Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Un po' di instabilità a spasso per l'Italia, poi un ritorno dell'alta pressione ma per quanto?

La penisola italiana lambita dall'aria fresca di origine nord-est europea; si prospettano alcune giornate di tempo incerto soprattutto sui settori centrali e settentrionali italiani, tempo migliore al sud. In seguito ritorno dell'alta pressione accompagnata da valori termici molto miti ma non caldi come quelli delle scorse giornate. Ancora situazione incerta sul lungo termine, ma le possibilità d'avere un risvolto fresco e piovoso restano sempre a debita distanza dallo stivale.

In primo piano - 17 Aprile 2015, ore 17.00

Come era nelle attese, durante la notte un corpo nuvoloso di origine atlantica è riuscito a far breccia sul Mediterraneo, portando un cambiamento del tempo particolarmente evidente sulle regioni settentrionali, dove il cielo risulta nuvoloso, il sole si è concesso raramente ed alcune precipitazioni hanno interessato sia le aree nord-occidentali che quelle nord-orientali. Addensamenti anche al centro mentre il sole resiste soltanto al Mezzogiorno.

Questa parentesi d'instabilità non si esaurirà immediatamente ma riuscirà ad interessare ancora per diversi giorni il nostro Paese
. Riferendoci nello specifico al weekend ormai imminente (sabato 18 - domenica 19), sono attese alcune manifestazioni di instabilità che interesseranno soprattutto i settori centrali e settentrionali italiani,, con un picco massimo di frequenza durante le ore diurne, senz'altro favorite dal surriscaldamento solare di aprile avanzato.

Sotto un punto di vista sinottico, il periodo preso in esame sarà caratterizzato ancora una volta dall'ostinata presenza di un'area d'alta pressione sull'Europa occidentale, distesa dai settori iberici sin verso il Regno Unito e l'oceano Atlantico settentrionale. La roccaforte dell'alta pressione resterà ancora per diverse giornate saldamente ancorata al Regno Unito, operando di fatto una vera e propria azione di blocking nei confronti delle correnti instabili di origine oceanica. Tale situazione agevola la discesa di masse d'aria più fredda che dall'area scandinava e dal Mare del Nord, giungono a ridosso del Mediterraneo, portando instabilità anche sull'Italia.

Instabilità ed annuvolamenti che avranno comunque una durata limitata allo spazio di poche giornate. Da mercoledì 22 aprile infatti, l'alta pressione tornerebbe ad occupare una posizione più invasiva nei confronti del Mediterraneo e dell'Italia, soprattutto per quanto concerne i settori più occidentali e le regioni settentrionali. Un po' di instabilità residua persisterebbe lungo i versanti adriatici.
 
Spostando lo sguardo su maggiori distanze previsionali, quest'oggi sia il centro di calcolo europeo che il centro di calcolo americano, pongono accento sulla creazione di una possibile situazione depressionaria con perno sull'Europa occidentale, in grado di mettere in gioco masse d'aria fredda di origine nord-atlantica. Tale situazione appare ai nostri occhi come una novità che si presenta all'appello dopo molte settimane di egemonia anticiclonica che ha riguardato anche e soprattutto questi settori del continente.

 


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum