Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Aria più fredda sull'Italia? Forse a partire da sabato...

Ancora due giorni all'insegna delle correnti sciroccali, con temperature superiori alle medie del periodo e possibili piogge sul nord-ovest, Sardegna ed estremo sud. Venerdì arriva un fronte freddo sul nord che farà insorgere sabato correnti da nord est decisamente più fredde. Domenica tali correnti si estenderanno a tutta la Penisola. Lunedì e martedì generalmente soleggiato e piuttosto freddo ovunque.

La sfera di cristallo - 2 Novembre 2004, ore 16.36

Pioggia al nord e su parte del centro, in qualche caso anche abbondante. I laghi del nord sull'orlo della tracimazione in vari punti. Temperature di molto superiori alle medie del periodo, soprattutto al sud, dove l'estate sembra non finire mai! E' lo Scirocco, un vento che prende le mosse dall'entroterra africano e con un grande "abbraccio" interessa tutte le nostre regioni. All'inizio del suo viaggio, lo Scirocco è un vento caldo e secco, privo di nuvolosità significativa. Attraversando l'ampio specchio di mare che ci divide dal Continente Africano tende ad umidificarsi notevolmente e arriva in prossimità dei rilievi del centro-nord quasi "bagnato". Da qui partono tutti i processi di sollevamento, espansione e condensazione della massa d'aria, che al suolo si manifestano con piogge battenti e continue. Una situazione del genere in autunno non è inusuale, anche se indubbiamente le temperature adesso sono davvero troppo elevate. Per i prossimi giorni? Usciremo da questo caldo umido e avremo finalmente temperature più consone alla stagione in corso? A giudicare dai modelli a nostra disposizione, aria "nuova" potrebbe entrare sull'Italia a partire dalla giornata di sabato, accompagnata dal transito di un fronte freddo che attraverserà la Penisola da nord a sud. La rimonta dell'alta pressione delle Azzorre sull'ovest del Continente veicolerà un impulso freddo che tra venerdì e sabato si "infilerà" nella Valle del Rodano, creando anche una depressione all'altezza della Corsica. La contemporanea espansione di un cuneo di alta pressione sull'Europa centrale creerà uno squilibrio barico non indifferente tra il Mediterraneo occidentale e i settori transalpini. Tutto ciò sarà la "miccia" che innescherà forti correnti di Bora, che a partire dalla tarda mattinata di sabato cominceranno ad interessare il settore di nord est, con un repentino calo delle temperature. Domenica, tutta l'Italia dovrebbe essere interessata da queste correnti più fredde, che si presenteranno anche impetuose lungo il versante adriatico. Ovviamente il transito del fronte freddo sarà accompagnato anche da episodi di moderato maltempo, che dalle regioni settentrionali si sposteranno piuttosto rapidamente verso il centro e il sud. A seguire, l'alta pressione sull'ovest del Continente sembra sia intenzionata a "spanciarsi" verso le nostre regioni. L'inizio della prossima settimana potrebbe quindi essere caratterizzato da tempo più stabile, ma piuttosto freddo specie di notte. SINTESI PREVISIONALE Mercoledì 3 novembre: ancora piogge possibili sul nord-ovest, Sardegna, Sicilia, Calabria ionica e Puglia meridionale. Altrove annuvolamenti di tipo medio-alto, senza conseguenze. Temperature pressochè stazionarie, su valori ancora elevati. Giovedì 4 novembre: non cambia molto la situazione: ancora possibili piogge al nord ( specie sul nord-ovest) Sardegna e regioni estreme meridionali. Lieve calo termico ovunque, a seguito dell'indebolimento delle correnti di Scirocco. Venerdì 5 novembre: tempo in peggioramento su tutto il nord, con piogge in estensione da ovest verso est. Nubi in aumento anche al centro, con qualche pioggia in serata sulla Toscana. Migliora invece in Sardegna. Al sud residue piogge su Sicilia e Calabria ionica, ma in attenuazione. Altrove cielo parzialmente nuvoloso senza fenomeni. Ulteriore lieve calo termico ovunque. Sabato 6 novembre: al nord cielo molto nuvoloso, con possibili rovesci specie sul Triveneto ed Emilia Romagna. Schiarite possibili su alto Piemonte e Val d'Aosta. Insorgenza di correnti di Bora sull'alto Adriatico a partire dalle ore centrali del giorno. Temperature in calo. Al centro nubi in aumento con qualche pioggia su Toscana, Umbria e Marche. Al sud qualche pioggia sulla Campania, per il resto nubi irregolari, ma asciutto. Domenica 7 novembre: tempo instabile al centro-sud e in una prima fase sul nord-ovest, con piogge e possibili rovesci. Migliora al nord-est e alto Adriatico. Temperature in flessione ovunque. Venti forti dai quadranti settentrionali ovunque. Lunedì 8 e martedì 9 novembre: bel tempo ovunque, salvo residui addensamenti al sud lunedì. Temperature in calo, specie nei valori minimi.

Autore : Paolo Bonino

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum