Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

A metà mese si cambia musica: prima qualche precipitazione, forse nell'ultima decade anche un vero colpo di coda invernale

Possibile arrivo e approfondimento di una depressione tra il 15 ed il 18 con piogge e nevicate alle quote medie su Alpi ed Appennini, dal 20 potrebbe affluire anche aria fredda da est, ma qui si entra in un campo minato.

La sfera di cristallo - 8 Febbraio 2011, ore 15.04


Ecco il primo passo verso il cambiamento: una depressione in arrivo dal Golfo di Biscaglia verso l'Italia per la metà della prossima settimana.

L'orchestra dorme, ma presto si sveglierà con un brano allegro ma non troppo e se gli strumenti risponderanno a dovere potrà osare un "andante con brio".

Insomma il vortice polare rallenterà, con calma ma lo farà, poco prima della metà del mese. Ne deriverà una situazione certamente più dinamica per l'Italia con qualche occasione perturbata e con il ritorno della neve a quote medie (localmente anche basse) sulle Alpi e sugli Appennini.

I primi segni di cedimento l'anticiclone li mostrerà già dal fine settimana, quando sul nord potrebbe transitare la classica perturbazione "apripista", quella che in sostanza sonda il terreno e si sacrifica per la causa.

Da notare che sulla Scandinavia si andrà formando un anticiclone in gran parte di natura termica, che farà da diga all'impatto delle correnti atlantiche, che saranno così costrette almeno in parte a piegare verso il Mediterraneo. E' altresì importante però evidenziare che ad est dell'anticiclone si apposterà il malloppo gelido più importante dell'inverno, pronto a farsi avanti appena se ne presentasse l'occasione.

E quale sarebbe questa occasione? Una depressione naturalmente, che risucchierebbe parte di quel freddo indirizzandolo verso il Mediterraneo centrale. Ci sono però molti tasselli del puzzle che dovranno trovare posto affinchè questo estremo progetto invernale vada in porto.

La depressione non dovrà rimanere "nella penna", come diceva la mia insegnante quando un pensiero decisamente importante da inserire nel tema rimaneva inespresso. La condicio sine qua non è un'esca, togli l'esca e il freddo se ne rimane ancorato all'est europeo.

Che l'inverno sia ormai al capolinea è noto, come del resto avevamo fatto notare da tempo, ma noi di MeteoLive abbiamo un debole per le cause perse, quando sembrano veramente perse, e poi il colpo di coda invernale è un classico e oggi gli indici teleconnettivi ci vengono in aiuto, proponendo un deciso ridimensionamento dell'indice AO, legato all'attività del vortice polare e una lieve tendenza al negativo della NAO, quando basta per ridare fiato alle trombe e per ipotizzare di scacciar via un po' di smog. Forza, allora, musica maestro, e che sia davvero andante con brio!

SINTESI PREVISIONALE sino a MARTEDI 15 FEBBRAIO 2011:
Da mercoledì 9 a venerdì 11 febbraio; persistenza dell'anticiclone pur indebolito. Nebbie o strati bassi estesi sul Tirreno e sull'alto Adriatico, qualche banco anche sulle pianure. Temperature in lieve flessione, specie in quota. Dalla sera di venerdì nubi in aumento al nord, specie su Liguria, Valpadana, velature sulle Alpi.

sabato 12 febbraio: nuvoloso al nord e sulla Toscana con qualche sporadica precipitazione non esclusa, nevosa oltre i 1200m, tra il variabile e l'incerto al centro con isolati rovesci, da poco nuvoloso a parzialmente nuvoloso al sud. Temperature in calo nei valori massimi, specie al nord.

domenica 13 febbraio: tempo un po' instabile su nord e centro Italia, con qualche breve precipitazione, anche a carattere di rovescio, nevosa sulle Alpi oltre i 1200m e sull'Appennino centro-settentrionale oltre i 1500m. Al sud variabile ma con schiarite e tempo generalmente asciutto. Temperature stazionarie.

lunedì 14 e martedì 15 febbraio: generale variabilità ma senza fenomeni di rilievo, dalla serata di martedì peggioramento possibile al nord-ovest e sulle regioni tirreniche con precipitazioni. Da confermare.


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum