Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

La pazza ipotesi del modello americano

Diamo uno sguardo alle ipotesi più estreme uscite quest'oggi dal modello americano GFS sul lungo termine. Retrogressioni di grosse depressioni fredde da nord? Vediamo nel dettaglio.

Ipotesi estreme... - 5 Ottobre 2012, ore 17.30

Uno scacco matto all'alta pressione grazie all'intervento di aria molto fredda dalle latitudini settentrionali sin nel cuore del Mediterraneo? Pare essere così riassunta quest'oggi la tendenza paventata da alcune emissioni modellistiche sul lungo termine. In conseguenza di una famigerata zonalità atlantica che per questo mese di ottobre pare voglia essere messa a tacere, prendono sopravvento incursioni di aria fredda da nord, oppure addirittura da est. 


Se questa ipotesi fosse realistica l'arrivo del primo freddo prematuramente invernale su Europa centro-occidentale e Scandinavia sarebbe inevitabile. Spostando il nostro sguardo all'Europa occidentale ed il vicino oceano Atlantico, un vistoso anticiclone detterebbe legge influenzando l'interca circolazione atmosferica in sede europea e mediterranea.

Così dopo un periodo di apparente stasi, ecco partire un potente scambio meridiano che il prestigioso modello americano ipotizza investire l'Italia attorno mercoledì 17 ottobre. La complessa manovra che porterebbe sul nostro Paese un'evoluzione di questo tipo è ben nota secondo schemi atmosferici che si sono ripetuti più volte nell'ultimo decennio. 

L'anticiclone delle Azzorre già sbilanciato verso nord, viene sopraffatto lungo il suo fianco orientale dall'arrivo di un impulso freddo che dalla Groenlandia si muove velocemente verso sud. Già domenica 14 ottobre ritroviamo una marcata ondulazione fare capolino tra Scozia ed Islanda, propagandosi poi velocemente verso sud. 

L'imponente scambio meridiano organizzerebbe una depressione che avvolgerebbe l'Italia già martedì 16 portando instabilità ed un forte calo della temperatura dapprima in quota, poi anche al suolo. 

L'episodio freddo e perturbato si concluderebbe con tutta probabilità venerdì 19 ottobre quando l'intervento dell'anticiclone delle Azzorre questa volta a distendersi lungo i paralleli, darebbe una "spallata" verso est di tutta la figura di bassa pressione.


Questa manovra respingerebbe l'instabilità ed il clima freddo / fresco verso est con un nuovo rinforzo del vortice polare sulla mitteleurope. 
 


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum