Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Viaggi e salute: "non bevete l'acqua dalle caraffe e attenzione ai cubetti di ghiaccio"

Nel consueto appuntamento settimanale con la Dottoressa Vittoria Zani parliamo oggi dei rischi di un viaggio fuori stagione.

In primo piano - 11 Febbraio 2009, ore 10.00

Redazione: Quali effetti provocano al nostro fisico i viaggi fuori stagione nelle zone più fredde? Dott.Zani: Buona giornata alla redazione e ai lettori di MeteoLive. In effetti c'è grande attenzione per questo argomento, in particolare tra i medici di base. L'esposizione ad un clima più freddo è correlato ad un aumentato rischio di patologie bronco respiratorie. In pratica si tratta spesso di bronchiti acute, nei casi più seri di bronco polmoniti. Il suggerimento è di portare in valigia un antipiretico, in pratica dell'acido acetil salicilico (es. aspirina) o del paracetamolo (es. tachipirina) a seconda del farmaco che siamo abituati ad assumere in Italia. Per quanto riguarda gli antibiotici, ritengo vadano sempre prescritti da un collega. Pertanto in previsione di un viaggio è opportuno consultare il proprio medico a riguardo. Redazione: E quali effetti provocano al nostro fisico i viaggi fuori stagione nelle zone più calde? Dott.Zani: Per noi europei durante l'inverno trascorrere un periodo al caldo e al sole è particolarmente utile. In particolare l'esposizione al sole ad esempio è indicata per chi è affetto da osteoporosi, in quanto viene prodotta più vitamina D; oppure pazienti affetti da psoriasi traggono dal sole i migliori benefici. Tuttavia il vero problema sono le condizioni sanitarie del Paese che ci ospita. Redazione: Vogliamo chiarire quest'ultimo aspetto? Dott.Zani: Sì, è importante conoscere a fondo il Paese che visitiamo, in particolare se esistono delle patologie che richiedano una vaccinazione. Per questo è sempre meglio rivolgersi al proprio medico. Nei paesi caldi esistono particolari attenzioni da adottare per quanto riguarda l'alimentazione. In particolare trovo opportuno avere a disposizione un blando disinfettante intestinale da usare per controllare la "diarrea del viaggiatore" che dal Sud America all'Africa accompagna i turisti di tutto il mondo. Redazione: E se i sintomi compaiono al ritorno dal viaggio? Dott.Zani: A questo proposito ritengo opportuno riferire al proprio medico gli spostamenti degli ultimi 6 mesi almeno. Ad esempio i tempi di incubazione di una Epatite A, acquisita tramite l'ingestione di alimenti contaminati come molluschi crudi, pesce poco cotto o verdure crude, compaiono mediamente dopo un mese. Redazione: Una persona che viaggia molto in territori in cui vi sono malattie endemiche può diffondere pericolose epidemie una volta rientrato nel proprio Paese? Dott.Zani: L'Organizzazione Mondiale della Salute costantemente è informato della diffusione di patologie gravi trasmissibili, pertanto se esistono sospetti in una regione del mondo vengono prese delle serie misure di isolamento dei soggetti affetti. Inoltre ad es. se un cittadino europeo si è recato in una zona a rischio, tramite le autorità competenti ( consolati, ecc.) viene informato e obbligato a rivolgersi al suo rientro ad ospedali idonei. Nei casi più pericolosi, ad es. per sospetta Ebola, si trattiene il paziente in stretto isolamento. Ad es. a Milano l'ospedale Luigi Sacco è attrezzato per queste vere e proprie emergenze. Si tratta di semplici attenzioni per proteggere la salute di noi tutti. Buona giornata!

Autore : Dott.ssa Vittoria Zani

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum