Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Via libera all'instabilità primaverile ma alcune zone saranno più privilegiate di altre

Nei prossimi giorni il continente europeo diverrà protagonista di una lunga fase di instabilità portata dapprima dalle masse d'aria fredde di estrazione artica, poi forse anche dall'aria fresca nord-atlantica. In ambito italiano, assisteremo ad una migrazione dell'instabilità verso le regioni settentrionali. Vediamo nel dettaglio.

In primo piano - 23 Aprile 2015, ore 17.45

L'ultimo baluardo dell'alta pressione europea interesserà il nostro stivale italiano nella giornata di domani, venerdì 24 aprile, regalando ancora una giornata di tempo buono e sgombero da nubi su diverse delle nostre regioni italiane da nord a sud. Con tutta probabilità avremo a che fare con l'ultima fase di anticiclone, segnatamente per quanto concerne l'evoluzione atmosferica attesa sulla Mitteleurope e le regioni settentrionali italiane.

Sulle aree meridionali del Mediterraneo, incluso quindi il Mezzogiorno d'Italia, si preannuncia invece una discreta sequenza di giornate complessivamente positive, nelle quali il sole e le temperature molto miti sarebbero i principali attori protagonisti del palcoscenico atmosferico locale. Merito di tutto questo, l'innalzamento delle fasce anticicloniche subtropicali.

Questo non significa che le regioni meridionali a partire da questo momento smetteranno di veder cadere la pioggia per chissà quanto tempo. L'innalzamento degli anticicloni di natura subtropicale, rappresentano un processo inevitabile di avanzamento stagionale che su queste regioni tenderà a confinare l'instabilità entro periodi minori di tempo. L'avanzamento della primavera infatti, si riflette su di un innalzamento del centro motore dei sistemi perturbati che smettono di coinvolgere come obiettivo primario i settori meridionali, concentrando i propri effetti soprattutto al nord.

L'accentuazione del divario termico tra queste due grandi fasce climatiche, andrà creando i presupposti perchè possano trarne vantaggio alcune importanti circolazioni depressionarie che a livello nazionale rinnoverebbero condizioni di tempo instabile soprattutto sulle regioni settentrionali.Tale migrazione del "fulcro" depressionario verso latitudini più elevate si farà sentire già nel weekend ormai imminente, il quale sarà influenzato dal transito di un sistema frontale che in questo frangente e dopo diverso tempo, porterebbe precipitazioni più abbondanti al nord.

Segnatamente sulle regioni del nord, il profilo termico potrà presentare valori termici votati ad un leggero ribasso rispetto ai valori attuali mentre al sud, in virtù di una maggiore ingerenza anticiclonica, potranno essere sperimentate temperature più elevate alternate a diminuzioni effimere in occasione degli episodi di instabilità. .
 


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum