Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Un sasso FREDDO è stato lanciato nello stagno...

Il modello americano crede in un'evoluzione fredda.

In primo piano - 17 Dicembre 2014, ore 10.33

L'abbiamo annunciato ieri, lo ribadiamo anche oggi, dopo aver preso atto che anche l'emissione odierna del modello americano ha virato decisamente in direzione del freddo per gli ultimi giorni dell'anno.

E' stato gettato un sasso freddo o un pezzo di ghiaccio nello stagno, quasi a sorprendere le corse del modello gemello GEFS e le sue fedeli perturbatrici, che per una volta non sono riuscite neanche con la "fantasia" a ricreare scenari più crudi di quello ipotizzato dalla corsa ufficiale GFS per la fine di questo 2014.

Isoterma dei -10°C che sfonda su mezza Europa a 1500m, rovesci di neve a spasso su molte nazioni, vento e freddo invernale come non si vede da tempo. Un po' troppo indubbiamente: la media degli scenari ridimensiona un po', ma non del tutto questo quadro favorevole al Generale Inverno.

Si vede chiaramente dalle mappe il parziale blocco del flusso zonale, con un anticiclone che, sia pure poco convinto, proverebbe a fare muro in pieno Atlantico, favorendo la discesa dell'aria artica almeno verso il centro Europa.

La neve arriverebbe ad imbiancare il nostro Appennino centro-meridionale, poi toccherebbe addirittura alla Valpadana prendersi la sua razione di neve per il giorno di Capodanno. Troppo avanti certo, ma stupisce la perfetta sovrapposizione del run 06 di ieri con quello notturno appena sfornato, tanto che l'uno sembrava la copia dell'altro.

Si sa che spesso, dopo aver gettato il sasso, il modello americano nasconde la mano, per poi lanciare un altro sasso. In pratica per alcuni runs sembra cancellare questo tipo di scenari estremi, per poi riproporli all'improvviso, leggete a tal proposito questo articolo:  
http://meteolive.leonardo.it/news/In-primo-piano/2/peggioramenti-l-effetto-fantasma-nei-modelli/42694/

Aldilà dell'emissione americana comunque i segni di un certo "scompattamento" del vortice polare ci sono tutti e, come avevamo indicato nelle proiezioni stagionali, potrebbero evidenziarsi proprio tra fine anno e la prima decade del gennaio.
 


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum