Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Ancora incertezze nel weekend ma luglio esordirà con l'anticiclone delle Azzorre

Nel fine settimana andranno esaurendosi gli effetti della circolazione fresca ed instabile nord-occidentale responsabile del Maestrale di questi giorni al centro-sud e dei temporali sulle regioni del nord. L'ala orientale dell'anticiclone azzorriano porterà i suoi effetti sino alle nostre regioni, determinando un miglioramento del tempo associato ad una ripresa delle temperature a partire da lunedì primo luglio.

La sfera di cristallo - 27 Giugno 2013, ore 15.20

Gli ultimi giorni di giugno si concederanno sotto l'influenza di un flusso piuttosto teso di correnti nord-occidentali di sponda all'anticiclone delle Azzorre. Lo schema barico che caratterizza il tempo di queste giornate è infatti caratterizzato dalla presenza dell'anticiclone azzorriano in posizione defilata, a cavallo tra oceano Atlantico ed Europa occidentale. L'anticiclone riesce ad estendere la propria influenza sino alla penisola Iberica ed alla Francia occidentale, lasciando nel mirino dell'instabilità tutti i settori posti più ad est di questo confine immaginario.

Dal bordo dell'anticiclone infatti, scivolano degli impulsi di aria progressivamente più fresca ed instabile che raggiungeranno un picco massimo di intensità tra la giornata di domani, venerdì 28 giugno, e sabato 29. Venti tesi e freschi di Maestrale saranno protagonisti del fine settimana sulle regioni meridionali e le due isole maggiori, dal canto loro i settori settentrionali dello stivale subiranno le conseguenze dell'instabilità, il colpo di tuono od il rovescio pomeridiano di pioggia saranno sempre dietro l'angolo.

Il tempo andrà migliorando solo a partire da domenica 30 giugno, l'anticiclone delle Azzorre dopo aver sostato qualche giorno sul versante occidentale del vecchio continente, inizierà infatti ad allungare un "braccino" in direzione di Europa e Mediterraneo centrali. Questo "braccino" anticiclonico col passare dei giorni diverrà via via più forzuto, a tal punto che superata la metà della prossima settimana (mercoledì 3 - giovedì 4 luglio) potrebbe essere sostenuto da un contributo africano alle quote superiori, pronto ad investire l'Italia partendo dai settori più occidentali della penisola.

Il contributo d'aria calda africana, come per stringere un patto d'alleanza col collega azzorriano, determinerebbe l'avvio di una fase moderatamente calda che partendo dall'Europa occidentale avrebbe buone possibilità di portare effetti anche sul nostro Paese, partendo proprio da giovedì 4 luglio. Questa tendenza tuttavia risulta ancora da confermare.

Seguite gli aggiornamenti.

Sintesi previsionale da venerdì 28 giugno a venerdì 5 luglio:

Venerdì 28: nuova sventagliata di temporali in marcia dal Triveneto verso la bassa Emilia Romagna, l'Umbria e le Marche. Instabilità sparsa anche lungo l'Appennino. Tempo migliore sulle due isole maggiori, le coste tirreniche ed il nord-ovest italiano. Venti tesi nord-occidentali, temperature in flessione soprattutto al centro ed al nord. Atmosfera fresca ovunque.

Sabato 29: ancora temporali ed instabilità questa volta concentrati maggiormente sulle regioni del centro-sud. Particolarmente colpite Molise, Abruzzo e Puglia. Venti molto tesi di Maestrale su Sardegna, Sicilia e coste meridionali tirreniche. Temperature stazionarie su valori freschi ovunque.

Domenica 30: l'anticiclone delle Azzorre inizia ad estendere la propria influenza sullo Stivale partendo dai settori occidentali. Temporali pomeridiani ed appenninici continueranno ad insistere soprattutto sul Mezzogiorno italiano, il tempo migliore lo riscontreremo lungo i settori del medio ed alto Tirreno, sulla Sardegna e sull'angolo nord-occidentale. Venti ancora tesi di Maestrale su centro e sud Italia, temperature in contenuto aumento.

Lunedì primo luglio - martedì 2: anticiclone delle Azzorre in azione sulla nostra penisola. Tempo soleggiato e gradevole su tutte le regioni con venti ancora moderati e tempo abbastanza secco. Qualche spunto temporalesco pomeridiano solo su Alpi ed Appennini. Caldo moderato durante le ore pomeridiane, fresco alla sera ed al primo mattino.

Mercoledì 3: inizia a prendere vigore un contributo d'aria calda africana che estende la sua influenza dall'Europa occidentale sin verso il nostro Paese. Il tempo risulterà soleggiato e progressivamente più caldo a partire dalla Sardegna e dalle regioni settentrionali italiane. Ultimi refoli freschi da nord lungo l'Adriatico ed all'estremo sud.

Giovedì 4: moderata ondata di calore investe l'Italia. Tempo terso e soleggiato su tutte le regioni, caldo accentuato soprattutto durante le ore pomeridiane, con sensazione di disagio nelle grandi città e sulle valli interne e lontane dal mare. Temperature in aumento ovunque, venti deboli a regime di brezza. (da confermare)

Venerdì 5: ancora una giornata soleggiata e piuttosto calda su tutto lo stivale. Qualche spunto temporalesco solo su Appennino meridionale, altrove il sole sarà padrone indiscusso della giornata. Temperature in ulteriore leggero aumento, venti deboli a regime di brezza. (da confermare)


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum