Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Un ciclone tropicale in casa? Non proprio

TLC nel Mediterraneo. E' già successo e risuccederà ma quello di questi giorni non sembrerebbe in grado di diventarlo a tutti gli effetti.

In primo piano - 3 Settembre 2012, ore 08.51

Probabilmente qualcuno dirà che questa è una disquisizione accademica e che potevamo risparmiacela, ma l'evoluzione calda del clima sulla Terra si studia anche a partire da questi fenomeni. Su un mare Mediterraneo costantemente fresco, sarebbe impossibile pensare alla formazione di queste figure perturbate "ibride", ma parleremmo unicamente di depressione extra-tropicale senza starci troppo a pensar su. 

Invece proprio il particolare periodo in cui si è incastrata nel Mediterraneo questa depressione, il mare caldo dopo un'estate rovente e la particolare evoluzione della figura perturbata, suggeriscono qualche riflessione in più. Quando una depressione invecchia i minimi al suolo e quello in quota tendono a sovrapporsi e si parla di barotropismo. Da lì in poi la depressione finisce per colmarsi entro qualche giorno.

Qualora però il vortice continuasse a ricevere "nutrimento" dal mare, la sua natura potrebbe modificarsi e così assumerebbe un cuore caldo, una sorta di piccolo uragano mediterraneo, o di Medicane, come si dice oggi. Simili cicloni hanno la maggiore possibilità di formarsi sui nostri mari proprio nel mese di settembre (22%).

La letteratura le definisce più propriamente come "tempeste ibride" o "bombe mediterranee" ed oltretutto per essere definite tali devono essere caratterizzate dalla presenza di un occhio a cuore caldo, cioè con temperature anche di 6°C superiori a quelle che si registrano nei settori perturbati circostanti.

L'occhio deve essere ben definito e senza nubi, e tutta la figura deve essere accompagnata da ventilazione sostenuta, almeno con venti a 100km/h e accompagnati da precipitazioni temporalesche e da piogge intense e abbondanti, con diametro di circa 200-300km, ma talvolta anche di 400, con vita media del ciclone stimata in circa 48 ore.

In questo caso gioca a favore l'eccesso di energia termica accumulata sul mare, che si trasforma in energia cinetica, con importante moto vorticoso dell'aria. La zona è quella del Mar di Sardegna. Condizioni favorevoli sono anche l'isolamento del vortice proprio in prossimità dell'isola e la presenza di un'area di discontinuità frontale quasi stazionaria al livello del mare.

Una volta formatosi il vortice funziona come una pompa di aspirazione che risucchia calore e vapore dal mare; la pressione si approfondisce e il vento si intensifica. Ecco, tutto questo dai nostri modelli a scala limitata si vede solo per poco e in modo parziale nella giornata di martedì, per poi lasciar subito spazio ad un indebolimento di tutta la struttura. Altre carte ne vedono un nuovo potenziamento intorno a giovedì, venerdì, sul basso Tirreno, ma lì potrebbe essere già tardi.

Comunque sia terremo d'occhio tutta la struttura.

 


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum