Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Alta pressione davvero invadente; l'instabilità si riduce ad una manciata di giorni

Fino alla giornata di sabato l'Italia vedrà un po' di instabilità, maggiormente concentrata nelle zone interne ed al centro-sud. Successiva forte rimonta dell'alta pressione, dalle caratteristiche assai poco primaverili.

La sfera di cristallo - 13 Aprile 2011, ore 14.33

La situazione barica sul settore occidentale dell'Europa e sul vicino Atlantico è più complicata di quanto si possa credere.

Tramite una cartina, abbiamo cercato di rendere le cose meno ostiche, analizzando quali possano essere i motivi che determinano l'invadenza anticiclonica che negli ultimi tempi prende di mira i settori occidentali dell'Europa e l'Italia.

La prima cosa che balza subito all'occhio è il getto alle alte latitudini, che si presenta letteralmente "sparato". Già questa potrebbe essere condizione sufficiente per la creazione di alte pressioni alle latitudini medio-basse. C'è però dell'altro!

In primo piano, sulla sinistra, spicca una goccia fredda, che risulta ubicata sulle Canarie. Questa è la vera anomalia, che si ripercuote poi sulla circolazione generale dell'atmosfera.

La struttura perturbata, andando ad invadere i territori di competenza dell'alta pressione delle Azzorre, ne determina di fatto una sua estroflessione verso nord (come ben si nota dalla figura) . Da ciò deriva il blocco completo della circolazione atlantica ed un autentico "muro altopressorio" a chiudere qualunque velleità frontale da ovest.

Ma non finisce qui! La goccia fredda delle Canarie si comporta un po' come un volano. Le correnti da sud che scorrono sul suo bordo orientale prelevano aria direttamente dal tropico. Essa fortifica ulteriormente le alte pressioni sul Mediterraeo, in quando l'aria tropicale stessa viene immessa nella struttura stabilizzante, rendendola praticamente inossibabile.

Come fare per poter cambiare le cose? Servirebbe un affondo perturbato deciso sull'Europa centro-occidentale, in modo che la natura abbandoni questo equilibrio ormai raggiunto. Teniamo presente che piu passerà il tempo, piu il calore in sede africana tenderà ad aumentare...e questa non è propriamente una bella cosa.

Se volete sapere la tendenza a lungo termine, vi invitiamo a leggere il "Fantameteo" qui di seguito riportato.

Per il momento, ecco le previsioni per i prossimi sette giorni in Italia.

Giovedì 14 aprile: ampie schiarite al sud e su parte del centro. Nubi al nord e sulla Toscana. Qualche fenomeno di instabilità al nord-ovest e sull'alta Toscana nel pomeriggio. Un po' fresco.

Venerdì 15 e sabato 16 aprile: instabilità concentrata nel pomeriggio, nelle zone interne del centro, del sud e sulle Alpi. Più soleggiato lungo le coste. Un po' fresco sotto precipitazioni.

Domenica 17 aprile: un po' instabile nelle zone interne del sud nel pomeriggio con qualche temporale. Più sole altrove, salvo nubi sui rilievi. Temperature in aumento al nord, stazionarie altrove.

Lunedì 18, martedì 19 e mercoledì 20 aprile: bel tempo e temperature nuovamente in aumento sull'Italia. Qualche isolato fenomeno di instabilità sulle Alpi e sugli Appennini nel pomeriggio.

 


Autore : Paolo Bonino

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum