Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Una nuova svolta verso l'inverno dopo metà mese?

La prima parte di gennaio andrà con tutta probabilità consumandosi sotto la spinta di un flusso oceanico che tornerà a soffiare in modo molto energico sui settori europei settentrionali. Una svolta verso scenari più invernali forse nella seconda metà del mese.

In primo piano - 3 Gennaio 2015, ore 17.15

Non sono notizie molto belle quelle portate dalla prima mensilità dell'annata 2015; l'inverno si trova infatti ad affrontare ancora una situazione di difficoltà, determinata dall'eccessiva invadenza delle correnti umide e temperate di origine oceanica. Negli ultimi due anni l'attività depressionaria sin troppo frequente che ha caratterizzato i settori nord-europei e soprattutto nord-atlantici, in parte legata alla semipermanente d'Islanda ed in parte legata all'eccessiva invadenza del lobo canadese del Vortice Polare, ha messo i bastoni tra le ruote all'inverno in Europa. L'eccessivo tiraggio delle correnti oceaniche, ha infatti impedito alle masse d'aria fredda di origine artica o continentale, di riuscire ad espandersi sino ai settori centrali ed occidentali del continente, agevolando il mantenimento di stagionalità molto temperate, con la neve relegata solo alle quote di montagna.

Questa situazione sembra presentarsi anche in questa prima metà di gennaio 2015
, l'eccessiva invadenza delle masse d'aria artiche legate al Vortice Polare, determinerà una vera e propria "esplosione di vorticità" dai settori canadesi e groenlandesi sin verso la penisola Scandinava. Queste aree dell'emisfero sperimenteranno i prossimi giorni condizioni atmosferiche tempestose e molto instabili.

Sui settori europei centrali e meridionali verranno sperimentate condizioni tendenzialmente anticicloniche, con atmosfere tranquille e ventilazione molto più calma. La ragione di questi anticicloni troverà risposta proprio nella furente attività ciclonica nord-atlantica che caratterizzerà il periodo in questione, depressioni così profonde tendono infatti ad attirare verso di sè, le masse d'aria molto più tiepide di origine subtropicale, queste masse d'aria così tiepida vanno poi ad alimentare ed intensificare gli anticicloni. Cicloni extratropicali come quelli previsti dal modello americano la prossima settimana, possono essere considerati come delle vere e proprie "calamite di calore".

La situazione sopra descritta viene comunemente associata a condizioni di "North Atlantic Oscillation positiva" (NAO positiva), trattasi di una condizione sinottica su vasta scala che comprende giusto appunto la presenza di profonde depressioni sull'oceano Atlantico settentrionale, contrapposte ad altrettanto intensi anticicloni alle medie latitudini dell'oceano. Questa condizione va a costituire uno dei pattern meno favorevoli all'imposizione di stagioni invernali europee improntate al freddo.

Dalla seconda metà di gennaio alcuni indici teleconnettivi, in particolare l'andamento della Madden Julian Oscillation (MJO) suggerirebbero una migrazione della bolla di calore anticiclonica dall'Europa all'aperto oceano Atlantico. Il nostro continente potrebbe quindi essere interessato da una circolazione d'aria più fredda di origine artica, con conseguente ripresa delle dinamiche invernali dopo un lungo stop.

Alcune corse del modello americano rivolte a lunghissimo termine, propongono esattamente questo tipo di scenario, staremo a vedere se con i prossimi aggiornamenti avremo delle conferme o delle smentite a tal riguardo.


Seguite tutte le news.


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum