Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Africa: una spada ti trafiggerà il cuore ma...

Arriva l'ora dell'alta pressione con il suo carico di sole e di caldo. Verso la fine della settimana però uno schiaffo più fresco rasenterà le nostre regioni settentrionali facendo sapere che le vie dell'estate non sono finite.

La sfera di cristallo - 13 Luglio 2009, ore 15.37

Ancora non è ufficialmente partita la salita verticale delle temperature che molte persone, intimorite dai titoli a carattere cubitale che fioriscono come funghi un po' su tutti i mezzi di informazione, già si chiedono cosa accadrà dopo. E noi, che siamo qui per farvi sapere in anteprima tutti i retroscena, iniziamo subito col fare il punto seguendo insieme a voi questa avvincente telenovela della natura. Come prontamente preannunciato dai nostri modelli, l'alta pressione nord-africana si farà garante del tempo italiano per buona parte della settimana, per la precisione fino a giovedì 16, giornata meteorologicamente migliore di tutto il periodo. I calcioni caldi che l'Africa tirerà al Mediterraneo saranno in particolare due, il primo atteso nelle prossime ore sulla Sardegna e sul medio versante tirrenico, il secondo centrato per giovedì su tutta l'Italia, con particolare predilezione per le Isole, la Puglia e l'intero versante tirrenico. I problemi, così li vogliamo chiamare immedesimandoci in coloro che non avranno la possibilità e la fortuna di godersi un concomitante periodo di vacanza ma che saranno costretti nelle roventi città, saranno legati a tre fattori essenziali: le temperature elevate, in particolare nelle zone interne delle Isole Maggiori e del centro-sud, l'afa, nota dominante della pianura Padana e di altre distese pianeggianti sparse per l'Italia, e lo zero termico in risalita a quote stellari sui ghiacciai alpini. Fatto il punto su questi particolari già sufficientemente esaurienti, andiamo oltre, soddisfando anche il desiderio di coloro che hanno programmi a lunga gittata. Diciamo subito che il caldo, per intenso che sia dato anche il periodo stagionale, non sarà eterno, anzi già alla fine della settimana dovrà vedersela con le prime insidie in arrivo da ovest. Un importante schiaffo all'anticiclone arriverà difatti da una feritoia aperta dal nord-atlantico verso l'Europa centrale. Da qui filtrerà verso le Alpi aria più fresca e instabile di origine atlantica la quale, venendo a stretto contatto con la bomba africana, porrà in essere stridenti contrasti. Sarà venerdì 17 (guarda caso) la giornata chiave. Figlio di questi contrasti, un corpo nuvoloso dalle fattezze temporalesche che si addosserà in giornata all'arco alpino con tutta l'intenzione di sfondare su parte del settentrione onde mandare in tilt il grande caldo a suon di temporali. Si tratterà di un passaggio guidato dalle pennellate della corrente a getto, quindi piuttosto veloce ma per questo non meno incisivo. Il centro e il sud ancora troppo lontani per risentirne. Eccoci dunque al weekend con l'Italia che si ritroverà tagliata in più parti: il nord sottoposto all'azione temporaneamente più fresca opposta dalle tese correnti atlantiche, il centro che riuscirà in parte a risentire del cambiamento d'aria con un generale rinforzo del vento e il sud che rimarrà ancora per buona parte sotto il giogo africano. Gli indici oceanici ci confermano la possibilità di perseguire anche a lungo termine un siffatto schema, tuttavia dalla sua tenda beduina, il nostro super anticiclone giura che non finirà qui. E noi siamo pronti a credergli. Riassunto previsionale fino a LUNEDI 20 LUGLIO MARTEDI, 14 LUGLIO 2009 Addensamenti in sviluppo sulle Alpi con qualche occasionale acquazzone pomeridiano sulla pedemontana torinese e biellese. Per il resto condizioni di tempo soleggiato e caldo, con afa in accentuazione sulle pianure interne. Valori fino a 34-36°C sulle zone interne della Sardegna. MERCOLEDI, 15 LUGLIO 2009 Qualche banco nuvoloso innocuo in transito al nord e al centro in un contesto comunque spesso soleggiato. Cumuli pomeridiani sulle Alpi con qualche acquazzone possibile nel pomeriggio-sera su Trentino e Alto Adige. Al sud e sulle Isole Maggiori tempo soleggiato e ulteriormente caldo, salvo isolati banchi nuvolosi in transito a quote medio-alte sulla Sardegna. Punte di 36-37°C sull'Isola di 34-35°C sulle pianure interne del versante tirrenico. GIOVEDI, 16 LUGLIO 2009 Bella giornata di sole ovunque. Modesta anche l'attività cumuliforme pomeridiana sulle Alpi. Molto caldo, con punte di 38-39°C sulle zone interne della Sardegna, 36-38°C su quelle della Puglia e 36-37°C sul versante tirrenico. Afa in val Padana, zero termico in risalita a 4200 metri sulle Alpi. Tendenza per i giorni successivi: VENERDI, 17 LUGLIO 2009 Tra il pomeriggio e la sera rapido passaggio temporalesco al nord, con moderato calo delle temperature. Altrove ancora bello e caldo. SABATO, 18 LUGLIO 2009 Migliora al settentrione con clima più gradevole per venti nord-occidentali. Ancora bello sul resto d'Italia ma con qualche spunto temporalesco pomeridiano sull'Appennino centrale. Meno caldo al centro. DOMENICA 19 e LUNEDI 20 LUGLIO 2009 Generali condizioni di bel tempo con solo qualche annuvolamento pomeridiano lungo le Alpi. Scarsi o assenti i fenomeni. Caldo, soprattutto al centro e al sud.

Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum