Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Arriva la NEVE in Appennino, più freddo ovunque entro venerdì

Dopo un mercoledì di tregua, nuova ondata di maltempo sull'Italia, con una insidiosa depressione che potrebbe portare entro venerdì la neve in pianura in Emilia, a quote molto basse sul nord-est e sulle zone interne dell'Appennino centrale. Le temperature sono destinate a calare su tutto il Paese. Sabato ancora maltempo al sud e sul medio Adriatico con ulteriori nevicate in Appennino, schiarite altrove, domenica migliora ovunque. Lunedì correnti da ovest e variabilità, poi...

La sfera di cristallo - 21 Gennaio 2014, ore 15.00

Un episodio invernale lo vivremo. La notizia è ormai certa e pure con anticipo, tra giovedì 23 e le prime ore di sabato 25, con l'arrivo di nevicate anche a quote basse lungo la dorsale appenninica e forse sull'Emilia sino in pianura, almeno a tratti.

Sarà l'approfondimento di una depressione sull'Italia centrale a creare i presupposti per il richiamo di aria fredda sul nostro Paese e a ridimensionare ovunque le temperature, specie al nord e al centro.

Intanto sullo scacchiere europeo rimarranno protagoniste due grandi figure: l'anticiclone russo-scandinavo, un po' acciaccato ma presente, e da ovest l'intenso fiume di correnti perturbate atlantiche, che trovandosi di fronte la massa d'aria fredda presente sull'est europeo, devierà verso di noi, favorendo un ulteriore peggioramento del tempo entro la giornata di martedì 28, dai connotati invernali ma dai dettagli tutti da definire quanto alla distribuzione areale delle precipitazioni.

Per la verità la depressione attesa sulle Isole britanniche per lunedì 27 sarà una vera tempesta con valori pressori particolarmente bassi, ma appena il vortice approderà sulle coste francesi, tenderà notevolmente a ridimensionarsi, Ne scaturiranno però temporaneamente correnti da ovest sul nostro Paese che introdurranno aria un po' più mite e umida con annuvolamenti su Alpi e regioni tirreniche. 

Martedì 28 ecco il tuffo della depressione nel cuore del Mediterraneo, a dar vita ad una complessa fase di maltempo sino a giovedì 30 gennaio, forse anche oltre tale periodo. La neve potrebbe cadere a quote basse soprattutto sull'Appennino centrale e poi sul nord-est, mentre un richiamo umido e mite di Scirocco potrebbe innalzare le temperature al sud. Al momento il modello esclude un coinvolgimento del nord-ovest, l'unica zona dove le temperature potrebbero davvero risultare favorevoli a nevicate sino in pianura. C'è comunque ancora una settimana di tempo e le modifiche sono dietro l'angolo.

Qui di fianco vi postiamo le mappe "spaghetti" relative al modello GEFS divise per settori e che segnalano il calo delle temperature un po' ovunque e la possibilità di precipitazioni nel periodo indicato.

SINTESI PREVISIONALE SINO A MARTEDI 28 GENNAIO 2013:
mercoledì 22 gennaio: giornata di tregua, ma ancora residui rovesci nella prima parte della giornata sul basso Tirreno. Temperature senza grandi variazioni e ancora relativamente mite per il periodo.

giovedì 23 gennaio: nel corso della mattinata peggiora su Liguria, Toscana, Umbria, alto Lazio, poi bassa Lombardia orientale, Emilia-Romagna e Triveneto entro sera con quota neve sui 600-700m al nord e sui 700-900m al centro, sulle restanti zone nuvolosità irregolare in aumento ma tempo asciutto, temperature in calo al nord e sulle zone interne del centro.

venerdì 24 gennaio: approfondimento della depressione sull'Italia centrale con coinvolgimento un po' di tutto il Paese, ma soprattutto del nord-est, Emilia-Romagna e regioni tirreniche con neve a quote molto basse sul Triveneto e l'Emilia, qui localmente anche in pianura. Qualche fenomeno anche sulla Lombardia, asciutto su Piemonte e Valle d'Aosta. Neve sull'Appennino centrale oltre i 400-500m, su quello meridionale oltre gli 800-1000m in media.Temporali e grandinate su Campania, Sicilia e Calabria tirrenica entro sera. Nella notte su sabato migliora più nettamente al nord-ovest, ancora maltempo altrove in trasferimento dal Tirreno verso l'Adriatico.

sabato 25 gennaio: maltempo su medio Adriatico e meridione al mattino con ulteriori nevicate sin verso i 500-600m al centro, a 600-700m al sud, altrove schiarite, freddo moderato ovunque, ventoso.

domenica 26 gennaio: schiarite ovunque dopo gli ultimi rovesci all'estremo sud, gelate notturne, specie nelle zone interne del centro e al nord. Temperature massime in rialzo.

lunedì 27 gennaio: nubi in transito al nord e al centro, locali piogge sulla Toscana e sula Liguria di Levante, modeste spruzzate di neve sui crinali alpini di confine, temperature in aumento nei valori minimi, massime in lieve calo.

martedì 28 gennaio: generale peggioramento del tempo ma con dettagli ancora da definire.


 


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum