Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Un po' di alta pressione all'inizio della terza decade ma non per tutti

Uno sguardo a lungo termine avvalendoci della previsione del modello americano; cosa dovremo aspettarci?

In primo piano - 12 Dicembre 2017, ore 19.30

Volgendo lo sguardo alle lunghe distanze, con l'inizio della terza ed ultima decade di dicembre scorgiamo quest'oggi il probabile rinforzo di una figura di alta pressione sul Mediterraneo e sull'Europa occidentale. Tale rinforzo poggia radici in un ricompattamento del Vortice Polare che raggiungerebbe proprio sotto il periodo natalizio la piena maturazione; nella fascia delle medie latitudini vi sarebbe un rinforzo di gradiente sull'oceano Atlantico settentrionale, in buona sostanza una maggiore attività delle correnti occidentali che avrebbe come conseguenza, la distensione dell'alta pressione delle Azzorre ad invadere parte del continente europeo. 

Nel periodo compreso tra mercoledì 20 dicembre e sabato 23, potremo sperimentare una fase relativamente più stabile e tranquilla, imposta dalla distensione dell'ala orientale dell'anticiclone delle Azzorre. A risentire di questa presenza sarebbero soprattutto la Sardegna, le regioni settentrionali ed i versanti di medio ed alto Tirreno, mentre sui versanti di medio e basso Adriatico e sul Mezzogiorno potrebbero esservi marginali episodi di instabilità portati da residui flussi di venti freddi settentrionali, con temperature abbastanza basse. 

Nel periodo successivo (festività di Natale), pur tenendo conto dell'intrinseca volubilità dei modelli a lungo termine, vi potrebbero essere due possibili percorsi:

- il mantenimento dello schema circolatorio appena descritto, quindi l'alta pressione sull'ovest Europa, Italia e bacino centrale del Mediterraneo ai margini con tempo più buono al nord e sul Tirreno ma con possibile instabilità al sud ed adriatiche, freddo. 

- un ribasso vero e proprio del Fronte Polare e con esso una nuova fase di tempo instabile e tempestoso sulla falsariga di quello che abbiamo potuto sperimentare in queste ultime giornate. 


Spingendosi poi a lunghissimo termine, quest'anno il nostro Vortice Polare non pare in grado di preservare una struttura compatta e chiusa per lunghi periodi di tempo. Vi sono delle chances affinchè possa esservi un proseguimento di stagione sotto condizioni dinamiche. 

Seguite gli aggiornamenti su meteolive.it


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum