Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

E se arrivasse il super anticiclone?

Nell'infinita varietà di possibili scenari atmosferici "long range", contemplati dai run alternativi del modello GFS, quest'oggi abbiamo deciso di commentare un'ipotesi molto particolare, che sicuramente farebbe tremare gli amanti del crudo inverno, del gelo e della neve.

Ipotesi estreme... - 18 Ottobre 2013, ore 14.00

Super anticiclone entro gli inizi di novembre? Resta un'ipotesi poco probabile ma allo stato attuale pare proprio che nell'ambito di tutte quelle previsioni caratterizzate da una realizzabilità percentualmente bassa, questa ipotesi risulti probabile almeno tanto quanto l'imminenza di una fase fredda dalle caratteristiche prematuramente invernali. 

La carta di previsione si riferisce al primo fine settimana di novembre (domenica 3) momento in cui l'Europa occidentale sarebbe sotto la protezione di una cellula anticiclonica molto potente e ben strutturata sia al suolo, laddove andrebbe a collocarsi un vistoso massimo di 1040hpa, sia in quota, caratterizzato da geopotenziali assai elevati. 

Quali conseguenze per il nostro Paese?

Nonostante la presenza del super anticiclone, il tempo atmosferico sull'Italia risulterebbe piuttosto instabile e neanche troppo caldo. In questo frangente, gli addensamenti più consistenti sarebbero prerogativa dei settori basso mediterranei. (Sardegna e Sicilia comprese) Sulle regioni centrali e soprattutto settentrionali, la presenza dei massimi anticiclonici arroccati a nord delle Alpi, favorirebbero l'imposizione di una netta ventilazione orientale, piuttosto fresca ma tendente a divenire favonica sull'estremo angolo nord-occidentale italiano, laddove le temperature aumenterebbero anche per via degli aumentati valori geopotenziale. 

Una circolazione di questo tipo presupporrebbe comunque l'imposizione di un vero e proprio blocking, un contesto che porterebbe ad una fisiologica rottura del getto zonale atlantico a scapito di una netta ripresa di violenti ed intensi scambi termici lungo secondo logiche meridiane. Una situazione che in prospettiva (qualora si realizzasse) potrebbe portare ad interessanti risvolti della stagione invernale.

 


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum