ovest. Da segnalare fenomeni localmente intensi sulla Puglia. Temperature in ulteriore diminuzione, coinvolte questa volta anche le pianure. Sabato 5 aprile: bel tempo al nord, regioni centrali tirreniche e Sardegna, ancora incertezze su medio Adriatico e meridione con rovesci sparsi, anche temporaleschi, nevosi oltre i 1000m. Clima fresco. Tendenza a miglioramento. Domenica 6 aprile: bel tempo ovunque, tendenza ad aumento della nuvolosità al nord con qualche sporadico rovescio pomeridiano sui settori alpini e prealpini. Temperature in aumento, specie nei valori massimi. Lunedì 7 aprile: al nord irregolarmente nuvoloso con qualche precipitazione sul Triveneto, il settore alpino e la Liguria, nuvole e qualche pioggia anche sulla Toscana, sul resto del centro passaggi nuvolosi ma tempo asciutto. Al sud e sulla Sicilia bel tempo e temperature in aumento. Martedì 8 aprile: probabile giornata piovosa al nord, richiamo di correnti sciroccali al centro-sud e temperature oltre la media del periodo. (Da verificare).

Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum