Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Un cambiamento del tempo dalla terza decade di novembre

Attese sul Mediterraneo e sull'Italia, ancora diverse giornate di alta pressione accompagnata da valori termici piuttosto elevati. Un cambiamento potrebbe farsi strada con l'arrivo della terza ed ultima decade di novembre, momento in cui l'Europa sperimenterebbe un abbassamento del Fronte Polare sino alle latitudini del Mediterraneo.

In primo piano - 13 Novembre 2015, ore 17.00

Le previsioni odierne accentuano e se possibile mettono un punto fermo a quel famigerato cambiamento del tempo che abbiamo pronosticato già dalla serata di ieri e che potrebbe trascinare la nostra penisola verso una nuova fase di tempo instabile con target la terza decade di novembre. L'alta pressione andrebbe insomma attenuando i propri effetti sul Mediterraneo, lasciando il posto ad una vasta ansa depressionaria frutto di un'azione di disturbo a carico del Vortice Polare che inizierà a palesarsi dalla seconda metà di novembre.

Cosa dovremo attenderci in buona sostanza? 

Un abbassamento del Fronte Polare porterà masse d'aria più fredde ed instabili verso la fascia delle medie latitudini: ad innescare questo cambiamento, una risalita abbastanza massiccia di masse d'aria calda dall'oceano Atlantico occidentale in direzione del Canada e della Groenlandia, laddove prenderebbe consistenza un promontorio d'alta pressione associabile ad una vera e propria configurazione di blocco. 

L'Europa sperimenterebbe pertanto una diminuzione su vasta scala della pressione e delle altezze geopotenziali, provocata da quello che pare profilarsi come un vero e proprio distacco di un lobo del Vortice Polare verso il vecchio continente. Trattasi per lo più di masse d'aria artiche oppure polari marittime, in grado quindi di apportare molta instabilità, un calo significativo delle temperature alle quote superiori ma nessun episodio di gelo alle basse quote e sulle pianure.

Sarebbe comunque una buona occasione per assistere al ritorno della NEVE lungo il nostro arco alpino, ormai da molte settimane tormentato da temperature sopra la media, con buona pace per i nostri sofferenti ghiacciai. 

Quale destino per l'alta pressione termica sul continente Euroasiatico? 

Un punto a sfavore per chi invece tra i meteoappassionati sperava nell'arrivo del freddo intenso già entro la prima decade dicembrina: il distacco dell'ampia saccatura sopra descritta, porterebbe infatti ad un inevitabile surriscaldamento della temperatura sui settori orientali d'Europa, laddove la risalita d'aria tiepida innescata dai venti meridionali di richiamo, determinerebbe una retrocessione delle masse d'aria gelida legate all'anticiclone russo-siberiano. 


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 17.57: A14 Bologna-Ancona

vento-forte

Vento forte nel tratto compreso tra Faenza (Km. 64,5) e Pesaro-Urbino (Km. 155,9) in entrambe le..…

h 17.57: Milano Via Francesco Melzi D'Eril

incidente rallentamento

Traffico rallentato causa incidente sulla Via Cesare Cesariano…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum