Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Un nord Atlantico "tagliato" termicamente in due

Diamo un occhiata alle anomalie di temperatura dell'Atlantico centro-settentrionale.

In primo piano - 16 Aprile 2013, ore 14.51

La stagione fredda è ormai alle nostre spalle. Si guarda avanti, per cercare di identificare  e di sapere come potrebbe comportarsi il tempo nelle prossime settimane. Per fare ( o meglio tentare di fare) una previsione a lunga scadenza, si deve tenere conto di molti fattori.

Uno di essi è rappresentato dalle anomalie oceaniche, in modo particolare quelle del nord Atlantico, specchio d'acqua a noi più vicino.

In sostanza, è importante riuscire a scovare le zone dove l'acqua è piu calda o piu fredda. Secondo alcuni studi fatti recentemente, le differenze di temperatura di un oceano si ripercuotono sulla circolazione generale dell'atmosfera, favorendo o frenando l'avanzata del "getto" verso le terre emerse.

In questo frangente cosa notiamo? Un settore con temperature superficiali più alte della norma, posto tra l'Islanda, la Groenlandia e il nord America.

Andando più a sud, ecco una lingua nettamente più fredda, che si diparte dal Continente Americano fino a lambire la Penisola Iberica.

In teoria, il getto trova il percorso spianato laddove le acque oceaniche sono più fredde. Le anomalie positive ( ovvero le zone dove le acque sono più calde) sono invece un ostacolo alla penetrazione del getto stesso e possono fungere da innesco per situazioni anticicloniche bloccanti.

In buona sostanza, le alte pressioni potrebbero prediligere nelle prossime settimane i settori più settentrionali, mentre le depressioni atlantiche assecondare lo stretto ( si fa per dire) corridoio freddo che vedete in figura.

Si tratterebbe di una situazione non foriera di stabilità per la nostra Penisola. Ben sappiamo che quando le alte pressioni si dipartono a latitudini settetrionali, il bacino del Mediterraneo si trova spesso a fare i conti con depressioni o instabilità.

Un primo assaggio instabile lo avremo nel prossimo fine settimana, ma anche successivamente non si notano ancora grosse invasioni calde da parte di anticicloni simil-estivi. Staremo comunque a vedere.


Autore : Paolo Bonino

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum